jules verne - i naufraghi dello chancellor

of 199 /199
 

Upload: fulvix88

Post on 03-Jun-2018

238 views

Category:

Documents


7 download

TRANSCRIPT

Page 1: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 1/199

 

Page 2: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 2/199

 JULES VERNE

I NAUFRAGHI DEL«CHANCELLOR»

Disegni di E. Riou e J.-D. Fératincisi da Th. Hildibrand, A.-F. Pannemaker e Ch. Barbant

Copertina di Bruno FaganelloU. MURSIA & C.

MILANO

TITOLO ORIGINALE DELL’OPERALE CHANCELLOR

(1875)

Traduzioni integrali dal francese di Giuseppe MinaPrima edizione: 1968 Seconda edizione: 1970

Proprietà letteraria e artistica riservata - Printed in ItalyCopyright 1968-1970 U.MURSIA &C.

882/AC/II - U. MURSIA &C. - Milano - Via Tadino,29

Page 3: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 3/199

IndicePRESENTAZIONE ________________________________________ 6 

 I NAUFRAGHI DEL «CHANCELLOR» ____________________ 9 

Capitolo I ________________________________________________ 9 

Capitolo II _______________________________________________ 11 

Capitolo III ______________________________________________ 13 Capitolo IV ______________________________________________ 15 

Capitolo V _______________________________________________ 20 

Capitolo VI ______________________________________________ 23 

Capitolo VII _____________________________________________ 26 

Capitolo VIII ____________________________________________ 30 

Capitolo IX ______________________________________________ 33 

Capitolo X _______________________________________________ 36 

Capitolo XI ______________________________________________ 40 Capitolo XII _____________________________________________ 43 

Capitolo XIII ____________________________________________ 47 

Capitolo XIV _____________________________________________ 52 

Capitolo XV _____________________________________________ 55 

Capitolo XVI _____________________________________________ 58 

Capitolo XVII ____________________________________________ 64 

Capitolo XVIII ___________________________________________ 67 

Capitolo XIX _____________________________________________ 73 Capitolo XX _____________________________________________ 76 

Capitolo XXI _____________________________________________ 80 

Capitolo XXII ____________________________________________ 84 

Capitolo XXIII ___________________________________________ 87 

Capitolo XXIV ___________________________________________ 90 

Page 4: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 4/199

Capitolo XXV ____________________________________________ 93 

Capitolo XXVI ___________________________________________ 97 

Capitolo XXVII _________________________________________ 101 

Capitolo XXVIII _________________________________________ 104 

Capitolo XXIX __________________________________________ 106 

Capitolo XXX ___________________________________________ 108 

Capitolo XXXI __________________________________________ 110 

Capitolo XXXII _________________________________________ 113 

Capitolo XXXIII _________________________________________ 117 

Capitolo XXXIV _________________________________________ 120 

Capitolo XXXV _________________________________________ 124 

Capitolo XXXVI _________________________________________ 127 

Capitolo XXXVII ________________________________________ 129 

Capitolo XXXVIII _______________________________________ 132 Capitolo XXXIX _________________________________________ 137 

Capitolo XL ____________________________________________ 141 

Capitolo XLI ____________________________________________ 144 

Capitolo XLII ___________________________________________ 147 

Capitolo XLIII __________________________________________ 150 

Capitolo XLIV __________________________________________ 155 

Capitolo XLV ___________________________________________ 159 

Capitolo XLVI __________________________________________ 161 Capitolo XLVII _________________________________________ 165 

Capitolo XLVIII _________________________________________ 167 

Capitolo XLIX __________________________________________ 169 

Capitolo L ______________________________________________ 171 

Capitolo LI _____________________________________________ 172 

Page 5: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 5/199

Capitolo LII ____________________________________________ 174 

Capitolo LIII ____________________________________________ 177 

Capitolo LIV ____________________________________________ 180 

Capitolo LV ____________________________________________ 183 

Capitolo LVI ____________________________________________ 186 

Capitolo LVII ___________________________________________ 187 

SPIEGAZIONE DEI TERMINI MARINARESCHI USATI INQUESTO LIBRO ________________________________________ 189 

Page 6: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 6/199

 PRESENTAZIONE

Con I naufraghi del «Chancellor», uscito per la prima volta nel1875, Verne ci ha dato un libro tipicamente marinaresco, impostato

tutto ed esclusivamente su una drammatica traversata dell'Atlantico. Dal punto di vista del racconto, ciò che colpisce immediatamente inquesto libro è il nuovo tipo di narrazione impiegato da Verne, unanarrazione in prima persona, apparentemente secca e spoglia, manon per questo meno efficace. Anzi, proprio la narrazione in prima

 persona conferisce a fatti e avvenimenti una autenticità di «vitavissuta»  che non avrebbero avuto nella forma più staccata edall'esterno del racconto in terza persona. 

 Il romanzo è infatti una specie di «diario di bordo» di uno dei passeggeri, il signor Kazallon, che giorno per giorno annota ciò chesuccede (e di cose ne succedono tante!) a cominciare dal colpo di

scena iniziale in cui il capitano della nave, Huntly, rivela inquietantisegni di squilibrio mentale.  Ma non è tutto. La nave corre un gravissimo pericolo. Nella stiva 

è scoppiato un incendio che cova lentamente e silenziosamente e chesarebbe follia affrontare direttamente. Ogni supplemento d'aria lo

 farebbe divampare in modo irreparabile. Bisogna combatterloimpedendo ogni accesso d'aria nella stiva, in modo che sì spenga dasolo, a poco a poco. È una situazione terribile, tesa sul calcolo delle

 probabilità, una specie di scommessa con il fuoco. Ma a renderla piùtragica c'è anche un altro fatto, che prende evidenza quasiall'improvviso. A bordo della nave c'è un carico di «picrato di

 potassio», un potente esplosivo, che basterebbe da solo a far saltarein aria una montagna, la nave, dirà freddamente il primo ufficiale, ècome attaccata al fornello di una mina e la miccia è accesa... Restasoltanto da sapere se la miccia è lunga. 

Ecco il quadro iniziale del romanzo. In questa situazionedisperata Robert Kurtis, il primo ufficiale, prende il comando dellanave, sostituendo il capitano ammalato. E Verne approfitta di questomomento di panico generale per presentarci tutti gli altri personaggi

Page 7: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 7/199

di bordo, descriverne le reazioni e lo sgomento, sempre per mezzodel suo scrivano scelto, il passeggero Kazallon, che momento permomento annota sul suo diario i particolari della drammaticaavventura. 

Una figura di grande rilievo è il nuovo capitano, Robert Kurtis,che lotta freddamente contro un avverso destino, per sé e per tutti.

 Ma egli non è soltanto un uomo lucido ed energico; è anche un uomo

 persuasivo e abile, tanto che riesce a infondere coraggio alla parte più attiva dell'equipaggio e a crearsi validi collaboratori anche tra i passeggeri. Ed è proprio per questa collaborazione che egli alla fineriuscirà vincitore. Contro le insidie e le violenze dell'oceano, controil fuoco silenzioso che divora la bella nave, contro il picrato di

 potassio, contro la fame e la sete, e soprattutto contro la paura e ladisperazione. 

 Le ore e i giorni - interminabili - scorrono così sotto la penna diKazallon. E non solo quelli trascorsi sul Chancellor, la navecondannata, ma anche quelli più terribili e allucinanti trascorsi suuna zattera di pochi metri quadrati, sempre circondata da famelici

 pescecani che attendono pazienti il loro pasto quotidiano. È un racconto preciso, minuzioso, a tratti terrificante, da cui

emergono il coraggio e la paura, la nobiltà d'animo e la viltà,l'egoismo e la generosità, le virtù e le debolezze dell'uomo. E tuttoquesto con una eccezionale intensità, perché eccezionali e quasisovrumane sono le prove che i naufraghi devono affrontare. 

 L'uomo è ancora una volta al centro del romanzo, ma ciò nontoglie che questa volta gli si ponga davanti un altro protagonista,che è anche il suo antagonista: il mare, con tutta la sua forzaterribile e la sua sconfinata bellezza. 

Page 8: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 8/199

JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A undici anni,tentato dallo spirito d'avventura, cercò di imbarcarsiclandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo ericondotto dal padre. A vent'anni si trasferì a Parigi per studiarelegge, e nella capitale entrò in contatto con il miglior mondointellettuale dell'epoca. Frequentò soprattutto la casa di Dumas padre,dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari.

Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie elibretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercareun'occupazione più redditizia presso un agente di cambio a Parigi.Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava incontatto con l'editore Hetzel di Parigi e, nel 1863, pubblicava ilromanzo Cinque settimane in pallone. La fama e il successo giunsero fulminei. Lasciato l'impiego, si dedicòesclusivamente alla letteratura e un anno dopo l'altro - in base a uncontratto stipulato con l'editore Hetzel - venne via via pubblicando iromanzi che compongono l'imponente collana dei « Viaggistraordinari - I mondi conosciuti e sconosciuti » e che costituiscono il

filone più avventuroso della sua narrativa. Viaggio al centro dellaTerra, Dalla Terra alla Luna, Ventimila leghe sotto i mari, L’isolamisteriosa, Il giro del mondo in 80 giorni, Michele Strogoff sono ititoli di alcuni fra i suoi libri più famosi. La sua opera completacomprende un'ottantina di romanzi o racconti lunghi, e numerosealtre opere di divulgazione storica e scientifica.Con il successo era giunta anche l'agiatezza economica, e Verne, nel1872, si stabilì definitivamente ad Amiens, dove continuò il suolavoro di scrittore, conducendo, nonostante la celebrità acquistata,una vita semplice e metodica. La sua produzione letteraria ebbetermine solo poco prima della morte, sopravvenuta a settantasette

anni, il 24 marzo 1905.

Page 9: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 9/199

I NAUFRAGHI DEL«CHANCELLOR»

C  APITOLO I

CHARLESTON.  27 SETTEMBRE 1869. — Lasciamo il molo dellaBatteria alle tre pomeridiane, con l'alta marea. Il riflusso ci spingerapidamente al largo. Il capitano Huntly ha fatto spiegare le vele altee basse, e la brezza del nord spinge il Chancellor attraverso la baia.Ben presto il forte Sumter è doppiato  e ci lasciamo a sinistra  le

 batterie radenti della costa. Alle quattro, l'imboccatura, da cui sfuggeuna rapida corrente di riflusso, lascia il passo alla nave. Ma l'alto

mare è ancora lontano, e, per giungervi, bisogna seguire gli stretti passi che le onde hanno scavato fra i banchi di sabbia. Il capitanoHuntly si immette dunque nel canale di sud-ovest e si ponesull'allineamento tra il faro della punta e l'angolo sinistro del forteSumter. Le vele del Chancellor sono allora orientate in bolina stretta,e alle sette pomeridiane la nostra nave rasenta l'ultima punta sabbiosadella costa, poi, col vento in poppa, si lancia nell'Atlantico.

Il Chancellor,  bel tre alberi attrezzato a nave di novecentotonnellate, appartiene alla ricca casa fratelli Leard, di Liverpool; èuna nave di due anni, rivestita e impernata in rame, con fasciame inlegno di teck, e i cui tronchi maggiori degli alberi, tranne quellodell'albero di mezzana, sono in ferro come l'attrezzatura. Questo

 bastimento, iscritto come di primo ordine nel Ventas1 compie ora ilsuo terzo viaggio fra Charleston e Liverpool. Uscendo dai passi diCharleston è stata ammainata la bandiera britannica, ma al solovedere questa nave, un marinaio non potrebbe sbagliare sulla suaorigine: è proprio quello che sembra essere, ossia inglese dalla linea

1 Il Bureau Veritas è il Registro Navale francese. (N.d.T.) 

Page 10: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 10/199

di galleggiamento alla formaggetta degli alberi.Ecco per quale motivo mi sono imbarcato a bordo del Chancellor,

che torna in Inghilterra. Non esiste alcun servizio diretto di navi a vapore tra la Carolina

del Sud ed il Regno Unito. Per prendere una linea transoceanica bisogna, o risalire nel nord degli Stati Uniti, a New York, ovveroscendere a sud, a New Orleans. Fra New York e il vecchio continente

sono in esercizio molte linee, inglese, francese, amburghese, e unoScotta, un Pereire o un Holsatia mi avrebbero condotto rapidamentealla mia meta. Fra New Orleans e l'Europa i piroscafi della  NationalSteam navigation Co., che raggiungono la linea francesetransatlantica da Colon e da Aspinwall, fanno rapide traversate. Senon che, percorrendo i moli del porto di Charleston, vidi ilChancellor; mi piacque, e non so quale istinto mi spinse a bordo diquesta nave che offre tutti i comodi. D'altra parte la navigazione avela, quand'è favorita dal vento e dal mare, - quasi altrettanto rapidacome la navigazione a vapore, - è preferibile sotto tutti gli aspetti.All'inizio dell'autunno, in queste latitudini già basse, la stagione è

ancora buona. Mi decisi dunque d'imbarcarmi sul Chancellor. Ho fatto bene o male? Dovrò pentirmi della mia decisione?,

L'avvenire me lo dirà. Scrivo queste note giorno per giorno, e nelmomento in cui scrivo non ne so più di coloro che leggono questodiario, se pure questo diario dovrà mai trovar lettori.

Page 11: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 11/199

C  APITOLO II

28 SETTEMBRE.  — Ho detto che il capitano del Chancellor sichiama Huntly, nome di battesimo John Silas. È uno scozzese di

Dundee, sulla cinquantina, che si dice conosca alla perfezione la rotta dell'Atlantico. È di media statura, ha le spalle strette, la testa piccola,che per abitudine tiene un po' piegata a sinistra. Sebbene io non siaun gran fisonomista, mi par già di poter giudicare il capitano Huntly

 benché lo conosca solo da poche ore.Che Silas Huntly abbia fama di essere buon marinaio e che sappia

 benissimo il suo mestiere, non discuto; ma che quest'uomo possiedaun'indole ferma, un'energia fisica e morale a tutta prova, no! non èammissibile.

Infatti, il capitano Huntly si muove pesantemente, ed il suo corposembra, per così dire, prostrato. È apatico, lo si capisce dalla

incertezza dello sguardo, dal movimento passivo delle mani e da queldondolio lento che lo fa appoggiare ora su una gamba, ora sull'altra. Non è, non può essere un uomo energico e nemmeno un uomocaparbio, perché i suoi occhi non si contraggono, perché la suamascella è cascante e le sue mani non hanno tendenza abituale aserrarsi a pugno. Inoltre gli trovo un'aria strana, che non sapreiancora spiegarmi; ma l'osserverò con l'attenzione che merita ilcomandante d'una nave, colui che si chiama «il padrone dopo Dio».

Ora, se non mi sbaglio, fra Dio e Silas Huntly a bordo vi è un altrouomo che mi sembra destinato, all'occorrenza, a pigliare un postoimportante. È il primo ufficiale del Chancellor, che io non ho ancora

studiato abbastanza e del quale mi riservo di parlare più avanti.L'equipaggio del Chancellor è composto dal capitano Huntly, dal

 primo ufficiale Robert Kurtis, dal secondo ufficiale Walter, da unnostromo e da quattordici marinai inglesi o scozzesi, ossia diciottouomini: quanti bastano alla manovra  di una nave di novecentotonnellate. Essi sembrano conoscere bene il loro mestiere. Tuttoquanto posso affermare finora è che agli ordini del primo ufficialeessi hanno manovrato con molta abilità nei passi di Charleston.

Page 12: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 12/199

Completo l'enumerazione delle persone imbarcate a bordo delChancellor,  citando lo steward Hobbart, il cuoco negro Jynxtrop edando la lista dei passeggeri.

I passeggeri sono otto, me compreso. Li conosco appena, ma lamonotonia di una traversata, gli incidenti d'ogni giorno, il contattoquotidiano fra persone chiuse in uno stretto spazio, quel bisogno cosìnaturale di scambiarsi opinioni, la curiosità innata nel cuore

dell'uomo, tutto ciò presto ci avvicinerà. Finora il trambustodell'imbarco, l'installamento nelle cabine, le sistemazioni resenecessarie da un viaggio, che può durare da venti a venticinquegiorni, e varie altre occupazioni ci hanno tenuti lontani gli uni daglialtri. Ieri e oggi non sono neppure comparsi alla mensa in quadratotutti i commensali; forse alcuni sono afflitti dal mal di mare. Non liho dunque visti tutti, ma so che fra i passeggeri vi sono due signoreche occupano le cabine di poppa, le cui finestre si aprono nel quadrodi poppa della nave.

Ma ecco la lista dei passeggeri, così come l'ho rilevata sui libridella nave:

Il signore e la signora Kear, americani, di Buffalo;La signorina Herbey, inglese, dama di compagnia della signora

Kear; Il signor Letourneur e suo figlio, André Letourneur, francesi,di Le Havre; William Falsten, ingegnere di Manchester, e John Ruby,negoziante di Kardiff, inglesi entrambi;

J. R. Kazallon, di Londra, - autore di queste note.

Page 13: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 13/199

C  APITOLO III

29 SETTEMBRE.  — La polizza di carico del capitano Huntly, ossial'atto che accerta il carico delle mercanzie sul Chancellor e le

condizioni di trasporto di tali mercanzie, è concepita in questitermini:

« Bronsfield e C, Agenti commissionari. Charleston. 

Io, John Silas Huntly, di Dundee (Scozia), comandante la naveChancellor, che stazza novecento tonnellate circa, trovandomi oraa Charleston, per recarmi, appena il tempo lo permetta,direttamente e sotto la protezione di Dio fin davanti alla città diLiverpool, ove avverrà il mio scarico, riconosco di aver ricevutonella mia nave e sotto il suo  ponte  di coperta, da voi, signoriBronsfield & Co., Agenti commissionari in Charleston,millesettecento balle di cotone, del valore di lire sterline 26.000, iltutto in buono stato, ben marcato e numerato come a margine; iquali effetti io prometto di condurre senza avarie, salvo i disastri edi pericoli del mare, a Liverpool, e là di consegnarli ai signorifratelli Leard o a chi essi vorranno, pagandomi per nolo la sommadi lire sterline 2000, e nulla più, secondo il contratto di noleggio, einoltre regolandomi in caso di avarie secondo gli usi e costumi delmare. Per l'adempimento di quanto sopra, ho obbligato ed obbligola mia persona, i miei beni e la mia nave con tutti i suoi annessi.

In fede di che ho sottoscritto tre polizze del medesimo tenore,soddisfatta l'una delle quali, le altre saranno nulle.

Charleston, 13 settembre 1870.

J. S. Huntly».

Così dunque il Chancellor porta a Liverpool millesettecento balledi cotone. Spediscono: Bronsfield & Co., di Charleston. Destinatari: ifratelli Leard, di Liverpool.

Il carico è stato fatto con la massima cura, essendo la navecostrutta per il trasporto del cotone. Le balle occupano tutta la stiva,

Page 14: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 14/199

tranne una piccola parte, riservata ai bagagli dei passeggeri, e queste balle, stivate accuratamente mediante martinetti, costituiscono unamassa estremamente compatta. In tal modo ogni più piccola partedella stiva viene utilizzata, vantaggio notevole per una nave, che puòcosì accogliere il massimo carico.

Page 15: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 15/199

C  APITOLO IV

DAL 30 SETTEMBRE AL 6 OTTOBRE.  — Il Chancellor è una naveassai veloce, che cederebbe senza svantaggio alcuno i velacci a più

d'una nave delle sue stesse dimensioni, e da quando la brezza harinfrescato, una lunga scia nettamente tracciata si stende a  poppa  a perdita d'occhio. La si direbbe un lungo merletto bianco steso sulmare come sopra un fondo azzurro.

L'Atlantico non è molto tormentato dal vento. Che io sappia,nessuno a bordo è più disturbato dal rollio o dal  beccheggio. D'altra

 parte nessuno dei passeggeri è al suo primo viaggio, e tutti, chi piùchi meno, hanno familiarità con il mare. Perciò, all'ora dei pasti,intorno alla tavola non vi sono posti lasciati liberi.

Fra i passeggeri cominciano a stringersi i primi rapporti diconoscenza, e la vita di bordo diventa meno monotona. Il francese, il

signor Letourneur, ed io chiacchieriamo spesso insieme.Il signor Letourneur è un uomo sulla cinquantina, d'alta statura,dai capelli bianchi e dalla barba brizzolata. Pare certamente piùvecchio di quanto non sia, e ciò perché ha sofferto molto. Profondidolori lo hanno messo alla prova e, aggiungo io, lo mettono alla

 prova tuttora. Quest'uomo porta evidentemente in sé un'inesauribilefonte di malinconia, e ciò si nota dal corpo alquanto prostrato, dalcapo assai spesso chino sul petto. Non ride mai, a malapena sorride, esoltanto a suo figlio. Ha occhi dolci, ma mi sembra che il lorosguardo appaia soltanto attraverso un velo umido. Il suo volto

 presenta uno strano miscuglio di amarezza e d'amore, e l'espressione

della sua fisonomia è quella d'una bontà piena di cortesia.Si direbbe che il signor Letourneur abbia qualche involontaria

sciagura da rimproverarsi.Ed è così! ma chi non sarà profondamente commosso

apprendendo quali sono i rimproveri, senza dubbio esagerati, chequesto «padre» fa a se stesso!

Il signor Letourneur è a bordo col figlio André, di circa vent'anni,dall'aspetto dolce ed interessante. Questo giovane è il ritratto un po'

Page 16: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 16/199

sbiadito del signor Letourneur, ma - e questo è il dolore insanabile disuo padre - André è malato. La sua gamba sinistra, miseramentedeformata, lo costringe a zoppicare ed egli deve camminareappoggiandosi ad un bastone.

Il padre adora il figliolo, e si sente che tutta la sua vita è dedicata aquella povera creatura. Egli soffre per l'infermità congenita del figlio,

 più ancora di quel che soffra suo figlio stesso, e forse gliene

domanda perdono! Il suo affetto per André si rivela ad ognimomento. Egli non lo lascia mai, previene ogni suo minimodesiderio, spia ogni suo minimo gesto. Le sue braccia appartengono

 più al figlio che a lui stesso, e lo circondano, lo sorreggono, mentre ilgiovane passeggia sul ponte del Chancellor. 

Il signor Letourneur ha stretto specialmente amicizia con me, e mi parla sempre di suo figlio.

Oggi gli dico: — Ho lasciato ora il signor André. Avete in lui un buon figlio,

signor Letourneur. Un giovane intelligente e istruito. — Sì, signor Kazallon, — mi risponde il padre, sulle cui labbra

 balena un sorriso, — è una bell'anima chiusa in un corpo disgraziato,è l'anima della sua povera madre, morta mettendolo al mondo.

 — Vi vuole molto bene, signore. — Caro ragazzo! — mormora il signor Letourneur curvando il

capo. — Ah! — soggiunge, — non potete comprendere quanto soffraun padre al veder il proprio figlio infermo... infermo dalla nascita!

 — Signor Letourneur, — ho risposto, — nella disgrazia che hacolpito vostro figlio, e voi, di conseguenza, non fate le parti uguali.Certo il signor André è da compiangere; ma non conta nulla l'essereamato da voi, come egli lo è? Un'infermità fisica si sopporta megliod'un dolore morale, e il dolore morale è soprattutto per voi. Osservo

attentamente vostro figlio, e, se qualche cosa lo affligge, credo di poter affermare che è la stessa vostra afflizione...

 — Non gliela lascio vedere! — risponde vivamente il signorLetourneur. — Io non ho che una sola occupazione: distrarlo ad ogniistante della sua vita. Mi sono accorto che, nonostante l'infermità,mio figlio ama i viaggi. Il suo spirito ha gambe, anzi addirittura ali, eda molti anni viaggiamo assieme. Prima abbiamo visitato tutta

Page 17: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 17/199

l'Europa e ora abbiamo percorso i principali Stati dell'Unione. Misono occupato personalmente della educazione di André, che nonvolevo mandare in collegio, e ora completo questa educazione con iviaggi. André è dotato di viva intelligenza, di ardenteimmaginazione. È sensibile, e talvolta mi compiaccio nel pensare cheegli dimentica appassionandosi davanti ai grandi spettacoli dellanatura!

 — Sì, signore... senza dubbio..., — dico io. — Ma se lui dimentica, — aggiunge il signor Letourneur, — iono, non dimentico e non dimenticherò mai! Signore, signore, credeteche mio figlio perdoni a sua madre ed a me d'averlo creato infermo?

Il dolore di questo padre che si accusa di una sciagura di cuinessuno è responsabile, mi strazia. Voglio consolarlo, ma in quelmomento appare suo figlio. Il signor Letourneur gli corre incontro elo aiuta a salire la scaletta piuttosto ripida che porta al casseretto.

Là André Letourneur si siede su una delle panche poste sopra lestie dei polli, e suo padre gli si mette al fianco. Discorrono entrambi,ed io prendo parte alla loro conversazione. Essa volge sulla

navigazione del Chancellor, sui pericoli della traversata, sul programma della vita a bordo. Anche il signor Letourneur, come me,non ha troppo buona opinione del capitano Huntly. L'incertezza diquest'uomo ed il suo aspetto intorpidito lo hanno colpitosfavorevolmente. Invece si è fatto un ottimo concetto del primoufficiale, Robert Kurtis, uomo sulla trentina, ben fatto, di molta forzamuscolare, sempre in atteggiamento attivo, e la cui volontà vivace

 pare continuamente pronta a manifestarsi negli atti.Robert Kurtis è salito in questo momento sul  ponte. Lo osservo

attentamente e sono colpito dai sintomi che rivelano la sua energia ela sua carica di vitalità. Se ne sta là, col corpo eretto, l'andatura

sciolta, lo sguardo superbo, i muscoli delle sopracciglia appenacontratti. È un uomo energico e deve possedere quel coraggio freddoche è indispensabile al vero marinaio. Allo stesso tempo è buono,

 perché s'interessa al giovane Letourneur e si fa premura di essergliutile in ogni occasione.

Dopo aver esaminato lo stato del cielo e la velatura della nave, il primo ufficiale s'accosta a noi e prende parte alla nostra

Page 18: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 18/199

conversazione.Mi accorgo che il giovane Letourneur ha piacere di discorrere con

lui.Robert Kurtis ci dà alcuni particolari sui passeggeri, coi quali non

abbiamo ancora molti rapporti.Il signore e la signora Kear sono americani dell'America del Nord;

che hanno ricavato una grande ricchezza dall'utilizzazione di pozzi di

 petrolio. Si sa infatti che è questa l'origine delle grandi ricchezzeodierne degli Stati Uniti. Ma questo signor Kear, uomo sullacinquantina, il quale ha più l'aria d'essere un arricchito che un uomoricco, è un cattivo commensale, cerca e vuole soltanto i suoi comodi.Un suono metallico esce ad ogni istante dalle sue tasche, nelle qualitiene sempre cacciate le mani. Orgoglioso, vanitoso, contemplatoredi se stesso e sprezzatore degli altri, egli affetta una supremaindifferenza per tutto quanto non è lui in persona. Si impettisce comeun pavone, «si fiuta, si assapora, si assaggia», per usare i termini deldotto fisionomista Gratiolet. Insomma, è un imbecille e per di piùegoista. Non so spiegarmi perché si sia imbarcato a bordo del

Chancellor, semplice nave mercantile che non può offrire i comodidei transatlantici.

La signora Kear è una donna insignificante, apatica, indifferente, acui la quarantina ha già toccato le tempie; senza spirito, senzacultura, senza conversazione. Guarda, ma non vede; ascolta, ma nonsente. Pensa? Non potrei affermarlo.

Unica occupazione di questa signora è farsi servire per ogninonnulla dalla sua dama di compagnia, la signorina Herbey, giovaneinglese ventenne, dolce e tranquilla, la quale non senza umiliazioneguadagna le poche lire che le getta il magnate del petrolio.

Questa giovane è molto graziosa, è bionda con occhi d'un azzurro

carico, e la sua fisonomia piacevole non ha quella insipidaggine ches'incontra in certe inglesi. La sua bocca sarebbe bellissima se avessequalche volta il tempo o l'occasione di sorridere. Ma di che ed a chisorriderebbe la povera fanciulla esposta alle continue sgarberie, aicapricci ridicoli della sua padrona? Pure se la signorina Herbeysoffre dentro di sé, almeno si assoggetta e sembra rassegnata alla

 propria sorte.

Page 19: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 19/199

Quanto a William Falsten, è un ingegnere di Manchester, un veroinglese. Dirige un grande stabilimento idraulico nella Carolina delSud, e va a cercare in Europa nuove apparecchiature perfezionate, fracui i mulini a forza centrifuga della ditta Cail. È uomo suiquarantacinque anni, una specie di scienziato, il quale pensa solo allemacchine, e, tutto assorto nella meccanica o nel calcolo, non vedenulla al di là. Quando vi attira nella sua conversazione, non vi è più

 possibile sbarazzarsene, ci passate tutto come in un ingranaggio.Il signor Ruby rappresenta il negoziante qualunque, senzagrandezza, senza originalità. Da vent'anni costui non ha fatto altroche comperare e vendere, e siccome in generale ha venduto più carodi quello che ha comperato, s'è fatto un patrimonio. Che cosa poi faràdelle sue ricchezze non lo sa nemmeno lui. Questo Ruby, la cuiesistenza intera si è spesa nel commercio al minuto, non pensa e nonriflette più; il suo cervello è ormai chiuso ad ogni impressione e nongiustifica affatto il detto di Pascal: «l'uomo è fatto per pensare; è tuttala sua dignità, è tutto il suo merito».

Page 20: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 20/199

C  APITOLO V

7 OTTOBRE.  — Abbiamo lasciato Charleston da dieci giorni, e misembra che abbiamo fatto buona e rapida rotta. Ho spesso occasione

di discorrere con il primo ufficiale, e fra noi è venuta a formarsi unacerta intimità.Oggi Robert Kurtis mi informa che non dobbiamo essere molto

lontani dal gruppo delle Bermude, ossia al largo del capo Hatteras. Il punto osservato ha dato 32° 20' di latitudine nord e 64° 50' dilongitudine ovest dal meridiano di Greenwich.

 — Riconosceremo le Bermude e precisamente l'isola St. Georges prima di notte, — mi dice il primo ufficiale.

 — Come! — ho risposto, — ci accostiamo alle Bermude? Ma iocredevo che una nave che esce da Charleston, diretta a Liverpool,dovesse far rotta a nord e seguire la Corrente del Golfo!

 — Certamente, signor Kazallon — risponde Robert Kurtis, — è larotta che si prende generalmente; ma pare che questa volta il capitanonon sia stato del parere di seguirla.

 — Perché? — Lo ignoro, ma egli ha ordinato rotta a est, e il Chancellor va

verso est. — E non gli avete fatto notare?... — Gli ho fatto notare che non era la rotta solita, e mi ha risposto

che sapeva ciò che doveva fare.Così dicendo, Robert Kurtis aggrotta più volte le sopracciglia, si

 passa macchinalmente la mano sulla fronte e credo di comprendere

che egli non dica tutto quello che vorrebbe dire. — Eppure, signor Kurtis, — ho ripreso, — siamo già al 7 ottobre,

e non è il caso di tentare delle rotte nuove. Non abbiamo un giornoda perdere se vogliamo arrivare in Europa prima della bruttastagione!

 — No, signor Kazallon, non un giorno. — Signor Kurtis, sarei indiscreto se vi chiedessi che cosa pensate

del capitano?

Page 21: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 21/199

 — Penso, — mi risponde il primo ufficiale, — penso che... è ilmio capitano!

Questa risposta evasiva mi preoccupa.Robert Kurtis non si è sbagliato. Verso le tre la vedetta segnala la

terra sopravvento a nord-est, ma essa si mostra solo come una bruma.Alle ore sei salgo sul ponte con i signori Letourneur e ci mettiamo

a guardare questo gruppo delle Bermude, isole di relativamente

scarsa elevazione, difese da una formidabile catena di scogli. — Ecco dunque quell'arcipelago incantato, — dice AndréLetourneur, — quel gruppo pittoresco che il vostro poeta, ThomasMoore, ha magnificato nelle sue odi! Già nel 1643 l'esiliato Walteraveva fatto una descrizione entusiastica di queste isole, e, se nonsbaglio, per lungo tempo le signore inglesi non vollero portare altroche cappelli fatti con una certa foglia di palma bermudiana.

 — Avete ragione mio caro André, — ho risposto — e l'arcipelagodelle Bermude è stato di gran moda nel XVII secolo; ma ora è cadutonel più completo oblio.

 — D'altra parte, signor André, — fa allora Robert Kurtis, — i

 poeti che parlano con entusiasmo di questo arcipelago nonandrebbero d'accordo con i marinai, poiché questo luogo il cuiaspetto li ha affascinati, è di difficile approdo per le navi, e gli scogli,a due o tre leghe da terra, formano una cintura semicircolare nascostasotto le acque che i naviganti temono in modo particolare.Aggiungerò, che la serenità del cielo, tanto vantata dai bermudiani, èspesso turbata dagli uragani. Le loro isole ricevono la coda delletempeste che devastano le Antille, e questa coda, come la coda di una

 balena, è quanto c'è di più terribile. Non consiglierei a coloro cheattraversano l'Oceano di fidarsi di quanto dicono Walter e ThomasMoore!

 — Signor Kurtis, — risponde ridendo André Letourneur, —dovete aver ragione; ma i poeti sono come i proverbi: ce n'è sempreuno per contraddire l'altro. Se Thomas Moore e Walter hannomagnificato questo arcipelago come un meraviglioso luogo disoggiorno, contrariamente a loro, il più grande dei vostri poeti,Shakespeare, ha creduto di dovervi far svolgere le più terribili scenedella sua Tempesta. 

Page 22: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 22/199

Infatti la zona nei pressi dell'arcipelago bermudiano è pericolosa.Gli inglesi, ai quali quel gruppo è sempre appartenuto dal momentodella sua scoperta, lo utilizzano solamente come base militare postafra le Antille e la Nuova Scozia. Del resto esso è destinato a crescere,e probabilmente su vasta scala. Con il tempo, - questo elementoessenziale del lavoro della natura - l'arcipelago, già composto dicentocinquanta tra isole e isolotti, ne conterà un numero maggiore,

 perché le madrepore lavorano continuamente a fare nuove Bermude,che si salderanno l'una all'altra e a poco a poco formeranno un nuovocontinente.

Gli altri tre passeggeri e la signora Kear non si sono dati la pena disalire sul  ponte  per esaminare il curioso arcipelago. Quanto allasignorina Herbey, era appena giunta sul casseretto, che la vocestrascicata della signora Kear si fece udire obbligando la giovane ariprendere il suo posto pressò di lei.

Page 23: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 23/199

C  APITOLO VI

DALL'8 AL 13 OTTOBRE.  — Il vento comincia a soffiare da nord-est con una certa violenza, e il Chancellor, sotto le vele di gabbia al

 basso terzarolo e la vela di trinchetto, ha dovuto mettersi alla cappa.Il mare è molto lungo e la nave avanza con difficoltà. Le paratiedel quadrato gemono in un modo che finisce per seccare. I passeggerise ne stanno quasi tutti sotto il casseretto.

Quanto a me, preferisco rimanere sul ponte, benché una pioggiasottile mi ammolli con le sue molecole polverizzate dal vento.

Per due giorni corriamo così di bolina stretta. Da «gran fresco», lospostamento degli strati atmosferici è passato allo stato di «raffica».Gli alberetti di velaccio vengono calati. Il vento soffia a cinquanta-sessanta miglia all'ora.2 

 Nonostante le eccellenti qualità del Chancellor, la sua deriva è

notevole e siamo trascinati verso il sud. Lo stato del cielo, oscuratodalle nubi, non permette di prendere l'altezza e, non essendosi potutostabilire il punto, bisogna fare affidamento soltanto sulla stima.

I miei compagni di viaggio, ai quali il primo ufficiale non ha dettonulla, non possono sapere che stiamo seguendo una rotta assolutamente inesplicabile. L'Inghilterra è a nord-est, e noi corriamoa sud-est! Robert Kurtis non comprende nulla dell'ostinazione delcapitano, il quale dovrebbe almeno cambiare mure e, facendo rotta anord-ovest, ripigliare le correnti favorevoli. Ma no! Da quando ilvento è passato a nord-est, il Chancellor si spinge sempre più a sud.

Quel giorno, trovandomi solo sul casseretto con Robert Kurtis:

 — È pazzo il vostro capitano? — gli ho detto. — Lo chiederò a voi, signor Kazallon, — mi risponde Robert

Kurtis, — dato che l'avete osservato attentamente. — Non so davvero che cosa rispondervi, signor Kurtis, ma

confesso che la sua fisonomia bizzarra, i suoi occhi a voltestralunati!... Avete già navigato con lui?

2 Circa trenta metri al secondo. (N.d.A.) 

Page 24: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 24/199

 — No, è la prima volta. — E gli avete ripetuto le vostre osservazioni circa la rotta che

 percorriamo? — Sì, ma mi ha risposto che è la buona. — Signor Kurtis, — ho ripreso io, — che cosa ne pensano il

secondo ufficiale Walter e il nostromo di questo modo di agire? — Pensano come me.

 — E se il capitano Huntly volesse portare la sua nave in Cina? — Ubbidirebbero come me. — Ma l'obbedienza ha dei limiti. — No, fin tanto che la condotta del capitano non mette la nave in

 pericolo. — Ma se egli è pazzo? — Se è pazzo, signor Kazallon, studierò quel che dovrò fare.Ecco una complicazione che non mi aspettavo affatto

imbarcandomi sul Chancellor. Frattanto il tempo è divenuto sempre più brutto, ed una vera

 burrasca si scatena in questa parte dell'Atlantico. La nave è stata

costretta a mettersi alla cappa con la vela di gabbia al basso terzarolo e con il fiocco da tempesta, cioè fa fronte al vento prendendo il mareal mascone. Ma, come ho già detto, deriva notevolmente, e siamosempre più sospinti verso sud.

Ciò diventa chiaro, quando, nella notte tra l'11 e il 12, ilChancellor entra in pieno Mare dei Sargassi.

Questo mare, chiuso dalla tiepida Corrente del Golfo, è una vastadistesa d'acqua coperta di quelle alghe che gli spagnuoli chiamanosargasso, attraverso la quale le navi di Colombo si aprirono la stradacon grande difficoltà durante la loro prima traversata dell'Oceano.

Quando sorge il giorno, l'Atlantico offre ai nostri occhi un aspetto

stranissimo, e i signori Letourneur vengono ad osservarlo, nonostantele raffiche sonore che fanno risonare le sartie metalliche come verecorde d'arpa. I nostri abiti, appiccicati al corpo, andrebbero a

 brandelli se offrissero una minima presa all'aria. La nave balza suquesto mare, reso solido da questa prolifica famiglia di fuchi, vastadistesa erbosa che la sua ruota di prua fende come farebbe il vomeredi un aratro. Talvolta lunghi filamenti, sollevati dal vento, si

Page 25: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 25/199

attorcigliano al sartiame, come tralci di vite del Canada, e formanouna tenda verde tesa da un albero all'altro. Alcune di queste lunghealghe - nastri interminabili che misurano non meno di tre oquattrocento piedi - vanno ad attorcigliarsi fino alla formaggettadegli alberi come altrettante fiamme sventolanti. Per alcune ore

 bisogna lottare contro questa invasione di alghe, e in certi momenti ilChancellor, con l'alberatura coperta di idrofite legate fra loro da

quelle liane capricciose, deve assomigliare a un boschetto che simuova in mezzo ad un'immensa prateria.

Page 26: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 26/199

C  APITOLO VII

14 OTTOBRE.  — Il Chancellor ha finalmente lasciato l'oceanovegetale, e la violenza del vento si è parecchio ridotta. È tornato al

«brezza tesa» e procediamo rapidamente con due terzaroli alle veledi gabbia.Oggi il sole è apparso e splende vivamente. La temperatura

incomincia a farsi molto calda. Il punto, fatto in buone condizioni, dà21° 33' di latitudine nord, e 50° 17' di longitudine ovest. IlChancellor è dunque sceso più di 10 gradi verso sud.

E la sua rotta è sempre sud-est!Ho voluto cercare di spiegarmi questa inconcepibile cocciutaggine

del capitano Huntly, ed ho parlato più volte con lui. È sano di menteo no? Non so che cosa credere. In generale parla assennatamente. Edunque sotto l'influenza d'una follia parziale, di una specie di

«assenza» che riguarda appunto le cose della sua professione? Casidi questo genere si sono già verificati, e ne parlo a Robert Kurtis, ilquale mi ascolta freddamente. Il primo ufficiale me l'ha detto, e melo ripete ancora: egli non ha il diritto di disobbedire al capitano, finoa che la nave non sia in pericolo in conseguenza di un atto di follia

 ben accertato. Sarebbe infatti una misura grave che implicherebbe unatto di estrema responsabilità da parte sua.

Sono tornato nella mia cabina verso le otto di sera, e alla lucedella lampada antirollio ho passato un'ora a leggere ed a riflettere.Poi mi sono coricato e addormentato.

Vengo svegliato alcune ore dopo da un rumore inconsueto. Passi

 pesanti risuonano sul  ponte  e si sente un vivace intrecciarsi didomande. Mi sembra che gli uomini dell'equipaggio corrano con unacerta precipitazione.

Qual è mai la causa di questa agitazione straordinaria? Senzadubbio il  bracciamento dei pennoni, dovuto a una virata di bordo...Ma no! Non può essere questo, perché la nave continua a procederesbandata sulla dritta e conseguentemente non ha cambiato le mure.

Penso per un momento di salire sul ponte, ma il rumore cessa

Page 27: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 27/199

quasi subito. Allora sento il capitano Huntly rientrare nella suacabina posta a  prora  del casseretto, e mi caccio nuovamente incuccetta. È stata senza dubbio una manovra  a provocarequell'andirivieni. Tuttavia i movimenti della nave non sonoaumentati. Dunque il vento non ha rinfrescato.

Il giorno seguente, 14, salgo sul casseretto alle sei del mattino edesamino il bastimento.

A bordo nulla è mutato, apparentemente. Il Chancellor corre conmure a sinistra, sotto la spinta delle vele basse, di quelle di gabbia edei velacci. È ben sostenuto e si comporta magnificamente sul mareincrespato da una brezza fresca e maneggevole. La sua velocità ènotevole in questo momento, e non deve essere inferiore alle undicimiglia all'ora.

Poco dopo il signor Letourneur e suo figlio compaiono sul ponte.Aiuto il giovanotto a salire sul casseretto. André viene a respirarecon gioia quest'aria mattutina, vivificante e carica di effluvi marini.

Domando ai signori se non sono stati svegliati stanotte da rumoredi passi che era indice di una certa agitazione a bordo.

 — Per quanto mi riguarda, no, — risponde André Letourneur, —ho fatto un sonno solo.

 — Caro ragazzo, — dice il signor Letourneur, — segno chedormivi profondamente, perché anch'io sono stato svegliato dalrumore di cui parla il signor Kazallon. Mi è sembrato addirittura dicogliere queste parole: «Presto, presto, ai boccaporti! ai boccaporti!».

 — Ah!... E che ora era? — dico io. — Le tre del mattino circa, — risponde il signor Letourneur. — E non conoscete la causa di tale rumore? — La ignoro, signor Kazallon, ma non può essere grave, perché

nessuno di noi è stato chiamato sul ponte.

Guardo i boccaporti, posti a prora e a poppa dell'albero di maestra,che immettono nella stiva della nave. Sono chiusi secondo il solito,ma osservo che grosse cappe incerate li coprono e che sono state

 prese tutte le precauzioni necessarie per chiuderli ermeticamente.Perché queste aperture sono state condannate con tanta cura? Ci deveessere una ragione che non posso indovinare. Senza dubbio RobertKurtis me la dirà. Aspetto perciò che venga il turno di guardia del

Page 28: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 28/199

 primo ufficiale, e tengo per me le osservazioni che ho fatto, preferendo che il signor Letourneur non ne sappia nulla.

La giornata sarà bella, perché il sole si sta alzando splendido el'aria è asciutta - il che è di buon auspicio. Si vede ancora,sull'orizzonte opposto, il disco semirosicchiato della luna che nontramonterà prima delle dieci e cinquantasette del mattino. Fra tregiorni sarà l'ultimo quarto, ed il 24 avremo la luna nuova. Consulto le

mie tavole di marea, e vedo che in quel giorno avremo una bellamarea delle sizigie. La cosa ha poca importanza per noi che,galleggiando in pieno oceano non potremo notare gli effetti di talemarea; ma su tutte le coste dei continenti e delle isole, il fenomenosarà curioso, perché la nuova luna solleverà l'acqua a grande altezza.

Sono rimasto solo sul casseretto. I signori Letourneur sono scesi per il tè, e io aspetto il primo ufficiale.

Alle otto, Robert Kurtis viene a montare il suo turno di guardiache gli viene ceduto dal secondo ufficiale Walter, ed io vado astringergli la mano.

Prima di darmi il buon giorno, Robert Kurtis dà una rapida

occhiata al  ponte  della nave, e le sue sopracciglia si contraggonoleggermente. Poi esamina il cielo e la velatura del bastimento.

Quindi accostandosi al secondo ufficiale Walter: — Il capitano Huntly? — gli domanda. — Non l'ho ancora visto, signore. — Niente di nuovo? — Niente.Poi Robert Kurtis e Walter parlano fra loro per alcuni istanti a

 bassa voce. Ad una domanda che gli vien fatta, Walter rispondefacendo cenno di no.

 — Mandatemi il nostromo, Walter, — dice il primo ufficiale

allorché l'altro lo lascia.Il nostromo non tarda a mostrarsi, e Robert Kurtis gli fa alcune

domande alle quali questi risponde a bassa voce ma crollando ilcapo. Poi, a un ordine del primo ufficiale, il nostromo chiama gliuomini di guardia e fa bagnare le cappe incerate che coprono il

 boccaporto di maestra.Alcuni istanti dopo, mi avvicino a Robert Kurtis, e la nostra

Page 29: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 29/199

conversazione dapprima si aggira su argomenti insignificanti.Vedendo che il primo ufficiale schiva l'argomento che voglio trattare,gli dico:

 — Dite un po', signor Kurtis, che cosa è accaduto stanotte a bordo? Robert Kurtis mi guarda attentamente senza rispondere.

 — Sì, — ho soggiunto, — sono stato svegliato da un rumoreinsolito, che ha interrotto il sonno anche del signor Letourneur. Che

cosa è accaduto? — Nulla, signor Kazallon, — risponde Robert Kurtis, — un falsocolpo di barra del timoniere per poco non ha messo le vele a collo; èstato necessario  bracciare  subito, e ciò ha prodotto una certaagitazione sul ponte. Ma si è rimediato subito all'inconveniente e ilChancellor ha ripreso immediatamente la sua rotta.

Mi sembra che Robert Kurtis, di solito così schietto, non mi dicala verità.

Page 30: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 30/199

C  APITOLO VIII

DAL 15 AL 18 OTTOBRE.   — La navigazione continua nellemedesime condizioni, il vento  spira sempre da nord-est, e, per una

 persona non prevenuta, non pare che vi sia nulla di anormale a bordo.Pure «c'è qualche cosa». I marinai, spesso riuniti in capannelli,discorrono fra loro e tacciono quando ci accostiamo. Molte volte miè venuta all'orecchio la parola « boccaporto» che ha già colpito ilsignor Letourneur. Ma che cosa c'è dunque nella stiva del Chancellorda richiedere tante precauzioni? Perché i boccaporti sono condannaticosì ermeticamente? In verità se avessimo un equipaggio nemico,

 prigioniero sotto coperta, non useremmo tanta severità perobbligarvelo!

Il 15, passeggiando sul castello di prora, sento il marinaio Owendire ai suoi camerati:

 — Sapete, voi altri? Io non aspetterò all'ultimo momento! Ognuno per sé. — Ma che cosa farai, Owen? — gli domanda il cuoco Jynxtrop. — Bah! — ha risposto il marinaio, — le lance di salvataggio non

sono state inventate per le focene!...Questa conversazione è stata bruscamente interrotta e non ho

 potuto saperne di più.Si trama forse qualche cospirazione contro gli ufficiali della nave?

Robert Kurtis ha forse sorpreso dei sintomi di rivolta? Si ha sempreragione di temere la volontà malefica di certi marinai e bisognaimporre loro una disciplina ferrea.

Sono passati tre giorni, durante i quali, in apparenza, non ho nulladi nuovo da segnalare.

Da ieri ho notato che il capitano e il primo ufficiale hannofrequenti colloqui. A Robert Kurtis sfuggono dei moti di impazienza- ciò che mi meraviglia sempre in un uomo così padrone di sé - mami pare che, in seguito a queste conversazioni, il capitano Huntly siostini più che mai nelle sue idee. Inoltre egli mi sembra in preda aduna eccitazione nervosa, di cui mi sfugge la causa.

Page 31: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 31/199

I signori Letourneur ed io abbiamo notato, durante i pasti, lataciturnità del capitano e l'inquietudine di Robert Kurtis. A volte il

 primo ufficiale cerca di avviare la conversazione, ma quasi subitoessa torna a cadere, e né l'ingegner Falsten né il signor Kear sono

 persone che riescano a risollevarla. Ruby, ancor meno. Però questi passeggeri cominciano a lamentarsi, non senza ragione, dellelungaggini della traversata. Il signor Kear, da uomo davanti al quale

gli elementi devono chinare il capo, sembra rendere il capitanoHuntly responsabile di tali ritardi, e lo tratta con molta albagia. Nella giornata del 17, e a partire da questo momento,

conformemente agli ordini del primo ufficiale, il ponte viene bagnatomolte volte al giorno.

Di solito tale operazione si fa solo al mattino; ma senza dubbioora essa è dovuta all'alta temperatura che subiamo, perché siamo statirespinti molto al sud. Le cappe incerate che coprono i boccaportisono mantenute in uno stato di continua umidità, ed il loro fittotessuto le fa assolutamente impermeabili. Il Chancellor è fornito di

 pompe che rendono facile quelle continue lavature. Ritengo che il

 ponte delle più lussuose golette da diporto non sia sottoposto ad una pulizia più completa. Fino ad un certo punto l'equipaggio della nave potrebbe lamentarsi di questa aggiunta di lavoro, ma non «silamenta».

Durante la notte fra il 23 e il 24 la temperatura delle cabine e delquadrato mi è sembrata quasi soffocante. Benché il mare fosse moltolungo, ho dovuto lasciare aperto l'oblò della mia cabina che si aprenella murata di sinistra della nave.

Si vede proprio che siamo sotto i tropici!Sono salito sul ponte fin dall'alba. Fenomeno inesplicabile, non ho

trovato che la temperatura esterna fosse proporzionata con la

temperatura interna del bastimento. La mattinata è piuttosto fresca, perché il sole si è appena alzato sull'orizzonte, eppure non mi sonoingannato: faceva veramente un gran caldo nel casseretto!

In questo momento i marinai sono occupati nella incessantelavatura del ponte, e le pompe gettano l'acqua che, secondol'inclinazione della nave, sfugge dagli ombrinali di dritta o di sinistra.

Questi marinai, a piedi nudi, corrono nella zona limpida che

Page 32: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 32/199

schiumeggia a piccole ondate. Non so perché, mi vien voglia diimitarli. Mi tolgo le scarpe e le calze, ed eccomi a guazzare in quellafresca acqua marina.

Con mia gran meraviglia trovo il ponte del Chancellor parecchiocaldo sotto i miei piedi, e non posso trattenere un'esclamazione.

Robert Kurtis mi ode, si volta, mi viene incontro, e, rispondendoad una domanda che non ho ancora fatto, mi dice:

 — Ebbene, si, — mi dice, — abbiamo il fuoco a bordo!

Page 33: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 33/199

C  APITOLO IX

19 OTTOBRE.  — Tutto si spiega, i conciliaboli dei marinai, la loroinquietudine, le parole di Owen, l'inaffiamento del ponte, che si vuol

mantenere in uno stato costante di umidità, ed infine quel calore, chegià si diffonde sul quadrato e diventa quasi intollerabile. I passeggerine hanno sofferto quanto me e non possono spiegarsi questatemperatura anormale.

Dopo avermi fatto questa grave comunicazione, Robert Kurtis èrimasto silenzioso. Aspetta che io lo interroghi, ma confesso che al

 primo momento m'è corso un brivido per tutto il corpo. Di tutti idisastri questo è il più terribile che possa verificarsi durante unatraversata, e non c'è uomo, per quanto padrone dei propri nervi, che

 possa ascoltare senza fremere queste sinistre parole: «abbiamo ilfuoco a bordo».

Ciononostante ricupero quasi subito il mio sangue freddo e la prima domanda che faccio a Robert Kurtis è questa: — Da quando è incominciato l'incendio?... — Da sei giorni! — Sei giorni! — ho esclamato. — In quella notte dunque?... — Sì, — mi risponde Robert Kurtis; — in quella notte durante la

quale ci fu tutto quel movimento sul ponte del Chancellor. I marinaidi guardia avevano visto un fumo sfuggire attraverso gli interstizi del

 boccaporto  di maestra. Il capitano ed io siamo stati avvertitiimmediatamente. Non era possibile alcun dubbio! Il carico aveva

 preso fuoco nella stiva, e non v'era più possibilità di giungere al

focolare dell'incendio. Abbiamo fatto la sola cosa da farsi in unacircostanza del genere, cioè abbiamo condannato i boccaporti perimpedire che l'aria penetrasse nell'interno della nave. Speravo checosì saremmo riusciti a soffocare quel principio d'incendio, eeffettivamente per i primi giorni credetti d'averlo dominato. Ma datre giorni si è disgraziatamente accertato che il fuoco fa nuovi

 progressi. Il calore che si sviluppa sotto i nostri piedi aumentacontinuamente, e se non avessi preso la precauzione di tenere

Page 34: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 34/199

costantemente bagnato il ponte, non sarebbe già più sopportabile.Preferisco, dopo tutto, che sappiate queste cose, signor Kazallon, —aggiunse Robert Kurtis, — e perciò ve le dico.

Ho ascoltato in silenzio il discorso del primo ufficiale, comprendotutta la gravità della situazione, davanti a un incendio, la cui intensitàcresce di giorno in giorno e che, forse, nessuna potenza umana puòarrestare.

 — Sapete come si sia sviluppato il fuoco? — ho domandato aRobert Kurtis. — Molto probabilmente, — mi risponde, — è dovuto a

combustione spontanea del cotone. — Accade spesso? — Spesso no, qualche volta, perché, quando il cotone non è molto

asciutto al momento in cui lo si imbarca, la combustione puòavvenire spontaneamente, nelle condizioni in cui si trova, in fondo auna stiva  umida, impossibile a ventilare. Ora per me è certo chel'incendio scoppiato a bordo non ha avuto altra causa.

 — E poi che cosa importa la causa? — ho risposto. — C'è

qualcosa da fare, signor Kurtis? — No, signor Kazallon, — mi ribatte Robert Kurtis, — vi ripeto

che abbiamo preso tutte le precauzioni richieste in simili casi. Avevo pensato di aprire delle vie d'acqua sul fasciame della nave all'altezzadella linea di galleggiamento, per lasciar entrare una certa quantitàd'acqua, che le pompe d'esaurimento avrebbero asciugato in unsecondo tempo, ma abbiamo creduto di capire che l'incendio si è

 propagato negli strati intermedi del carico, e sarebbe stato necessarioallagare completamente la stiva per arrivarvi. In ogni caso ho fatto

 praticare delle aperture in alcuni punti della coperta, e durante lanotte viene versata acqua attraverso tali aperture, ma nemmeno ciò

 basta. No, in verità vi è una sola cosa da fare, quella che si fa semprein casi simili: procedere per soffocamento, chiudendo ogni passaggioall'aria esterna e costringendo l'incendio a spegnersi da sé permancanza d'ossigeno.

 — E l'incendio aumenta sempre? — Sì! e ciò prova che l'aria penetra nella stiva da qualche

apertura, che nonostante tutte le nostre ricerche non abbiamo potuto

Page 35: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 35/199

scoprire. — Si citano esempi di navi che abbiano resistito in analoghe

condizioni, signor Kurtis? — Senza dubbio, signor Kazallon, e non è raro che navi cariche di

cotone arrivino a Liverpool o a Le Havre con una parte del caricoconsumato. Ma in questi casi l'incendio ha potuto essere spento oalmeno contenuto durante la traversata. Ho conosciuto più di un

capitano che è arrivato in questo modo in porto con un ponte ardentesotto i piedi. In tal caso le operazioni di scarico venivano effettuatemolto rapidamente e, insieme con la nave, si riusciva a salvare la

 parte sana della merce. Ma per quanto ci riguarda, le cose stannodiversamente, e io mi rendo benissimo conto che il fuoco, invece divenire arrestato, fa nuovi progressi ogni giorno! Bisognanecessariamente che vi sia qualche foro sfuggito alle indaginiattraverso il quale l'aria esterna va a ravvivare l'incendio!

 — Non sarebbe il caso di tornare indietro e raggiungere la terra più vicina?

 — Forse, — mi risponde Robert Kurtis, — ed è un argomento che

il secondo ufficiale, il nostromo ed io discuteremo oggi stesso con ilcapitano. Ma a voi, signor Kazallon, a voi dico che mi sono già presola responsabilità di mutare la rotta seguita finora e che viaggiamo col vento in poppa, verso sud-ovest, ossia verso la costa.

 — I passeggeri non sanno nulla del pericolo che ci minaccia? —ho chiesto al primo ufficiale.

 — Nulla, e vi prego di tener segreta la comunicazione che vi hofatto. Non bisogna che il terrore delle donne o dei pavidi accresca lenostre preoccupazioni. Perciò l'equipaggio ha ricevuto l'ordine di nondir nulla.

Comprendo le gravi ragioni che fanno parlare in questo modo il

 primo ufficiale, e gli prometto un segreto assoluto.

Page 36: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 36/199

C  APITOLO X

20 E 21 OTTOBRE.  — In queste condizioni il Chancellor continua anavigare, spiegando tante vele  quante può sostenerne la sua

alberatura. Talvolta gli alberetti di velaccio si piegano minacciandodi rompersi, ma Robert Kurtis vigila. Stando presso la ruota deltimone, egli non vuole abbandonare il timoniere. Con piccolestraorzate fatte abilmente, egli cede al vento quando la sicurezzadella nave potrebbe venire compromessa e per quanto è possibile, ilChancellor non perde nulla in velocità sotto la mano che lo governa.

Durante questa giornata del 20 ottobre, i passeggeri sono salititutti sul casseretto. Evidentemente hanno dovuto notare l'elevazioneanormale della temperatura nel quadrato, ma non potendo sospettarela verità, non si preoccupano. D'altra parte i loro piedi calzati nonhanno sentito il calore che penetra le tavole del  ponte, nonostante

l'acqua che vi si versa di continuo. La manovra delle pompe avrebbe potuto almeno produrre un certo stupore da parte loro. Invece nulla, ei più, sdraiati sulle panche, si lasciano cullare dal rollio della nave inuno stato di tranquillità perfetta.

Solo il signor Letourneur sembra meravigliato e nota chel'equipaggio si dedica a una pulizia eccessiva, poco consueta sullenavi mercantili. Mi dice qualche parola in proposito; io rispondo intono indifferente. Eppure questo francese è un uomo energico, e

 potrei dirgli tutto, ma ho promesso a Robert Kurtis di tacere e taccio.Poi, quando mi metto a riflettere alle conseguenze della catastrofe

che può avvenire, mi si stringe il cuore. Siamo ventotto persone a

 bordo, ventotto vittime forse, alle quali il fuoco fra poco non lasceràuna tavola intatta!

Oggi ha avuto luogo il colloquio fra il capitano, il primo e ilsecondo ufficiale, e il nostromo, colloquio da cui dipende la salvezzadella nave, dei suoi passeggeri e del suo equipaggio.

Robert Kurtis mi ha fatto conoscere la determinazione presa. Ilcapitano Huntly è assolutamente sbigottito, - il che era facile

 prevedere. Non ha più né freddezza né energia e tacitamente lascia il

Page 37: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 37/199

comando della nave a Robert Kurtis. I progressi dell'incendioall'interno della nave sono oramai indiscutibili, e ormai è difficilestare a lungo nel locale dell'equipaggio, situato a  prora. È evidenteche il fuoco non può essere soffocato e che presto o tardi scoppieràcon violenza.

In questo caso, che cosa convien fare? Vi è un solo partito da prendere: raggiungere la terra più vicina. Tale terra, in base ai

rilevamenti, è quella delle Piccole Antille e si può sperare diraggiungerla in un tempo relativamente breve con questo vento costante da nord-est.

Essendo stata adottata questa risoluzione, il primo ufficiale non hadovuto far altro che mantenere la rotta seguita da ventiquattro ore. I

 passeggeri, non avendo alcun punto di riferimento su questoimmenso Oceano e poco pratici circa le indicazioni della bussola,non hanno potuto riconoscere il cambiamento di direzione delChancellor, che, con tutte le vele a riva, controvelacci  e vele  dicaccia, cerca di avvicinarsi alle coste delle Antille, da cui distaancora più di seicento miglia.

Tuttavia a una domanda che il signor Letourneur fa circa ilcambiamento di direzione, Robert Kurtis risponde che, non potendoguadagnare al vento, si va a cercare a ovest correnti più favorevoli.

È la sola osservazione cui abbia dato luogo il mutamento di rottadel Chancellor. 

Il giorno seguente, 21 ottobre, la situazione è la stessa. Agli occhidei passeggeri la navigazione si compie nelle condizioni consuete enon vi è alcun mutamento nel programma della vita di bordo.

D'altra parte, i progressi dell'incendio non si manifestanoall'esterno, ed è buon segno. Le aperture sono state tappate cosìermeticamente, che non un filo di fumo tradisce la combustione

interna. Forse sarà possibile concentrare il fuoco nella stiva, e forse per mancanza d'aria, si spegnerà o coverà senza propagarsi a tutto ilcarico. È quanto spera Robert Kurtis, e, per maggior precauzione,egli ha fatto otturare con cura le bocche delle pompe, il cui tubo,

 prolungandosi fin nella bassa stiva, potrebbe lasciar passare qualchemolecola d'aria.

Ci aiuti il Cielo, perché in verità noi non possiamo fare più nulla!

Page 38: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 38/199

Questa giornata sarebbe trascorsa senza incidenti, se il caso nonmi avesse permesso di udire alcune parole d'una conversazione, dallaquale risulta che la nostra condizione, già tanto grave, sta perdiventare spaventosa.

Giudicatene.Ero seduto sul casseretto, e due passeggeri discorrevano a bassa

voce, non pensando che le loro parole giungessero al mio orecchio.

Tali due passeggeri erano l'ingegner Falsten ed il negoziante Ruby, iquali spesso discorrono insieme.La mia attenzione è attratta dapprima da alcuni gesti espressivi

dell'ingegnere, il quale sembra fare al suo interlocutore deirimproveri piuttosto energici. Non posso trattenermi dal mettermi adascoltare e sento quanto segue:

 — Ma è assurdo, — ripete Falsten, — non si può essere piùimprudenti!

 — Bah! — risponde Ruby con indifferenza, — non accadrà nulla! — Invece possono accadere delle gravi disgrazie! — soggiunge

l'ingegnere.

 — E va bene, — gli risponde il negoziante, — ma non è la primavolta che faccio così.

 — Ma basta un urto per produrre uno scoppio! — Ma la damigiana è protetta solidamente, signor Falsten, e vi

ripeto che non c'è nulla da temere. — Perché non avete avvertito il capitano? — Eh! Ma perché non mi avrebbe voluto prendere la damigiana a

 bordo! Il vento essendo cessato per un attimo, io non sento più nulla,ma è chiaro che l'ingegnere continua ad insistere, mentre Ruby silimita ad alzare le spalle.

Infatti, poco dopo, mi giungono altre parole.

 — Sì, si, — dice Falsten, — bisogna avvertire il capitano, bisognagettare la damigiana in mare, non ho voglia di saltare per aria!

Saltare per aria! A questa parola balzo in piedi. Che cosa vuol direl'ingegnere? A che cosa allude? Eppure egli non conosce lasituazione del Chancellor, ed ignora che un incendio ne divora ilcarico!

Ma una parola, parola terribile nella presente situazione, mi fa fare

Page 39: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 39/199

un balzo! E questa parola, o per meglio dire queste parole, «picratodi potassio»3 sono ripetute più volte.

In un attimo sono accanto ai due passeggeri, e involontariamente,con forza irresistibile, afferro Ruby per il colletto.

 — C'è del picrato di potassio a bordo? — Sì, — risponde Falsten, — una damigiana che ne contiene

trenta libbre.

 — Dove? — Nella stiva, con le merci!

3 Esplosivo che deflagra violentemente sotto l'azione del calore. (N.d.T.) 

Page 40: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 40/199

C  APITOLO XI

SEGUITO DEL 21 OTTOBRE.  — Non posso narrare che cosa accadain me sentendo la risposta di Falsten. Non è terrore, provo anzi una

specie di rassegnazione! Mi pare che ciò completi la situazione, anziche possa risolverla! Perciò vado estremamente calmo a trovareRobert Kurtis sul castello di prora.

Apprendendo che una damigiana contenente trenta libbre di picrato - ossia quanto basta per fare saltare in aria una montagna - sitrova a bordo, in bassa stiva, nel focolaio stesso dell'incendio, e che ilChancellor può scoppiare da un momento all'altro, Robert Kurtis non

 batte ciglio, a malapena la sua fronte si corruga e le pupille gli sidilatano.

 — Bene! — mi risponde. — Neanche una parola su questo. Dov'èquesto Ruby?

 — Sul casseretto. — Venite con me, signor Kazallon.Andiamo insieme sul casseretto, dove l'ingegnere e il negoziantestanno ancora discutendo.

 — Siete voi che avete fatto questo? — domanda a Ruby. — Ebbene, sì; l'ho fatto! — risponde tranquillamente Ruby, che si

crede tutt'al più colpevole d'una frode.Per un istante ho l'impressione che Robert Kurtis voglia

schiacciare il disgraziato passeggero che non può comprendere lagravità della sua imprudenza! Ma il primo ufficiale riesce acontenersi, e vedo che si stringe le mani dietro la schiena perresistere alla tentazione di afferrare Ruby per la gola.

Poi, con voce pacata, interroga Ruby. Questi conferma i fatti cheho riferiti. Tra i suoi bagagli si trova una damigiana contenente circatrenta libbre della pericolosissima sostanza. Il passeggero ha agito inquest'occasione con l'imprudenza, bisogna confessarlo, che è propriadelle razze anglosassoni, ed ha introdotto l'esplosivo nella stiva dellanave come avrebbe fatto un francese di una semplice bottiglia divino. Se non ha dichiarato il contenuto della damigiana è perchésapeva benissimo che il capitano avrebbe rifiutato di prenderla.

Page 41: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 41/199

 — In fin dei conti, — aggiunge alzando le spalle, — non è cosa per cui si debba prendersela tanto, e se la damigiana vi dà tantofastidio, potete gettarla a mare! Tanto il mio bagaglio è assicurato.

A questa risposta, non riesco a trattenermi poiché non hol'autocontrollo di Robert Kurtis, e la collera mi vince. Mi precipito suRuby prima che il primo ufficiale abbia potuto trattenermi, e gligrido:

 — Miserabile! Non sapete dunque che abbiamo il fuoco a bordo? Non ho ancora proferite queste parole, che già ne sono pentito, maè troppo tardi! L'effetto che esse producono su Ruby è indescrivibile.Il disgraziato è preso da convulsioni di paura. Il corpo gli si paralizzacome per una rigidezza tetanica, i capelli gli si rizzano, l'occhio gli sidilata orribilmente, ha la respirazione ansimante come quella d'unasmatico, non può parlare e il terrore giunge in lui al colmo. A untratto le sue braccia si agitano; guarda il  ponte  del Chancellor che

 può saltare in aria da un momento all'altro; balza giù dal casseretto,si rialza e percorre la nave gesticolando come un pazzo. Poi gli tornala favella e le sinistre parole gli sfuggono dalla bocca:

 — Abbiamo il fuoco a bordo! Abbiamo il fuoco a bordo!A quel grido tutto l'equipaggio accorre sul ponte credendo che

l'incendio faccia irruzione al di fuori e che sia giunta l'ora di fuggiresulle lance di salvataggio. I passeggeri salgono sul ponte: il signorKear, sua moglie, la signorina Herbey, i due Letourneur. RobertKurtis vuole imporre silenzio a Ruby, ma questi è impazzito.

In questo momento il disordine è estremo. La signora Kear ècaduta in deliquio sul ponte. Suo marito non si occupa di lei el'abbandona alle cure della signorina Herbey. I marinai hanno giàincocciato i paranchi della lancia per metterla in mare.

Frattanto faccio conoscere ai signori Letourneur quanto essi

ignorano, ossia che il carico è in fiamme, e il pensiero del padre si èsubito portato su André, che egli circonda con le braccia. Il giovanemantiene una grande calma, e rassicura il padre ripetendogli che il

 pericolo non è immediato.Frattanto Robert Kurtis, con l'aiuto del secondo ufficiale, è

riuscito ad arrestare i suoi uomini. Egli dice loro che l'incendio nonha fatto nuovi progressi, che il passeggero Ruby non ha coscienza né

Page 42: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 42/199

di quanto fa né di quanto dice, che non bisogna agire con precipitazione, che quando sarà giunto il momento la nave verràabbandonata.

La maggior parte dei marinai si ferma alla voce del primoufficiale al quale sono affezionati e che rispettano. Egli ottiene daloro quanto il capitano non avrebbe potuto ottenere, e la lanciarimane sulle sue morse.

Fortunatamente Ruby non ha parlato del picrato chiuso nella stiva.Se l'equipaggio conoscesse la verità, se venisse a sapere che la navenon è altro che un vulcano pronto forse, da un momento all'altro aspalancarsi sotto i suoi piedi, si sgomenterebbe, non sarebbe

 possibile trattenerlo e fuggirebbe ad ogni costo.Il primo ufficiale, l'ingegnere ed io siamo i soli a sapere in quale

terribile modo l'incendio della nave è complicato, e bisogna checontinuiamo a saperlo noi soli.

Ristabilito l'ordine, Robert Kurtis ed io raggiungiamo Falsten sulcasseretto. L'ingegnere è rimasto là con le braccia incrociate,

 pensando forse a qualche teorema di meccanica in quel terribile

momento. Lo preghiamo di non dir parola della nuova complicazionedovuta all'imprudenza di Ruby.

Falsten promette di mantenere il segreto. Quanto al capitanoHuntly, che ignora ancora la gravità della situazione, Robert Kurtis siincarica di informarlo.

Ma prima bisogna mettere al sicuro Ruby, perché il disgraziato ècompletamente pazzo. Egli non ha più coscienza dei suoi atti, e corre

 per il ponte gridando continuamente: — Al fuoco, al fuoco!Robert Kurtis dà ordine ai marinai d'impadronirsi del passeggero,

che si riesce ad imbavagliare e legare fortemente. Poi egli vienetrasportato nella sua cabina, dove d'ora in avanti resterà guardato a

vista.La terribile parola non gli è uscita di bocca!

Page 43: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 43/199

C  APITOLO XII

22 E 23 OTTOBRE.  — Robert Kurtis ha detto ogni cosa al capitanoHuntly. Il capitano Huntly, di diritto se non di fatto, è il suo

superiore, ed egli non poteva tenergli nascosta la situazione.A tale comunicazione, il capitano non ha risposto alcuna parola, edopo essersi passata la mano sulla fronte come chi vuol cacciareun'idea importuna, se ne è tornato tranquillamente in cabina senzadare alcun ordine.

Robert Kurtis, il secondo ufficiale, l'ingegner Falsten ed ioteniamo consiglio, e sono meravigliato della freddezza che ognunodimostra. Vengono discusse tutte le possibilità di salvezza, e RobertKurtis riassume così la situazione:

 — L'incendio non può essere arrestato, — dice, — e latemperatura del locale di  prua è ormai insopportabile. Verrà, presto

forse, il momento che l'intensità del fuoco sarà tale, che le fiamme siapriranno una via attraverso il ponte. Se prima di questa nuova formadella catastrofe, lo stato del mare ci permetterà di utilizzare le lance,abbandoneremo la nave; se al contrario non ci è possibile lasciare ilChancellor, lotteremo col fuoco fino all'ultimo momento. Forse

 potremo vincerlo quando sarà giunto all'esterno! Forse combatteremomeglio il nemico che si mostra di quello che si nasconde!

 — È anche il mio parere, — risponde tranquillamente l'ingegnere. — Ed anche il mio, — dico. — Ma signor Kurtis, non tenete

conto del fatto che sono chiuse trenta libbre di una sostanza esplosivain bassa stiva?

 — No, signor Kazallon, — risponde Robert Kurtis, — questo nonè che un particolare, e non ne tengo conto! E perché dovrei

 preoccuparmene? Posso forse andare a cercare quella sostanza inmezzo ad un carico in fiamme, in una stiva in cui non debbo

 permettere all'aria d'entrare? No! Non ci voglio nemmeno pensare! Il picrato non può forse aver prodotto il suo effetto prima che la fraseche sto pronunciando sia terminata? Si. Dunque, che il fuoco loraggiunga o che non lo raggiunga, il fatto di cui mi parlate per me

Page 44: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 44/199

non esiste. Tocca a Dio, non a me, risparmiarci questa supremacatastrofe!

Robert Kurtis ha pronunciato queste parole con tono grave, e noichiniamo la testa senza rispondere. Poiché, viste le condizioni delmare, una fuga immediata è impossibile, dobbiamo dimenticarequesta circostanza.

 — L'esplosione, direbbe un formalista, non è necessaria, è solo

contingente.Quest'osservazione viene fatta dall'ingegnere con la maggiorcalma possibile.

 — Una domanda alla quale vi prego di rispondere, signor Falsten, — ho io detto allora. — Il picrato di potassio può infiammarsi anchese non vi è urto?

 — Certo, — risponde l'ingegnere. — Generalmente il picrato èinfiammabile non più della polvere da sparo, ma altrettanto. Ergo... 

Falsten ha detto: ergo.  Non si direbbe che egli stia facendo unadimostrazione durante una lezione di chimica?

Siamo allora risaliti sul ponte. Uscendo dal quadrato, Robert

Kurtis mi afferra la mano. — Signor Kazallon, — mi dice senza cercare di nascondere la sua

commozione, — questo Chancellor, questa bella nave che amo,vederla divorare dal fuoco e non poter far nulla, nulla!...

 — Signor Kurtis, la vostra commozione... — Signore, — egli ribatte, — non sono riuscito a dominarmi!

Solo voi avete visto tutto quello che soffro... ma è passato! —aggiunge facendo un grande sforzo su se stesso.

 — La situazione è dunque disperata? — ho chiesto allora. — La situazione, eccola, — risponde freddamente Robert Kurtis.

 — Siamo attaccati al fornello d'una mina e la miccia è accesa!

Rimane da sapere se la miccia è lunga!Poi si ritira.In ogni caso l'equipaggio e gli altri passeggeri ignorano quanto la

nostra posizione sia aggravata.Da quando si sa dell'incendio, il signor Kear si è preoccupato di

raccogliere gli oggetti più preziosi e naturalmente non pensa a suamoglie. Dopo aver intimato al primo ufficiale l'ordine di far spegnere

Page 45: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 45/199

il fuoco, facendolo responsabile di tutte le conseguenze, è rientratonella sua cabina di poppa e non si è più fatto vedere. La signora Keargeme in continuazione e, nonostante le sue ridicolaggini, la poveradonna fa pietà. In questa occasione, la signorina Herbey si credemeno che mai libera dai suoi doveri verso la padrona e la cura conassoluta dedizione. Non posso che ammirare la condotta di questagiovinetta per la quale il dovere è tutto.

Il giorno seguente, 23 ottobre, il capitano Huntly fa chiamare il primo ufficiale, il quale va a trovarlo nella sua cabina, e fra loro haluogo questa conversazione di cui Robert Kurtis mi riferisce itermini.

 — Signor Kurtis, — dice il capitano, il cui sguardo smarritoindica un turbamento delle facoltà mentali, — io sono marinaio,vero?

 — Sissignore. — Ebbene, figuratevi che non so più il mio mestiere... ignoro

quello che accade dentro di me... mi dimentico... non so più... Forseche non abbiamo fatto rotta  nord-est da quando siamo partiti da

Charleston? — No, signore, — risponde il primo ufficiale, — abbiamo fatto

rotta sud-est secondo i vostri ordini. — Ma abbiamo carico per Liverpool? — Senza dubbio. — E il?... come si chiama la nave, signor Kurtis?, — Il Chancellor.  — Ah sì! il Chancellor! Dove si trova ora? — A sud del Tropico. — Ebbene, signore, io non mi incarico di ricondurlo a nord!...

 No!... non potrei... Desidero non lasciare più la mia cabina... La vista

del mare mi fa male!... — Signore, — risponde Robert Kurtis — spero veramente che

appropriate cure... — Sì, sì... vedremo... più tardi. Frattanto vi darò un ordine, ma

sarà l'ultimo che riceverete da me. — Vi ascolto, — risponde il primo ufficiale. — Signore, — risponde il capitano, — da questo momento non

Page 46: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 46/199

sono più nulla a bordo e voi prenderete il comando della nave... lecircostanze sono più forti di me e sento che non vi posso resistere. Latesta mi si perde! Soffro molto, signor Kurtis, — aggiunge SilasHuntly stringendosi la testa fra le mani.

Il primo ufficiale esamina attentamente colui che finora hacomandato a bordo e si accontenta di rispondere:

 — Sta bene, signore.

Poi risale sul ponte e mi narra l'accaduto. — Sì, — dico io, — quest'uomo ha per lo meno il cervelloammalato, se pure non è pazzo, ed è meglio che si sia dimessovolontariamente dal comando.

 — Lo sostituisco in circostanze particolarmente gravi, — rispondeRobert Kurtis. — Non importa, farò il mio dovere.

Ciò detto, Robert Kurtis chiama un marinaio e gli ordina di andara cercare il nostromo.

Questi viene subito. — Nostromo, — gli dice Robert Kurtis, — fate radunare

l'equipaggio ai piedi dell'albero di maestra.

Il nostromo si ritira, e alcuni momenti dopo gli uominidell'equipaggio sono riuniti al luogo indicato.

 — Figlioli, — dice con voce calma, — nella condizione in cuisiamo e per ragioni a me note, il signor Silas Huntly ha creduto didoversi dimettere dalle funzioni di capitano; d'ora innanzi comandoio a bordo.

Così è avvenuto questo cambiamento che non può che volgere a beneficio di tutti. Abbiamo al comando un uomo energico e sicuro,che farà il possibile per la salvezza comune. I signori Letourneur,l'ingegner Falsten ed io ci rallegriamo immediatamente con RobertKurtis, e il secondo ufficiale e il nostromo aggiungono i loro ai nostri

complimenti.La rotta della nave è mantenuta a sud-ovest, e Robert Kurtis,

forzando le vele, cerca di giungere al più presto possibile alla piùvicina delle Piccole Antille.

Page 47: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 47/199

C  APITOLO XIII

DAL 24 AL 29 OTTOBRE.  — Durante i cinque giorni successivi, ilmare è brutto. Benché il Chancellor abbia rinunciato alla lotta e corra

seguendo il vento, è sottoposto a violente scrollate. Durante questanavigazione a bordo di un brulotto, non abbiamo più un solomomento di tranquillità. Si guarda con occhio di desiderio l'acquache circonda la nave, che attira, che affascina!

 — Ma, — ho detto a Robert Kurtis, — perché non aprir delle viedi acqua nel ponte? Perché non precipitar barili d'acqua nella stiva?Quando anche la nave ne fosse riempita, che male ci sarebbe? Spentol'incendio, le pompe ributterebbero in mare tutta l'acqua!

 — Signor Kazallon, — mi risponde Robert Kurtis, — ve l'ho dettoe ve lo ripeto, se diamo passaggio all'aria per poco che sia, il fuoco si

 propagherà in un attimo a tutta la nave e le fiamme l'avvolgeranno

dalla chiglia  alle formaggette degli alberi! Siamo condannatiall'inazione, vi sono circostanze in cui bisogna avere il coraggio dinon far nulla!

Sì! Turare ermeticamente ogni uscita, è il solo mezzo dicombattere l'incendio, ed è ciò che fa l'equipaggio.

Frattanto i progressi del fuoco sono incessanti e forse più rapidi diquanto crediamo. A poco a poco il calore è divenuto così intenso, dacostringere i passeggeri a rifugiarsi sul ponte e solo le cabine di

 poppa, largamente illuminate dalle finestre del quadro, possonoancora essere occupate. La signora Kear non lascia una d'esse equanto all'altra è stata messa a disposizione del negoziante Ruby da

Robert Kurtis. Sono andato molte volte a visitare quel disgraziato,che è completamente pazzo, e che bisogna tener legato per impedireche sfondi la porta della cabina. Cosa singolare! nella sua pazzia haserbato un senso di indescrivibile terrore, ed emette grida orrendecome se sotto l'influenza d'un fenomeno fisiologico provasse verescottature.

Molte volte anche faccio visita all'ex-capitano e trovo in lui unuomo tranquillo, che parla con senno, tranne in quanto si riferisce al

Page 48: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 48/199

suo mestiere di marinaio. Su questo argomento non ragiona più. Glioffro le mie cure, perché soffre, ma non le vuole accettare e non esce

 più dalla sua cabina.Oggi il locale dell'equipaggio è stato invaso da un fumo acre e

nauseabondo che filtra dalle commessure delle paratie. Certamentel'incendio avanza da questa parte, e tendendo l'orecchio si ode comeun sordo russare. Ma dove piglia il fuoco tutta l'aria che l'alimenta?

Qual è l'apertura sfuggita alle nostre ricerche? La terribile catastrofenon potrà esser allontanata ormai! Forse è solo questione di pochigiorni, di poche ore, e disgraziatamente il mare è tanto agitato, chenon si può pensare a fuggire nelle lance.

Per ordine di Robert Kurtis, la paratia del locale dell'equipaggio ècoperta  con una cappa incerata che viene continuamente bagnatad'acqua. Nonostante queste precauzioni, il fumo traspira sempre fraun calore umido, che si spande in tutta la zona di prua della nave e virende l'aria quasi irrespirabile.

Fortunatamente l'albero di maestra e quello di trinchetto sono inferro, altrimenti, bruciati al piede sarebbero già caduti e noi saremmo

 perduti.Robert Kurtis mantiene la massima velatura  possibile, e, spinto

dal vento fresco di nord-est, il Chancellor cammina rapidamente.Sono già quattordici giorni che l'incendio si è manifestato, e i suoi

 progressi sono incessanti perché non abbiamo potuto combatterli.Ora a bordo la manovra si fa sempre più difficile. Sul casseretto, ilcui pavimento non è in contatto diretto con la stiva, si può ancorastare in piedi, ma sul  ponte  fino al castello  di prua è impossibilecamminare nemmeno con grosse calzature. L'acqua non basta più arinfrescare quelle tavole, che il fuoco lambisce e che si inarcano suiloro  bagli. La resina del legno stride intorno ai nodi, si aprono i

comenti, e la pece liquefatta dal calore scorre disegnando strisce bizzarre a seconda del rollio.

E per colmo di sciagura, ecco che il vento balza bruscamente anord-ovest e soffia con violenza! È un vero uragano, come neaccadono talvolta in questi paraggi, e ci allontana dalla terra delleAntille a cui cerchiamo di giungere! Robert Kurtis vuolefronteggiarlo mettendo alla cappa, ma il vento è così furioso, che il

Page 49: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 49/199

Chancellor non può reggere la cappa e ben presto deve darsi allafuga per evitare i colpi di mare che sono terribili quando percuotonouna nave all'anca.

Il 29, la tempesta infuria. L'oceano è scatenato e gli spruzzi delleonde coprono interamente il Chancellor. Sarebbe impossibile mettereuna lancia  in mare senza che fosse subito sommersa. Ci siamorifugiati alcuni sul casseretto, altri sul castello di prua. Ci guardiamo

in volto, non osiamo parlare.Quanto all'uomo del picrato non ci pensiamo nemmeno più,abbiamo dimenticato questo  particolare,  per usare l'espressione diRobert Kurtis. Non so veramente se l'esplosione della nave, cherisolverebbe la situazione, non sia da desiderare. Scrivendo questafrase, ritengo di dare un'idea esatta del nostro stato d'animo. L'uomo,lungamente minacciato da un pericolo, finisce con il desiderare cheesso si presenti, perché l'attesa d'una catastrofe è più orribile dellarealtà!

Finché si è stati in tempo, il capitano Kurtis ha fatto estrarre una parte dei viveri stivati in cambusa, nella quale ormai non si potrebbe

 più entrare. Il caldo ha già rovinato una gran quantità di provviste,ma alcuni barili di carne salata e di biscotto, una botticellad'acquavite e alcune botti d'acqua sono state collocate sul ponte, e adessi sono stati aggiunti delle coperte, degli strumenti, una bussola,delle vele, allo scopo di potere, presentandosene l'occasione, lasciarimmediatamente la nave.

Alle otto di sera, nonostante il frastuono dell'uragano, si sentonofragorosi ruggiti. I boccaporti del ponte si spalancano sotto la

 pressione dell'aria calda, e turbini di fumo nero sfuggono come ilvapore dalla valvola d'una caldaia.

L'equipaggio si precipita verso Robert Kurtis, per chiedergli

ordini. Una sola idea si impadronisce di tutti: fuggire il vulcano chesta per spalancarsi sotto i nostri piedi!

Robert Kurtis guarda l'oceano, le cui onde mostruose si frangonocontro la nave. Non ci si può più nemmeno accostare alla barcaccia,che è posta sulle sue morse in mezzo al ponte, ma è ancora possibileservirsi del canotto issato sulle sue grue di dritta, e della balenierasospesa a poppa della nave.

Page 50: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 50/199

I marinai si precipitano verso il canotto. — No! — grida Robert Kurtis, — no! sarebbe giocarci l'ultima

speranza contro un colpo di mare!Alcuni marinai, come pazzi, Owen in testa, vogliono ugualmente

mettere in acqua il canotto. Robert Kurtis si precipita sul casseretto, eafferrando un'ascia grida:

 — Il primo che tocca i paranchi gli fendo il cranio!

I marinai si ritirano. Alcuni si arrampicano sulle griselle dellesartie, altri fin sulle gabbie.Alle undici nella stiva si odono delle detonazioni violente. Sono le

 paratie che scoppiano lasciando il passaggio all'aria calda ed al fumo.Subito torrenti di vapore escono dal tambuccio del locale di prua, eduna lunga lingua di fuoco viene a lambire l'albero di trinchetto.

Allora si levano delle grida. La signora Kear, sorretta dallasignorina Herbey, lascia precipitosamente le camere invase dallefiamme. Poi appare Silas Huntly col volto annerito dal fumo, etranquillamente, dopo aver salutato Robert Kurtis, si dirige verso lesartie di poppa, si arrampica sulle griselle e si pone sulla gabbia di

mezzana.La vista di Silas Huntly mi ricorda allora che un altro uomo è

rimasto imprigionato nel casseretto, nella cabina che le fiammestanno forse per divorare.

Bisogna dunque lasciar perire il disgraziato Ruby? Mi lancioverso la scala... ma il pazzo, che ha spezzato i legami, appare in quelmomento con i capelli arsi e gli abiti in fiamme. Senza proferir

 parola, corre sul ponte ed i piedi non gli scottano! Si getta nei turbinidi fumo e il fumo non lo soffoca! è come una salamandra umana checorre in mezzo alle fiamme!

Allora si ode una nuova detonazione, la lancia  vola in pezzi; il

 boccaporto centrale salta per aria lacerando la cappa, e un getto difuoco lungamente compresso schizza fino a metà albero.

In quel momento il pazzo lancia delle grida laceranti, e gli esconodi bocca queste parole:

 — Il picrato, il picrato! Stiamo per saltar tutti! saltare! saltare!... per aria!

Poi, senza che si abbia tempo di fermarlo, si precipita attraverso il

Page 51: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 51/199

 boccaporto nella fornace ardente.

Page 52: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 52/199

C  APITOLO XIV

DURANTE LA NOTTE DEL 29 OTTOBRE.  — Questa scena è stataspaventosa, e ognuno, nonostante la situazione disperata in cui si

trova, ne ha provato tutto l'orrore.Ruby è morto perdendo il controllo, ma le sue ultime paroleavranno forse conseguenze funeste.

I marinai l'hanno udito gridare: — Il picrato! — Hanno compresoche la nave può scoppiare da un momento all'altro e che non è piùsoltanto un incendio che li minaccia, ma una spaventosa esplosione.

Alcuni, per un attimo, vogliono fuggire ad ogni costo e senzaindugio.

Gridano: — Il canotto, il canotto! Non vedono, non vogliono vedere, i disgraziati, che il mare è

scatenato e che nessuna lancia  può sfidare le onde che frangono a

 prodigiosa altezza! Nulla può trattenerli e non ascoltano la voce del capitano.Inutilmente Robert Kurtis si getta in mezzo all'equipaggio. Ilmarinaio Owen eccita i suoi camerati; le rizzature del canottovengono allentate ed esso è spinto fuori.

L'imbarcazione si dondola un istante nell'aria e obbedendo alrollio della nave va a incocciarsi contro il guardamano. Un ultimosforzo dei marinai la libera; e essa sta per toccare il mare, quandoun'ondata mostruosa la prende dal di sotto, l'allontana per un attimoe, con forza irresistibile, la frantuma contro la murata del Chancellor. 

La barcaccia ed il canotto sono distrutti, non ci rimane che una

fragile e stretta baleniera.I marinai istupiditi rimangono immobili. Non si sente altro che il

fischio del vento nell'attrezzatura e il ruggire dell'incendio.La fornace si scava profonda nel mezzo della nave, e torrenti di

vapori fuligginosi, sfuggendo dal boccaporto, salgono verso il cielo.Dal castello di prua al casseretto, non ci si vede più; una barriera difiamme divide il Chancellor in due parti.

I passeggeri e due o tre uomini dell'equipaggio si sono rifugiati a

Page 53: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 53/199

 poppa  del casseretto. La signora Kear giace svenuta e la signorinaHerbey le sta accanto. Il signor Letourneur ha preso il figlio fra le

 braccia e se lo stringe al petto. Un sussulto nervoso si è impadronitodi me e non lo posso calmare. L'ingegner Falsten consultafreddamente l'orologio e segna l'ora sul suo taccuino.

Che cosa accade a prua, dove stanno senza dubbio il secondoufficiale, il nostromo ed il resto dell'equipaggio che non possiamo

 più vedere? Ogni comunicazione è rotta fra le due parti del bastimento e nessuno potrebbe attraversare la cortina di fiamme chesi leva dal boccaporto di maestra.

M'avvicino a Robert Kurtis. — Tutto è perduto? — No, — mi risponde. — Dato che il  boccaporto  è aperto,

getteremo un torrente d'acqua in quella fornace e forse riusciremo aspegnerla!

 — Ma come manovrare le pompe su questo ponte ardente, signorKurtis? Come dare ordini ai marinai attraverso alle fiamme?

Robert Kurtis non mi risponde.

 — Tutto è perduto? — domando di nuovo. — No, signore, — mi dice Robert Kurtis, — no, fin tanto che una

tavola di questa nave resisterà sotto i miei piedi, io non dispererò.Frattanto la violenza dell'incendio raddoppia e le acque del mare

si tingono d'una luce rossastra. Al di sopra, le nuvole basse riflettonofulvi bagliori. Lunghi getti di fuoco sgorgano dai boccaporti, e cisiamo rifugiati sul coronamento, dietro il casseretto. La signora Kearè stata deposta nella baleniera che è sospesa alle sue grue, e lasignorina Herbey le si è posta accanto.

Che notte spaventosa: quale penna potrebbe descriverne l'orrore?L'uragano, in tutta la sua violenza, soffia sul braciere come un

immenso soffietto. Il Chancellor corre nelle tenebre come un brulotto gigantesco. Non vi è altra alternativa che gettarsi in mare o perire nelle fiamme!

Ma il picrato non prenderà dunque fuoco? Questo vulcano non siaprirà dunque sotto i nostri piedi? Ruby allora ha mentito! Non vi èdunque alcun esplosivo nella stiva?

Alle undici e mezzo, nel momento in cui il mare è più terribile che

Page 54: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 54/199

mai, un rombo speciale, tanto temuto dai marinai viene adaggiungersi al frastuono degli elementi scatenati, e si ode a  prua questo grido:

 — Frangenti! frangenti a dritta!Robert Kurtis salta sul guardacorpo, getta una rapida occhiata alle

onde bianche, e volgendosi al timoniere grida, con voce imperiosa: — Tutta barra a dritta!

Ma è troppo tardi. Sento che siamo sollevati sul dorso di un'ondamostruosa e improvvisamente avviene un urto. La nave tocca con la poppa, tallona più volte e l'albero di mezzana, spezzato all'altezza del ponte, cade in mare.

Il Chancellor è immobile.

Page 55: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 55/199

C  APITOLO XV

SEGUITO DELLA NOTTE DEL 29 OTTOBRE.   — Non è ancoramezzanotte. Non possiamo sapere dove la nave si è arenata.

Violentemente respinta dall'uragano ha dunque finalmente raggiuntola costa americana, e la terra è in vista?Ho detto che il Chancellor, dopo aver tallonato alcune volte, è

rimasto assolutamente immobile. Alcuni istanti dopo un rumore dicatene che viene da prua, informa Robert Kurtis che sono state calatele ancore.

 — Bene, bene! — dice. — Il secondo ufficiale e il nostromohanno calate le ancore! Speriamo che tengano!

Vedo allora Robert Kurtis farsi avanti sulla murata fino al limiteche le fiamme non permettono di oltrepassare. Egli scivola sul

 parasartie  di dritta  dalla parte su cui la nave è sbandata, e rimane

aggrappato là alcuni minuti nonostante i grossi frangenti  che loschiacciano. Io lo vedo tendere l'orecchio come se ascoltasse unrumore particolare in mezzo al frastuono della tempesta.

Finalmente Robert Kurtis ritorna sul casseretto: — L'acqua entra, — dice, — e quest'acqua, che il Cielo ci aiuti,

domerà forse l'incendio. — Ma poi? — dico io. — Signor Kazallon, — mi risponde Robert Kurtis, —  poi è

l'avvenire, è ciò che Dio vorrà! Pensiamo al presente!La prima cosa da fare sarebbe di scandagliare mediante le pompe,

ma in questo momento esse non si possono raggiungere essendo in

mezzo alle fiamme; è probabile che qualche tavola del fasciame sfondata nell'opera viva  del bastimento lasci un largo passaggioall'acqua, perché mi sembra che la violenza dell'incendio stia giàdiminuendo. Si sentono fischi assordanti, che attestano come i dueelementi lottino fra loro. Certamente la base del focolaio è stataraggiunta e la prima fila di balle di cotone è già sommersa. Ebbene!che l'acqua estingua l'incendio, poi la combatteremo a sua volta!Forse sarà meno terribile del fuoco! L'acqua è l'elemento del

Page 56: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 56/199

marinaio ed egli è avvezzo a vincerla.Durante le tre ore che dura ancora questa notte così lunga,

aspettiamo con ansia indescrivibile. Dove siamo? Quel che è certo èche il fuoco si ritira poco per volta e che il furore delle onde vaattenuandosi. Il Chancellor deve essersi arenato un'ora dopo l'altamarea, ma è difficile accertarlo senza calcoli ed osservazioni. Se ècosì, si può sperare, a condizione che il fuoco sia spento, di potersi

disincagliare prontamente alla prossima marea.Verso le quattro e mezzo del mattino la cortina di fiamme, tesa frala  poppa  e la  prua  della nave si dissipa a poco a poco, e al di làvediamo finalmente un gruppo nero. È l'equipaggio rifugiatosi sullostretto castello di prua. In breve le comunicazioni vengono ristabilitefra le due estremità della nave, ed il secondo ufficiale e il nostromovengono a raggiungerci sul casseretto, camminando sui guardamano,

 perché non è ancora possibile mettere piede sul ponte.Il capitano Kurtis, il secondo ufficiale e il nostromo esaminano la

situazione alla mia presenza, e si trovano d'accordo sul fatto che non bisogna tentare nulla prima di giorno. Se la terra è vicina, se il mare

lo permette, si raggiungerà la costa o con la baleniera o con unazattera. Se nessuna terra è in vista, se il Chancellor si è arenato suuno scoglio isolato, si cercherà di rimetterlo a galla in modo che

 possa raggiungere il porto più vicino. — Ma, — dice Robert Kurtis, la cui opinione è condivisa dal

secondo ufficiale e dal nostromo, — è difficile indovinare dovesiamo perché con questi venti di nord-ovest il Chancellor ha dovutoessere spinto molto a sud. Da un pezzo non ho potuto fare il punto,nondimeno, siccome non so di nessuno scoglio in questa partedell'Atlantico, è possibile che siamo arenati su qualche terradell'America del Sud.

 — Ma, — dico io, — siamo sempre sotto la minaccia di unoscoppio. Non potremmo abbandonare il Chancellor e rifugiarci...

 — Su questo scoglio? — risponde Robert Kurtis. — Ma come èfatto? La marea alta non lo copre? Possiamo riconoscerlo in questaoscurità? Lasciamo che venga giorno, e vedremo.

Riferisco subito agli altri passeggeri queste parole di RobertKurtis. Esse non sono proprio rassicuranti, ma nessuno vuol vedere il

Page 57: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 57/199

nuovo pericolo che crea la situazione della nave, se, per disgrazia,essa si è arenata su qualche scoglio sconosciuto, a molte centinaia dimiglia da ogni terra. Una sola considerazione domina ogni cosa, ed èche l'acqua ormai combatte per noi e lotta vantaggiosamente control'incendio e di conseguenza, contro la minaccia d'esplosione.

Infatti alle fiamme violente è succeduto a poco a poco un densofumo nero, che sfugge dai boccaporti in volute umidicce. Alcune

lingue ardenti si lanciano ancora in mezzo ai cupi turbini, ma sispengono quasi subito. Al ruggito del fuoco succedono i fischidell'acqua che evapora sul focolaio interno. Certo il mare fa ciò chele nostre pompe e i nostri buglioli non avrebbero potuto fare, e civoleva soltanto una inondazione per spegnere quell'incendio, che si è

 propagato in mezzo a mille e settecento balle di cotone!

Page 58: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 58/199

C  APITOLO XVI

30 OTTOBRE.  — Le prime luci del mattino hanno imbiancatol'orizzonte, ma le brume del largo arrestano lo sguardo su una

circonferenza ristretta. Nessuna terra è ancora in vista, eppure i nostriocchi frugano impazienti tutta la parte occidentale e meridionaledell'oceano.

In questo momento il mare si è ritirato quasi del tutto, non vi sonosei piedi d'acqua intorno alla nave, che pesca ben quindici piedi a

 pieno carico. Alcune punte rocciose emergono qua e là; si vede dacerti colori del fondo che quella scogliera è fatta di rocce basaltiche.Ma come mai il Chancellor ha potuto essere spinto tanto avanti suquesto scoglio? Bisogna che un'onda enorme l'abbia sollevato, ed è

 proprio ciò che ho sentito alcuni istanti prima dell'arenamento. Così,dopo aver esaminato la linea di scogli che lo circonda, mi domando

in qual modo si potrà toglierlo di là. È inclinato di poppa verso prora,il che rende molto difficile camminare sul  ponte, e inoltre a mano amano che il livello dell'oceano si abbassa, si accentua il suosbandamento  sulla sinistra. Robert Kurtis ha potuto temere per unistante che la nave si abbattesse sul fianco a bassa marea: ma la suainclinazione si è finalmente fissata e non vi è più nulla da temere aquesto riguardo.

Alle sei del mattino si odono urti violenti. È l'albero di mezzana,che dopo essere stato portato via, torna a battere contro la murata delChancellor. Contemporaneamente echeggiano delle grida, e il nomedi Robert Kurtis viene pronunciato diverse volte.

Guardiamo nella direzione dalla quale provengono le grida, e nelcrepuscolo del giorno che nasce si vede un uomo che si è aggrappatoalla gabbia di mezzana. È Silas Huntly, il quale, travolto nella cadutadell'albero, è miracolosamente scampato dalla morte.

Robert Kurtis si precipita in aiuto del suo ex capitano, e, sfidandomille pericoli, riesce a riportarlo a bordo. Silas Huntly, senza

 proferire parola, va a sedersi nel cantuccio più lontano del casseretto.Quell'uomo, divenuto un essere assolutamente passivo, non conta

Page 59: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 59/199

 più.Si riesce poi a far passare sottovento  l'albero di mezzana, che

viene saldamente ormeggiato  alla nave, di cui non percuote più ifianchi. Chissà, questo rottame potrà forse servirci!

Ora è abbastanza chiaro e le nebbie cominciano a diradarsi. Già losguardo può estendersi sul perimetro dell'orizzonte a più di tremiglia, ma non appare ancora nulla che assomigli ad una costa. La

linea dei frangenti va da sud-ovest a nord-est per un miglio circa. Alnord emerge una specie d'isolotto di forma irregolare. È un bizzarroagglomerato di rocce, che si erge a non più di duecento braccia dalluogo in cui si è arenato il Chancellor e ad un'altezza di cinquanta

 piedi. Esso deve dunque dominare il livello delle più alte maree. Unaspecie di argine strettissimo, ma praticabile a bassa marea, ci

 permetterà di giungere a quell'isolotto, se sarà necessario.Al di là il mare ripiglia la sua tinta scura. Là l'acqua è profonda.

Là finisce la scogliera.Uno scoramento, giustificato dalla condizione della nave,

s'impadronisce di tutti gli animi. Bisogna temere infatti che quella

scogliera non si colleghi a nessuna terra.In questo momento - sono le sette, - è giorno chiaro, e le nebbie

sono scomparse. L'orizzonte si disegna, intorno al Chancellor,limpidissimo, ma la linea d'acqua  e la linea del cielo vi siconfondono col medesimo contorno, e il mare riempie tutto lospazio.

Robert Kurtis, immobile, osserva l'oceano principalmente versoovest. Il signor Letourneur ed io, ritti uno accanto all'altro, neesaminiamo ogni minimo movimento e leggiamo chiaro le idee chegli si affollano nel cervello. La sua meraviglia è grande, perché egli

 poteva credersi vicino a terra essendosi sempre diretto a sud, dopo

l'avvistamento delle Bermude, eppure nessuna terra è in vista.In questo momento, Robert Kurtis, lasciando il casseretto, si reca

camminando sulle murate  fino alle sartie, si lancia sulle griselle,afferra le sartie dell'albero di gabbia, supera le crocette e raggiungerapidamente l'incappellaggio4  dell'alberetto di velaccio. Di là

4  tratto di un albero ove si uniscono le gasse e i collari delle sartie che losostengono.

Page 60: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 60/199

esamina per qualche minuto con estrema attenzione tutto l'orizzonte, poi afferra uno dei paterazzi, si lascia scivolare fino al guardamano etorna accanto a noi.

Lo interroghiamo con lo sguardo: — Nessuna terra! — risponde freddamente. Allora il signor Kear

domanda: — Dove siamo signore?

 — Non ne ho la minima idea, signore — risponde Robert Kurtis. — Dovreste saperlo! — replica scioccamente il magnate del petrolio.

 — Sarà, ma non lo so! — Ebbene, — soggiunge il signor Kear, — sappiate allora che io

non intendo rimanere eternamente sulla vostra barca, signore, e viordino di partire!

Robert Kurtis si accontenta di alzare le spalle.Poi, rivolgendosi verso il signor Letourneur e me, dice:

 — Prenderò un'altezza se il sole si mostra, e allora sapremo inquale punto dell'Atlantico ci ha gettato l'uragano.

Robert Kurtis si occupa poi di far distribuire viveri ai passeggeri eall'equipaggio. Ne abbiamo tutti bisogno, perché siamo estenuatidalla fatica e dalla fame. Si mangia biscotto e carne conservata; poi ilcapitano, senza perdere un minuto, dà alcuni ordini per rimettere agalla la nave.

L'incendio è ormai diminuito e ormai nessuna fiamma compareall'esterno. Il fumo è meno abbondante, benché nero. È certo che ilChancellor ha una gran quantità d'acqua nella stiva, ma non si puòaccertarlo, poiché il ponte non è praticabile.

Robert Kurtis fa allora annaffiare le tavole ardenti, e due ore dopoi marinai possono camminare sul ponte.

La prima preoccupazione è di scandagliare, ed è il nostromo chefa questa operazione. Dopo di che si accerta che vi sono cinque piedid'acqua nella stiva, ma il capitano non dà ordine di pomparla, perchévuole che essa completi la sua opera. Prima l'incendio. L'acqua dopo.

Ed ora, è forse meglio abbandonare la nave e rifugiarsi sulloscoglio? Non è questa l'opinione del capitano Kurtis, e nemmeno delsecondo ufficiale e del nostromo. Infatti, con un mare cattivo non

Page 61: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 61/199

deve essere possibile resistere su queste rocce, nemmeno sulle piùalte, che i marosi devono spazzare. Quanto alle possibilità diesplosione presentate dalla nave, esse ora sono notevolmentediminuite; certamente l'acqua ha invaso la parte della stiva dove èdeposto il bagaglio di Ruby, e, di conseguenza, la damigiana di

 picrato.Viene perciò deciso che né i passeggeri né l'equipaggio

abbandoneranno il Chancellor. Ci si dedica, allora, a costruire a poppa, sul casseretto, una specied'attendamento, e vengono sistemati per le due passeggere alcunimaterassi, che il fuoco non ha toccato. Alcuni uomini dell'equipaggioche hanno salvato i loro sacchi-vestiario, li sistemano sotto il castello di  prua. Alloggeranno là, poiché il loro locale è assolutamenteinabitabile.

Per fortuna in dispensa i danni non devono essere stati gravissimi;in gran parte i viveri sono stati risparmiati, e così pure le riserved'acqua. Anche la cala delle vele di rispetto, posta a prua, è intatta.

Infine forse siamo al termine delle nostre pene! Almeno si è

tentati di crederlo, perché da stamane il vento si è calmato molto, e allargo il mare lungo si è assai ridotto. È una circostanza favorevole,

 perché se in questo momento i colpi di mare percuotessero ilChancellor, lo spezzerebbero inevitabilmente contro queste durerocce basaltiche.

I signori Letourneur ed io abbiamo parlato a lungo degli ufficialidi bordo, dell'equipaggio e di come tutti si sono comportati durante il

 pericolo. Tutti hanno dimostrato coraggio ed energia. Il secondoufficiale Walter, il nostromo, il carpentiere Daoulas, si sono

 particolarmente distinti. Ecco dei bravi marinai, sui quali si può fareassegnamento. Quanto a Robert Kurtis è inutile elogiarlo. Ora come

sempre si moltiplica, è dappertutto; non si presenta difficoltà che nonsia pronto a risolvere; incoraggia i marinai con le parole e con leazioni ed è diventato l'anima di questo equipaggio il quale non agisceche per opera sua.

Frattanto, dalle sette del mattino il mare ha cominciato a risalire.Ora sono le undici, e tutti gli scogli sono scomparsi sott'acqua. Ci sideve aspettare di vedere il livello dell'acqua alzarsi nella stiva del

Page 62: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 62/199

Chancellor a mano a mano che quello del mare cresce, e cosìappunto avviene. Lo scandaglio segnala nove piedi e nuovi strati dicotone sono inondati: dobbiamo rallegrarcene.

Da quando la marea ha raggiunto l'altezza massima, la maggior parte degli scogli che circondano la nave sono sommersi: rimanevisibile solo la cornice di un piccolo bacino circolare diduecentocinquanta o trecento piedi di diametro, di cui il Chancellor

occupa l'angolo nord. Il mare vi è abbastanza tranquillo e le onde nongiungono fino alla nave - fortunata circostanza, perché essendoassolutamente immobile, il nostro bastimento sarebbe battuto comeuno scoglio.

Alle undici e mezzo il sole, che le nubi velavano da dieci ore, si èopportunamente lasciato vedere. Il capitano, che ha già potutocalcolare un angolo orario nella mattina, si prepara a prenderel'altezza meridiana, e verso mezzogiorno riesce a fareun'osservazione esattissima.

Poi scende nella sua cabina, calcola il punto, torna sul casseretto,e ci dice:

 — Siamo a 18° 5' di latitudine nord, e 45° 53' di longitudineovest.

Allora la posizione viene spiegata dal capitano a tutti coloro chenon hanno familiarità con la longitudine e la latitudine. Robert Kurtiscon ragione non vuol nascondere nulla, gli preme che ognuno siainformato esattamente dello stato delle cose.

Il Chancellor è arenato a 18° 5' di latitudine nord e 45° 53' dilongitudine ovest, su uno scoglio non indicato dalle carte. Come mai

 possono esistere degli scogli in questa parte dell'Atlantico senza chese ne sia al corrente? Questo isolotto sarebbe dunque di formazionerecente, un prodotto di qualche sollevamento plutonico? Non vedo

altra spiegazione possibile per questo fatto.Ad ogni modo, quest'isolotto è a ottocento miglia almeno dalle

Guiane, che sono la terra più vicina.Ecco quanto stabilisce in modo incontrastabile il punto segnato

sulla carta di bordo.Il Chancellor è dunque stato trascinato a sud fino al 18° parallelo,

 prima dalla pazza ostinazione di Silas Huntly, poi da quel colpo di 

Page 63: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 63/199

vento di nord-ovest che l'ha obbligato a fuggire. Per conseguenza ilChancellor dovrà navigare per più di ottocento miglia prima diraggiungere la costa più vicina.

Questa è la situazione: è grave, eppure l'impressione che derivadalla comunicazione del capitano non è brutta, perlomeno in questomomento. Quali nuovi pericoli potrebbero turbarci ora, dopo chesiamo sfuggiti alle minacce dell'incendio e dell'esplosione? Si

dimentica che la stiva della nave è invasa dall'acqua, che la terra èlontana, che il Chancellor, quando riprenderà il mare, potrà calare afondo... Ma gli animi sono ancora sotto l'impressione dei terrori del

 passato, e, avendo ritrovato un po' di calma, sono disposti allafiducia.

Che cosa farà ora Robert Kurtis? Semplicemente ciò che il buonsenso comanda: spegnere completamente l'incendio, buttare amare tutto o una parte del carico, senza dimenticare la damigiana di

 picrato, tappare la via d'acqua, e, alleggerita la nave, approfittare diun'alta marea per lasciare lo scoglio al più presto possibile.

Page 64: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 64/199

C  APITOLO XVII

SEGUITO DEL 30 OTTOBRE.  — Ho parlato con il signor Letourneurdella situazione in cui ci troviamo e ho creduto di potergli assicurare

che il nostro soggiorno sullo scoglio sarà breve, se le circostanzesaranno favorevoli. Ma il signor Letourneur non sembra della miaopinione.

 — Temo invece, — mi risponde, — che dovremo restare un pezzosu queste rocce!

 — E perché? — ho ribattuto. — Gettare in mare qualche centinaiodi balle di cotone non è una cosa lunga né difficile, e in due o tregiorni la si può fare.

 — Certamente, signor Kazallon, la si potrebbe fare rapidamente,se l'equipaggio potesse mettersi al lavoro fin da oggi. Ma èassolutamente impossibile entrare nella stiva del Chancellor,  perché

l'aria vi è ancora irrespirabile, e chissà quanti giorni dovranno passare prima che vi si possa scendere, dal momento che lo stratointermedio del carico brucia ancora. D'altra parte, spento il fuoco,saremo forse in grado di prendere subito il mare? No! Bisogneràaccecare la falla che deve essere notevole, e accecarla con estremacura se non vogliamo colare a fondo dopo aver rischiato di essere

 bruciati! No, signor Kazallon, io non mi faccio illusioni e mi riterròfortunato se fra tre settimane avremo lasciato lo scoglio. E che ilCielo non voglia che si scateni qualche uragano prima che abbiamoripreso il mare, perché il Chancellor verrebbe spezzato come vetrocontro questo scoglio che diventerebbe la nostra tomba!

È questo infatti il maggior pericolo dal quale siamo minacciati.L'incendio sarà domato, la nave rimessa a galla - perlomeno tutto lolascia credere; ma siamo alla mercé d'un colpo di vento.Ammettendo che la parte più elevata dello scoglio possa offrire unrifugio durante una tempesta, che cosa avverrebbe dei passeggeri edell'equipaggio del Chancellor, una volta che la loro nave fosseridotta a un relitto?

 — Signor Letourneur, — ho chiesto allora, — avete fiducia in

Page 65: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 65/199

Robert Kurtis? — Fiducia assoluta, signor Kazallon, e considero una grazia

celeste il fatto che il capitano Huntly gli abbia ceduto il comandodella nave. Tutto quanto sarà possibile fare son sicuro che RobertKurtis lo farà.

Quando chiedo al capitano quanto crede che potrà durare il nostrosoggiorno sullo scoglio, mi risponde che non può ancora saperlo e

che ciò dipende soprattutto dalle circostanze, ma spera che il temponon sarà sfavorevole. Infatti il barometro risale costantemente esenza oscillazioni, che invece ha quando gli strati atmosferici sonomal equilibrati. Questo è un indizio di calma durevole e perciò lieto

 presagio per le nostre operazioni.Del resto non si perde un'ora, e ognuno si mette all'opera con

energia.Robert Kurtis pensa, prima di tutto, a spegnere completamente

l'incendio, che rode ancora lo strato superiore delle balle di cotone aldi sopra del livello raggiunto dall'acqua nella stiva. Ma non si trattadi perdere tempo per risparmiare il carico. È evidente che la sola

maniera di agire è di soffocare il fuoco fra due zone liquide. Le pompe ricominciano dunque a entrare in funzione.

Durante le prime operazioni l'equipaggio basta alle manovre delle pompe. L'aiuto dei passeggeri non viene richiesto, ma noi siamo tutti pronti ad offrire le nostre braccia, e il nostro aiuto non sarà dadisprezzare quando si dovrà procedere allo scaricamento della nave.Frattanto i signori Letourneur ed io passiamo il tempo ochiacchierando o leggendo; io inoltre dedico qualche ora a scrivere ilmio diario. L'ingegner Falsten, poco comunicativo, è sempre assortonelle sue cifre o disegna schizzi di macchine in pianta, spaccata ealzata. Volesse il Cielo che potesse inventare qualche potente

meccanismo capace di rimettere a galla il Chancellor! Quanto aisignori Kear, essi se ne stanno in disparte e ci risparmiano il fastidiodi ascoltare le loro incessanti recriminazioni; disgraziatamente lasignorina Herbey è obbligata a rimanere con loro, e non vediamoquasi mai la giovane. Silas Huntly non si immischia in nulla diquanto riguarda la nave; in lui il marinaio non esiste più e l'uomovegeta appena. Lo steward Hobbart è un personaggio ossequioso,

Page 66: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 66/199

impenetrabile e generalmente quasi mai d'accordo con il suo cuocoJynxtrop, un brutto ceffo di negro, brutale e impudente, che simescola con gli altri marinai più di quel che convenga.

Le distrazioni dunque non possono essere che molto rare a bordo.Fortunatamente mi viene l'idea di andare a visitare lo scogliosconosciuto sul quale è arenato il Chancellor. La passeggiata nonsarà né lunga né variata, certamente, ma è un'occasione di lasciare la

nave per qualche ora e di studiare un terreno di origine sicuramente bizzarra.D'altra parte è importante che la mappa di questo scoglio, non

segnato sulle carte, sia rilevata con cura. Credo che i signoriLetourneur ed io potremo fare facilmente questo lavoro di idrografia,lasciando al capitano Kurtis la cura di completarlo quando calcoleràdi nuovo la longitudine e latitudine con tutta l'esattezza possibile.

La mia proposta è accettata dai signori Letourneur. Vengonomessi a nostra disposizione la baleniera con alcuni scandagli a sagolaed un marinaio per manovrarla; lasciamo quindi il Chancellor nellamattinata del 31 ottobre.

Page 67: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 67/199

C  APITOLO XVIII

DAL 31 OTTOBRE AL 5  NOVEMBRE.  — Abbiamo cominciato con ilfare il periplo dello scoglio che ha una lunghezza di circa un quarto

di miglio.Questo piccolo viaggio di «circumnavigazione» viene compiutorapidamente e, grazie allo scandaglio, accertiamo che i fianchi delloscoglio sono molto scoscesi. L'acqua è assai profonda fin sotto lerocce e non c'è da dubitare che a proiettare questo scoglio fuori dalleonde sia stato un brusco sollevamento, una spinta violenta dovutaall'azione delle forze plutoniche.

Del resto l'origine dell'isolotto è indiscutibile. È puramentevulcanica. Dappertutto vi sono soltanto blocchi di basalto disposti inordine perfetto, i cui prismi regolari danno a tutto l'insieme l'aspettodi un gigantesco agglomerato di cristalli. Il mare è splendidamente

trasparente immediatamente all'intorno del perimetro dello scoglio e permette di vedere il bizzarro fascio di tronchi prismatici chesostiene questa notevole costruzione.

 — Ecco un isolotto ben strano, — dice il signor Letourneur, — ela sua comparsa è sicuramente recente.

 — È chiaro, babbo, — risponde il giovane André, — e aggiungoche si tratta di un fenomeno identico a quelli che si sono verificati

 per l'isola Giulia, davanti alla costa della Sicilia, e per i gruppi delleSantorino, nell'Arcipelago, a formare quest'isolotto proprio per

 permettere al Chancellor di andarvisi ad incagliare! — Effettivamente, — ho aggiunto io, — bisogna che in questa

 parte dell'oceano si sia verificato un sollevamento, dato che questoscoglio non è segnato sulle carte più recenti, perché, in questa partedi Atlantico che è abbastanza battuta, non avrebbe potuto sfuggireall'avvistamento da parte dei marinai. Dunque esploriamolo con cura,e in tal modo lo faremo conoscere ai naviganti.

 — Ma chissà se non sparirà presto in seguito ad un fenomenoanalogo a quello che lo ha generato? — risponde André Letourneur.

 — Sapete bene, signor Kazallon, che queste isole vulcaniche spesso

Page 68: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 68/199

hanno una durata effimera, e magari, quando i geografi avrannoinserito questa nelle nuove carte, essa non esisterà già più!

 — Non importa, mio caro ragazzo, — risponde il signorLetourneur. — È meglio indicare un pericolo che non esiste piuttostoche tralasciarne uno che esiste, e i marinai non avranno diritto dilamentarsi se non troveranno più nessuno scoglio là dove noi neabbiamo rilevato uno!

 — Hai ragione, babbo, — risponde André, — e, dopo tutto, è possibilissimo che questo isolotto sia destinato a durare quanto inostri continenti. Solamente, se deve scomparire, il capitano Kurtis

 preferirebbe che fosse fra qualche giorno, allorché avrà riparato leavarie, ciò gli risparmierebbe la fatica di rimettere a galla la nave!

 — Davvero, André, — rispondo in tono scherzoso, — voi voletedisporre della natura da padrone dispotico! Volete che essa elevi einghiotta uno scoglio a vostro piacimento, secondo le vostre

 personali necessità, e dopo aver creato queste rocce allo scopo preciso di spegnere l'incendio del Chancellor, le faccia scomparire aun vostro colpo di bacchetta per rimetterlo a galla?

 — Io non voglio nulla, signor Kazallon, — risponde sorridendo ilgiovane, — tranne che ringraziare Dio, che ci ha così visibilmente

 protetti. Egli ha voluto gettare la nostra nave su questo scoglio e larimetterà a galla quando sarà giunto il momento.

 — E noi l'aiuteremo con tutte le nostre forze, non è vero, amici? — Sì, signor Kazallon, — risponde il signor Letourneur, —

 perché è legge dell'umanità di aiutarci fra noi. Tuttavia André haragione di porre la sua fiducia in Dio. Certamente, avventurandosisul mare, l'uomo fa un uso notevole delle qualità che la natura gli hadato; ma su questo oceano sconfinato, quando gli elementi siscatenano, egli sente quanto è fragile la nave che lo porta, e quanto

egli stesso è debole e disarmato! Perciò io penso che il motto delmarinaio dovrebbe essere questo: Fiducia in se stesso, e fede in Dio!

 — Nulla di più vero, signor Letourneur, — ho risposto. — Iocredo, anzi, che vi siano pochi marinai che abbiano l'animaostinatamente chiusa al sentimento religioso.

Così parlando esaminiamo attentamente le rocce che formano la base dell'isolotto, ed ogni cosa ci convince che la sua origine è

Page 69: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 69/199

recente. Infatti non c'è una conchiglia, non un'alga aggrappata alle pareti di basalto. Un dilettante di storia naturale non caverebbe nullaa frugare in questo mucchio di sassi in cui la natura vegetale edanimale non ha ancora messo la propria impronta. I molluschi vimancano assolutamente, e così pure le idrofite. Il vento non vi haancora portato nemmeno un seme e gli uccelli marini ancora non vihanno cercato un rifugio. Un geologo soltanto può trovare materiali

 per qualche studio interessante esaminando questa costruzione basaltica che porta unicamente le tracce d'una formazione plutonica.In questo momento la nostra imbarcazione torna alla punta sud

dell'isolotto, su cui si è arenato il Chancellor. Propongo ai mieicompagni di mettere piede a terra, ed essi accettano.

 — Nel caso in cui l'isola dovesse sparire, — dice ridendo ilgiovane André, — bisogna almeno che qualche creatura umana leabbia fatto visita!

Il canotto accosta, e noi scendiamo sulla roccia basaltica. André procede per primo perché il terreno è abbastanza sgombro ed ilgiovane non ha bisogno di braccia che lo sorreggano. Suo padre

rimane un po' indietro, accanto a me, ed eccoci a salire lo scogliolungo un pendio molto lieve, che porta alla sua cima più alta.

Ci basta un quarto d'ora per superare questa distanza, e tutti e treci sediamo su un prisma basaltico che incorona la roccia più altadell'isolotto. André Letourneur estrae allora di tasca un taccuino ecomincia a disegnare lo scoglio, i cui contorni si stagliano moltonettamente davanti a noi sul fondo verde delle acque.

Il cielo è puro, e la marea, in quel momento bassa, lascia scopertele ultime punte che emergono a sud, lasciando fra esse lo stretto

 passo seguito dal Chancellor prima dell'arenamento.La forma dello scoglio è piuttosto curiosa e ricorda decisamente

quella d'un prosciutto di York, la cui parte centrale si gonfia fino allatumescenza di cui occupiamo la cima.

Perciò quando André ha disegnato il perimetro dell'isolotto, il padre gli dice:

 — Ma, figlio mio, è un prosciutto quello che hai disegnato! — Sì, babbo, — risponde André, — un prosciutto di basalto

abbastanza grosso da mettere in allegria un Gargantua, e, se il

Page 70: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 70/199

capitano Kurtis acconsente, daremo a questo scoglio il nome di Ham-Rock.

 — Certo, — esclamai, — il nome è ben trovato! Lo scoglio diHam-Rock! E possano i naviganti non avvicinarglisi mai troppo,

 poiché non hanno i denti abbastanza duri per morderlo!Il Chancellor si è arenato all'estremità sud dell'isolotto, ossia sul

manico stesso del prosciutto e nella piccola calanca formata dalla

concavità di questo manico. È inclinato sull'anca di dritta e in questomomento è assai sbandato perché la marea è a livello minimo.Quando il disegno di André Letourneur è terminato,

ridiscendiamo per un altro pendio che digrada dolcemente versoovest e ben presto ai nostri sguardi si presenta una bella grotta. Avederla la si direbbe veramente una opera architettonica sul tipo diquelle che la natura ha formato nelle Ebridi e principalmentenell'isola di Staffa. I signori Letourneur, che hanno visitato la grottadi Fingal, la ritrovano qui pari pari, anche se in miniatura. Identica ladisposizione dei prismi concentrici dovuta al modo diraffreddamento dei basalti; identica la volta, di travi nere le cui

cammettiture sono sottolineate di incrostazioni giallastre; identica la purezza delle cuspidi prismatiche che il bulino di un ornatista nonavrebbe profilato più nettamente; identico infine il fruscio dell'ariaattraverso i basalti sonori che i Gaeli hanno trasformato nelle arpedelle ombre di Fingal. Solamente, se a Staffa il suolo è un unicostrato liquido, qui la grotta non può essere raggiunta che dai colpi dimare più violenti ed il campo delle formazioni prismatiche vi formaun pavimento solido.

 — Inoltre, — fa osservare André Letourneur, — la grotta di Staffaè una vasta cattedrale gotica, mentre questa è solo la cappella di talecattedrale! Ma chi si sarebbe aspettato di trovare una simile

meraviglia sopra uno scoglio sconosciuto dell'oceano?Dopo esserci riposati per un'ora nella grotta di Ham-Rock,

seguiamo il litorale dell'isolotto e torniamo al Chancellor. RobertKurtis viene informato delle nostre scoperte, e inserisce l'isolottosulla sua carta con il nome datogli da André Letourneur.

 Nei giorni successivi non abbiamo mai trascurato di fare una passeggiata a questa grotta di Ham-Rock ove passiamo alcune

Page 71: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 71/199

 piacevoli ore. Robert Kurtis l'ha visitata anch'egli, ma da uomo cheha ben altro per la testa che ammirare una meraviglia naturale.Falsten vi si è recato una volta per esaminare la natura delle rocce eromperne alcuni pezzi senza pietà, da vero geologo. Il signor Kearnon ha voluto scomodarsi ed è rimasto confinato a bordo. Io hoofferto alla signora Kear di accompagnarci in una delle nostreescursioni, ma il disagio di doversi imbarcare nel canotto ed il timore

di stancarsi, le hanno fatto rifiutare la mia proposta.Il signor Letourneur ha pure domandato alla signorina Herbey sele piacerebbe visitare lo scoglio. La giovane ha creduto di poteraccettare questa proposta, felice di sottrarsi, non fosse che per un'ora,alla tirannia capricciosa della padrona. Ma quando prega la signoraKear di permetterle di scendere a terra, la signora rifiuta recisamente.

Seccato da questo modo di agire, intervengo presso la signoraKear in favore della signorina Herbey. Debbo lottare, ma siccome hogià avuto occasione di rendere alcuni favori alla passeggera egoista, e

 posso esserle ancora utile, ella finisce con il cedere alle mie preghiere.

Così la signorina Herbey ci accompagna molte volte nelle nostre passeggiate attraverso le rocce. Molte volte anche peschiamo sullitorale dell'isolotto, facciamo colazione allegramente nella grotta,mentre le arpe basaltiche vibrano sotto la brezza. Siamo veramentefelici del piacere che prova la signorina Herbey nel sentirsi libera per

 poche ore. Certo l'isolotto è piccolo, ma nulla al mondo è maisembrato così grande alla fanciulla! Anche noi vogliamo bene aquest'arido scoglio e presto esso non ha una pietra che non ci sianota, non un sentiero che non abbiamo seguito allegramente! È unampio territorio in paragone con il  ponte  del Chancellor, e sonosicuro che al momento della partenza non lo lasceremo senza

rammarico.Parlando dell'isola di Staffa, André Letourneur ci informa che essa

appartiene alla famiglia dei MacDonald, i quali l'affittano per dodicisterline l'anno.

 — Ebbene, signori, — domanda la signorina Herbey, — credeteche si potrebbe affittare questo per più di mezza corona?

 — Nemmeno un  penny,  — dico io ridendo. — Ma avreste forse

Page 72: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 72/199

intenzione di prenderlo in affitto? — No, signor Kazallon, — risponde la fanciulla trattenendo un

sospiro, — eppure questo è il solo luogo in cui io sia stata felice! — Ed io pure! — mormora André.Vi sono molte sofferenze nascoste nella risposta della signorina

Herbey! La giovane, povera, senza parenti, senza amici, ha trovato lafelicità - felicità di pochi minuti - solo su uno scoglio dell'Atlantico!

Page 73: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 73/199

C  APITOLO XIX

DAL 6 AL 15  NOVEMBRE.  — Per i cinque primi giorni dopo il suoarenamento, acri e densi vapori sono sfuggiti dalla stiva  del

Chancellor, poi essi si sono ridotti a poco a poco, ed il 6 novembrel'incendio si può considerare spento. Tuttavia, per prudenza, RobertKurtis continua a far azionare le pompe così che ora lo scafo  èriempito fino al ponte di corridoio. Solamente quando la mareascende, anche l'acqua nella stiva si abbassa e le due superfici liquidesi livellano all'interno e all'esterno.

 — Il che prova, — mi dice Robert Kurtis, — che la falla è grande,dato che il deflusso avviene con tanta rapidità.

Ed infatti la via d'acqua apertasi nello scafo non misura meno diquattro piedi quadrati di superficie. Uno dei marinai, Flaypol, si ètuffato a marea bassa e ha accertato la posizione e l'importanza

dell'avaria. La falla si apre a trenta piedi a  prora  del timone  e tretavole del fasciame sono state sfondate dalla punta di uno scoglio acirca due piedi sopra la battura della chiglia. L'urto è statoviolentissimo, perché la nave aveva un carico pesante e il mare eramolto agitato. Anzi stupisce il fatto che lo scafo non si sia aperto in

 più punti. Quanto al sapere se la falla sarà facile da accecare, lo sisaprà quando, tolto o rimosso il carico, sarà possibile al carpentiered'arrivarvi. Ma ci vorranno ancora due giorni prima che sia possibile

 penetrare nella stiva del Chancellor ed estrarne le balle di cotonerisparmiate dalle fiamme.

Frattanto Robert Kurtis non rimane in ozio, e, con il valido aiuto

del suo equipaggio, esegue importanti lavori. In tal modo il capitanofa rialberare l'albero di mezzana  che era precipitato al momentodell'incagliamento e che si era riusciti ad alare sullo scoglio con tuttala sua attrezzatura. Grazie a delle bighe installate a  poppa, è stato

 possibile risistemare il tronco maggiore sul vecchio troncone, nelquale il carpentiere Daoulas ha praticato una mastra particolare. Fortilegature e caviglie di ferro assicurano la congiunzione delle due partispezzate.

Page 74: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 74/199

Ciò fatto viene ripassata attentamente tutta l'attrezzatura, le sartie,i paterazzi, gli stragli vengono tesati di nuovo, alcune vele cambiate ele manovre correnti, debitamente ripristinate, ci permetteranno dinavigare con sicurezza.

Vi è molto da fare a poppa e a prora della nave, perché ilcasseretto  e il locale dell'equipaggio sono stati molto danneggiatidalle fiamme. Perciò, è necessario porre ogni cosa in ordine, il che

richiede tempo e buona volontà. Il tempo non manca, la buonavolontà nemmeno, e ben presto possiamo rientrare nelle nostrecabine.

Solamente il giorno 8 si può cominciare con utilità lo scarico delChancellor. Poiché le balle di cotone sono sommerse nell'acqua, cheriempie la stiva  a marea  alta, vengono posti dei  paranchi  sui

 boccaporti e anche noi aiutiamo gli uomini dell'equipaggio a issarequelle balle pesanti quasi tutte completamente avariate. Essevengono caricate ad una ad una nella baleniera e trasportate sulloscoglio.

Tolto a questo modo il primo strato del carico, bisogna pensare a

esaurire, almeno in parte, l'acqua che riempie la stiva. Diviene cosìnecessario turare il più ermeticamente possibile il foro che lo scoglioha aperto nello scafo della nave. Lavoro difficile, ma che il marinaioFlaypol e il nostromo compiono con zelo superiore ad ogni elogio. Amarea bassa, essi sono riusciti, tuffandosi fin sotto l'anca di dritta, adinchiodare una lastra di rame sulla falla, ma poiché tale lastra non

 potrà sopportare la pressione quando il livello interno si abbasseràsotto l'azione delle pompe, Robert Kurtis cerca di assicurarel'otturamento ammucchiando delle balle di cotone contro le tavole difasciame sfondate. Il materiale abbonda, e presto la bassa carena delChancellor è come imbottita da quelle pesanti ed impermeabili balle

che, si spera, permetteranno alla lastra di rame di resistere meglio.L'espediente del capitano è riuscito. Lo si vede chiaramente non

appena le pompe entrano in funzione, perché il livello dell'acquadiminuisce a poco a poco nella stiva e gli uomini sono in grado dicontinuare lo scaricamento.

 — È dunque probabile, — ci dice Robert Kurtis, — che potremoraggiungere l'avaria e ripararla dall'interno. Certo sarebbe stato

Page 75: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 75/199

meglio abbattere il bastimento in carena  e cambiarne le tavole delfasciame, ma mi mancano i mezzi per intraprendere un'operazionecosì difficile. E poi avrei timore che sopraggiungesse il cattivo tempomentre la nave fosse coricata sul fianco, il che la lascerebbe allamercé di un colpo di mare. In ogni caso credo di potervi assicurareche la falla sarà turata adeguatamente e che fra poco potremo cercaredi raggiungere la costa con una certa sicurezza.

Dopo due giorni di lavoro, l'acqua è stata espulsa in gran parte e loscaricamento delle ultime balle è stato effettuato con facilità.Abbiamo dovuto manovrare le pompe anche noi per alleggerire lafatica dell'equipaggio, e l'abbiamo fatto accuratamente. AndréLetourneur, nonostante la sua infermità, si è unito a noi, e ognuno,secondo le proprie forze, ha fatto il suo dovere.

Tuttavia quello è un lavoro faticoso; non possiamo continuarlo alungo senza riposarci. Le braccia e le reni sono presto sfiancate daquel via vai di marchingegni e io mi rendo conto del perché aimarinai ripugni questa fatica. E noi la facciamo ancora in condizionifavorevoli, perché il bastimento è sopra un fondo solido e non

abbiamo l'abisso sotto i piedi. Non difendiamo la nostra vita controun mare invadente, non siamo costretti a lottare contro l'acqua cherientra a mano a mano che la cacciamo fuori. Faccia il Cielo che nonsiamo mai messi di fronte a una simile prova su una nave cheaffonda!

Page 76: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 76/199

C  APITOLO XX

DAL 15 AL 20  NOVEMBRE.  — Oggi è stato possibile effettuare lavisita della stiva; si è finalmente trovata la damigiana di picrato, a

 poppa, in un angolo che il fuoco non ha fortunatamente raggiunto. Ladamigiana è intatta; l'acqua non ne ha nemmeno rovinato ilcontenuto; viene deposta in luogo sicuro all'estremità dell'isolotto.Perché non buttarla in mare immediatamente? Lo ignoro, sta il fattoche non la si è buttata.

Robert Kurtis e Daoulas, durante la loro visita, si rendono contoche il  ponte  e i  bagli  che lo sorreggono hanno sofferto meno diquanto si credeva. Il violento calore a cui le grosse tavole e le robustetraverse sono state sottoposte, le ha fatte inarcare, ma senzaintaccarle profondamente; l'azione del fuoco sembra essersi diretta

 più particolarmente verso i fianchi dello scafo.

Infatti, per un tratto molto lungo le serrette sono state divoratedalle fiamme: punte di caviglie carbonizzate escono qua e là, edisgraziatamente l'ossatura è molto danneggiata; la stoppa gioca nelleintestature e nei cementi e si può considerare un miracolo il fatto chela nave non si sia spaccata da un pezzo.

Sono cose spiacevoli, bisogna convenirne. Il Chancellor haricevuto avarie tali, che Robert Kurtis non può evidentementeripararle con i pochi mezzi di cui dispone e non sarebbe in grado didare alla sua nave la solidità necessaria per una lunga traversata.

Perciò il capitano ed il carpentiere tornano indietro molto pensierosi. I danni sono veramente tanto gravi che, se si trovasse su

un'isola e non sopra uno scoglio, che il mare può spazzare da unmomento all'altro, Robert Kurtis non esiterebbe a demolire la nave

 per costruirne una più piccola di cui almeno potersi fidare.Ma Robert Kurtis decide rapidamente e ci raduna tutti, equipaggio

e passeggeri, sul ponte del Chancellor.  — Amici, — dice, — le avarie sono molto più gravi di quanto

credevamo e lo scafo del bastimento è molto danneggiato. Siccomeda una parte non abbiamo mezzi per ripararlo, e dall'altra su questo

Page 77: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 77/199

isolotto, alla mercé del primo colpo di mare, non abbiamo tempo dicostruire un altro bastimento, ecco quanto propongo di fare: accecarela falla il meglio possibile e raggiungere il porto più vicino. Siamo aottocento miglia soltanto dalla costa di Paramaribo, che costituisce illitorale settentrionale della Guiana olandese, e in dieci o dodicigiorni, se il tempo ci sarà favorevole, vi avremo trovato rifugio!

 Non vi è altro da fare. Perciò la decisione di Robert Kurtis è

approvata ad unanimità.Daoulas e i suoi aiutanti si occupano allora di turare internamentela falla e di rinforzare il più possibile l'ossatura intaccata dal fuoco.Ma è evidente che il Chancellor non offre più sicurezza sufficiente

 per una navigazione d'una certa durata e che sarà condannato nel primo porto in cui sosterà.

Il carpentiere calafata pure i comenti esterni del fasciame  nella parte dello scafo che emerge a bassa marea; ma non può visitarequella che l'acqua copre anche durante la marea bassa, e deveaccontentarsi di fare un raddobbo interno.

Questi vari lavori durano fino al 20. Quel giorno, avendo fatto

tutto quanto era umanamente possibile per riparare la sua nave,Robert Kurtis si decide a rimetterla in mare.

S'intende che, dal momento in cui la stiva  è stata vuotata delcarico e dell'acqua che conteneva, il Chancellor non ha cessato digalleggiare anche prima del massimo livello raggiunto dall'altamarea. Siccome si è presa la precauzione di ancorarlo  a  prua  ed a

 poppa, esso non è stato spinto sulla scogliera ed è rimasto in quel piccolo bacino naturale, difeso a dritta e a sinistra  dalle rocce chenemmeno il flusso più alto ricopre. Ora si dà il caso che questo

 bacino nella sua parte più larga possa permettere al Chancellor difare un'inversione di 180°, e tale manovra viene eseguita facilmente

mediante cavi d'ormeggio che sono stati fissati allo scoglio, così chela nave presenta ora la! prua a sud.

Pare dunque che sarà facile liberare il Chancellor, sia issando lesue vele, se il vento è favorevole, sia tonneggiandolo fin fuori del

 passo se il vento è contrario. Nondimeno l'operazione offre qualchedifficoltà a cui bisognerà provvedere.

Infatti l'ingresso del passo è sbarrato da una specie di piattaforma

Page 78: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 78/199

 basaltica, sopra la quale, a marea  alta, l'acqua raggiunge appenaun'altezza pari al pescaggio del Chancellor,  benché esso sia statocompletamente privato della zavorra. Se è passato sopra questa

 piattaforma prima del suo arenamento, è, lo ripeto, perché è statosollevato e trascinato da un'ondata enorme e gettato nel bacino.D'altra parte quel giorno era non solo una marea di novilunio, maanche la più forte dell'anno e devono passare molti mesi prima che si

riproduca una marea equinoziale così forte.Ora è chiaro che Robert Kurtis non può aspettare molti mesi. Oggici sarà una forte marea sigiziale. Bisogna che egli ne approfitti perliberare la nave; una volta fuori del bacino, la zavorrerà in modo che

 possa sopportare una velatura e si metterà in rotta.Per di più il vento è favorevole perché soffia da nord-est, ossia in

direzione del passo. Ma il capitano con ragione non intende lanciarea vele spiegate, e contro un ostacolo che può arrestarlo di colpo, un

 bastimento la cui solidità è ormai molto dubbia. Perciò, dopo averconsultato il secondo ufficiale Walter, il carpentiere e il nostromo,decide di tonneggiare il Chancellor. Di conseguenza viene fissata

un'ancora a poppa, nel caso in cui, qualora l'operazione non riesca, sidebba ricondurre la nave all'ancoraggio  primitivo; poi altre dueancore sono portate fuori del passo, la cui lunghezza non supera iduecento piedi. Le catene vengono allora date volta  al molinello,l'equipaggio comincia a far forza sulle aspe ed alle quattro

 pomeridiane il Chancellor comincia il suo movimento.L'alta marea raggiungerà il suo massimo livello alle quattro e

ventitré minuti. Perciò dieci minuti prima la nave è stata alata findove il suo pescaggio le permetteva, ma ben presto la parte anterioredella chiglia ha toccato la piattaforma ed ha dovuto arrestarsi.

E ora, poiché l'estremità inferiore della ruota di prua ha superato

l'ostacolo, non vi è alcuna ragione perché Robert Kurtis non uniscal'azione del vento alla forza meccanica del molinello. Le vele alte e

 basse vengono dunque spiegate e orientate col vento in poppa.È il momento buono. La marea è stanca. Passeggeri e marinai si

tengono pronti alle aspe del molinello, i signori Letourneur, Falstened io siamo all'aspa di dritta. Robert Kurtis è sul casseretto per tenerd'occhio la velatura; il secondo ufficiale sul castello  di prua, il

Page 79: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 79/199

nostromo al timone.Il Chancellor dà qualche scossa, ed il mare gonfiandosi lo solleva

leggermente, ma, fortunatamente, è calmo. — Via, amici, — grida Robert Kurtis con la sua voce calma e

fiduciosa, — forza e tutti insieme. Via!Le aspe dell'argano  vengono messe in movimento. Si ode il

rumore degli scontri, e le catene, tendendosi, fanno forza sulle cubie.

Il vento rinfresca, e siccome la nave non può prendere una velocitàcorrispondente, gli alberi si inarcano sotto la spinta delle vele. Siriesce ad avanzare di una ventina di piedi. Un marinaio intona una diquelle canzoni gutturali, il cui ritmo favorisce a rendere i nostrimovimenti simultanei. Raddoppiamo gli sforzi, il Chancellor freme...Ma tutto è inutile. La marea comincia a calare. Non passeremo.

Ma, dal momento che non passa, la nave non può rimanere in bilico su quella piattaforma perché si spezzerebbe in due a bassamarea. Ad un ordine del capitano le vele vengono rapidamenteserrate, e l'ancora gettata a poppa entrerà ben presto in funzione. Nonc'è un momento da perdere. Si vira a dare indietro ed è un momento

di terribile ansia... Ma il Chancellor scivola sulla chiglia e torna nel bacino che gli serve ormai da prigione.

 — Ebbene, capitano, — domanda allora il nostromo, — comefaremo a passare?

 — Non lo so, — risponde Robert Kurtis, — ma passeremo.

Page 80: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 80/199

C  APITOLO XXI

DAL 21 AL 23  NOVEMBRE.  — Bisogna effettivamente lasciarequesto stretto bacino, e al più presto. Il tempo, che ci ha favoriti per

tutto questo mese di novembre, minaccia di cambiare. Il barometro èsceso da ieri, e il mare comincia ad agitarsi intorno ad Ham-Rock. Non è possibile rimanere sull'isolotto durante una burrasca. IlChancellor sarebbe fatto a pezzi.

Questa stessa sera, a marea  bassa, Robert Kurtis, Falsten, ilnostromo, Daoulas ed io siamo andati ad esaminare la piattaforma

 basaltica, che era allora allo scoperto. C'è un solo modo per aprire un passaggio, e cioè attaccare la piattaforma a colpi di piccone per dieci piedi di larghezza e sei di lunghezza. Un abbassamento di otto o nove pollici deve bastare per quel che pesca il Chancellor, e ponendoadeguati segnalamenti al piccolo canale, esso lo potrà passare

venendosi a trovare al di là in acque che immediatamente ridiventano profonde. — Ma questo basalto ha la durezza del granito, — fa osservare il

nostromo, — ed il lavoro sarà lunghissimo, tanto più che non potràessere eseguito se non durante la bassa marea, ossia per due sole oresu ventiquattro.

 — Ragione di più, nostromo, per non perdere un minuto, —risponde Robert Kurtis.

 — Eh! capitano, — dice Daoulas, — ne avremo per un mese! Nonsarebbe possibile far saltare queste rocce? Abbiamo della polvere a

 bordo.

 — Ce n'è troppo poca, — risponde il nostromo. — La situazione è gravissima. Un mese di lavoro! Ma prima di un

mese la nave sarà demolita dal mare! — Abbiamo di meglio della polvere, — dice allora Falsten. — Che cosa? — domanda Robert Kurtis, voltandosi verso

l'ingegnere. — Picrato di potassio! — risponde Falsten.Già, picrato di potassio! La damigiana imbarcata dal disgraziato

Page 81: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 81/199

Ruby. L'esplosivo che per poco non ha fatto scoppiare la nave, saprà pure rimuovere l'ostacolo! Un fornello di mina praticato nel basalto,e la piattaforma non esisterà più!

La damigiana di picrato, come ho detto, era stata deposta sulloscoglio in luogo sicuro. È veramente una fortuna, anzi cosa

 provvidenziale che non lo si sia gettato a mare dopo averlo estrattodalla stiva.

I marinai vanno a cercare i picconi, e Daoulas, sotto la direzionedi Falsten, comincia a scavare un fornello da mina nella direzioneche deve dare il miglior risultato. Tutto ci lascia sperare che ilfornello sarà terminato nella notte e che domani all'alba, dopo chel'esplosione avrà prodotto l'atteso risultato, il passaggio sarà libero.

Si sa che l'acido picrico è un prodotto cristallino ed amaro, estrattodal catrame di carbon fossile, e che forma, combinato con il potassio,un sale giallo che è appunto il picrato di potassio. La potenzaesplosiva di questa sostanza è inferiore a quella del cotonefulminante e della dinamite, ma molto superiore a quella della

 polvere ordinaria.5  È facilmente possibile provocare la sua

deflagrazione con un urto violento, e noi vi riusciremo servendoci didetonatori di fulminato.

Il lavoro di Daoulas, aiutato dai suoi uomini, è stato fatto conzelo, ma quando viene il giorno è ben lontano dall'essere terminato.Infatti non è possibile scavare il fornello se non al momento dellamarea bassa, ossia durante un'ora appena. Ne consegue perciò chesaranno necessarie quattro maree per dargli la profondità voluta.

È solo al mattino del 23 che l'operazione è finalmente terminata. Nella piattaforma di basalto è stato praticato un foro obliquo, che puòcontenere una decina di libbre di esplosivo, e tale fornello di minasarà subito caricato. Sono circa le otto.

Al momento d'introdurre il picrato nel foro, Falsten ci dice: — Penso che dovremmo mescerlo con polvere ordinaria. Ciò ci

 permetterà di accendere la mina con una miccia, invece che con undetonatore che bisognerebbe far esplodere con un urto: la cosa sarà

 più facile. Inoltre è dimostrato che l'uso simultaneo della polvere e

5  Un grammo di polvere picrica produce l'effetto di tredici grammi di polvereordinaria. (N.d.A.) 

Page 82: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 82/199

del picrato è migliore per le rocce dure. Il picrato, violentissimo pernatura, preparerà la via alla polvere che, essendo più lenta e piùregolare nel deflagrare, spezzerà poi il basalto.

L'ingegner Falsten non parla spesso, ma bisogna convenire che,quando parla, parla bene. Si segue il suo consiglio. Si mescolano ledue sostanze e, dopo aver introdotto prima una miccia fino in fondoal foro, ci si versa il miscuglio, che è convenientemente compresso.

Il Chancellor è abbastanza lontano dalla mina, così da non averenulla da temere dallo scoppio. Pure, per precauzione, passeggeri edequipaggio si sono rifugiati all'estremità dello scoglio, nella grotta,ed il signor Kear, nonostante le sue recriminazioni, ha dovutolasciare la nave.

Poi Falsten, dopo aver dato fuoco alla miccia che deve bruciare per dieci minuti circa, viene a raggiungerci.

È avvenuta l'esplosione; è stata sorda e molto meno rumorosa diquanto si avrebbe immaginato, ma avviene sempre così delle minescavate profondamente.

Siamo corsi verso l'ostacolo... L'operazione è pienamente riuscita.

La piattaforma di basalto è stata letteralmente ridotta in polvere, edora un piccolo canale, che la marea crescente comincia a riempire,taglia l'ostacolo e rende libero il passaggio.

Scoppia un evviva generale. La porta della prigione è aperta, e i prigionieri devono soltanto fuggire!

Quando la marea è alta, il Chancellor, alato sulle ancore, supera il passaggio e galleggia sul mare libero.

Ma per un giorno ancora bisogna che rimanga vicino all'isolotto, perché non può navigare nelle condizioni in cui si trova, ed ènecessario zavorrarlo  per assicurarne la stabilità. Così, nelleventiquattro ore successive, l'equipaggio lavora ad imbarcar sassi e le

 balle di cotone meno avariate.Durante quel giorno i signori Letourneur, la signorina Herbey ed

io, facciamo ancora una passeggiata fra i basalti dello scoglio chenon vedremo mai più e sul quale abbiamo passato tre settimane. Ilnome del Chancellor, quello dello scoglio, la data dell'arenamento,vengono elegantemente incisi da André in una delle pareti dellagrotta; poi diciamo un ultimo addio a questa roccia su cui abbiamo

Page 83: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 83/199

 passato tanti giorni, alcuni dei quali conteranno fra i migliori dellanostra esistenza!

Finalmente il 24 novembre, con la marea del mattino, ilChancellor spiega le vele basse, quelle di gabbia e di velaccio, e dueore più tardi l'ultima vetta di Ham-Rock è scomparsa sottol'orizzonte.

Page 84: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 84/199

C  APITOLO XXII

DAL 24 NOVEMBRE AL 1° DICEMBRE.  — Eccoci dunque in mare e a bordo di una nave non molto solida, ma fortunatamente non si tratta

di fare una lunga traversata. Dobbiamo superare solamente ottocentomiglia. Se dura il vento di nord-est, il Chancellor, camminando conil vento in poppa, faticherà poco e raggiungerà sicuramente la costadella Guiana.

Si fa rotta  a sud-ovest, e la vita di bordo riprende il suo corsoregolare.

I primi giorni passano senza incidenti. La direzione del vento  èsempre buona, ma Robert Kurtis non vuole spiegare molte vele pertimore di far riaprire la falla dando troppa velocità alla nave.

Triste traversata davvero quella che si fa in simili condizioni,quando non si ha fiducia nella nave che vi porta! Per di più

rifacciamo la rotta percorsa, invece di procedere! Perciò ognuno siimmerge nei propri pensieri, e a bordo non vi è quell'animazione chederiva da una navigazione sicura e rapida.

 Nella giornata del 29, il vento risale di una quarta a nord. Non si può dunque conservare l'andatura con il vento in poppa. Bisogna bracciare i pennoni, orientare le vele e procedere con mure a dritta. Ne consegue che la nave è piuttosto sbandata.

Robert Kurtis fa imbrogliare  i velacci, perché comprende chel'inclinazione danneggia lo scafo  del Chancellor. Ed ha ragione,

 perché non si tratta tanto di fare una traversata rapida, quanto digiungere senza nuovi incidenti ad avvistare terra.

La notte fra il 29 e il 30 è buia e nebbiosa. La brezza rinfrescasempre, e disgraziatamente da nord-ovest. La maggior parte dei

 passeggeri scende in cabina, ma il capitano non lascia il casseretto, etutto l'equipaggio rimane sul  ponte. La nave è sempre moltosbandata, sebbene non porti più alcuna delle sue vele alte.

Verso le due del mattino sto per scendere nella mia cabina,quando uno dei marinai, Burke, che era nella stiva, risale in granfretta e grida:

Page 85: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 85/199

 — Due piedi d'acqua!Robert Kurtis e il nostromo scendono rapidamente la scala e

constatano che la funesta notizia è purtroppo vera. La falla si èriaperta nonostante tutte le precauzioni prese, oppure qualchecomento male calafatato si è disgiunto e l'acqua penetra rapidamentenella stiva.

Il capitano, tornato sul ponte, rimette la nave a vento in poppa per

affaticarla meno, e si aspetta il giorno.All'alba si scandaglia e si trovano tre piedi d'acqua...Guardo Robert Kurtis. Un debole pallore gli ha imbiancato le

labbra, ma egli mantiene tutto il suo sangue freddo. I passeggeri,molti dei quali sono saliti sul ponte, vengono informati di quantoaccade, e del resto sarebbe stato difficile nasconderlo loro.

 — Una nuova disgrazia? — mi dice il signor Letourneur. — Era da prevedersi, — ho risposto, — ma non dobbiamo essere

molto lontani da terra e spero che la raggiungeremo. — Dio vi ascolti! — risponde il signor Letourneur. — Forse che Dio è a bordo? — esclama Falsten, alzando le spalle.

 — C'è, signore, — risponde la signorina Herbey.L'ingegnere ha taciuto rispettosamente a questa risposta piena

d'una fede che non si discute.Frattanto, a un ordine di Robert Kurtis, viene organizzato il

servizio delle pompe. L'equipaggio si mette al lavoro più conrassegnazione che con ardore; ma si tratta della salvezza, ed i marinaidivisi in due turni, si danno il cambio alle manovelle.

Durante il giorno il nostromo fa fare nuovi scandagli e vieneaccertato che l'acqua penetra lentamente, ma incessantemente, nellanave.

Per colmo di sventura le pompe, a furia di funzionare, si guastano

spesso e bisogna per forza ripararle. Capita anche che si otturino siadi ceneri sia di avanzi di cotone che riempiono ancora la parte bassadella stiva. Ne deriva una ripulitura che deve essere rinnovata moltevolte e che fa perdere parte del lavoro compiuto.

La mattina seguente, dopo un nuovo scandaglio, si constata che illivello dell'acqua ha raggiunto i cinque piedi. Se dunque, per unaragione qualsiasi, la manovra venisse ad essere interrotta, la nave si

Page 86: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 86/199

riempirebbe. Sarebbe solo questione di tempo, e senza dubbio d'untempo brevissimo. La linea del galleggiamento del Chancellor è giàsommersa di un buon piede, e il suo  beccheggio  si fa sempre piùduro, perché la nave si solleva sulle onde con estrema difficoltà.Vedo il capitano Kurtis corrugare le ciglia ogni volta che il secondoufficiale e il nostromo gli fanno il loro rapporto. Ciò è di cattivoaugurio.

La manovra delle pompe è continuata tutta la giornata e tutta lanotte. Ma il mare ci ha superato; l'equipaggio è estenuato, fra gliuomini si manifestano sintomi di scoraggiamento. Nondimeno ilsecondo ufficiale e il nostromo danno il buon esempio, ed i

 passeggeri lavorano anch'essi alle manovelle.La condizione è ben diversa da quando il Chancellor era arenato

sul saldo suolo di Ham-Rock. La nave ora è sospesa sopra un abissoin cui può scomparire ad ogni istante!

Page 87: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 87/199

C  APITOLO XXIII

DAL 2 AL 3 DICEMBRE.  — Per altre ventiquattro ore lottiamo conenergia e riusciamo a impedire che il livello d'acqua cresca all'interno

del bastimento; ma è evidente che giungerà il momento in cui le pompe non basteranno più nemmeno a cacciar fuori una quantitàd'acqua eguale a quella che penetra dalla falla dello scafo.

In questa giornata il capitano Kurtis, che non si riposa un istante,fa personalmente una nuova ricognizione nella stiva, e iol'accompagno con il carpentiere e il nostromo. Vengono rimossealcune balle di cotone, e tendendo l'orecchio constatiamo che si senteuna specie di sciacquio, di «gorgoglio» per usare una parola piùesatta. È la via d'acqua che si è riaperta, o è uno sfasciamentogenerale di tutto lo scafo? È impossibile accertare la cosa con

 precisione. Ad ogni modo Robert Kurtis cercherà di stagnare lo scafo

a  poppa  avviluppandolo di vele incatramate. Forse riuscirà così achiudere ogni comunicazione, almeno temporaneamente, fra l'internoe l'esterno. Se l'entrata dell'acqua viene arrestata per poco, si potrà

 pompare con maggior efficacia e senza dubbio risollevare la nave.L'operazione è più difficile di quanto sembra. Bisogna prima

diminuire la velocità della nave, e dopo aver fatto passare sotto la chiglia delle robuste vele, mantenute da ghie, queste vengono fattescivolare fino al punto in cui si apriva la falla in modo da avvolgerecompletamente quella parte dello scafo del Chancellor. 

Dopo di che il pompaggio ottiene qualche successo, e ci siamorimessi al lavoro con coraggio. Certo l'acqua penetra ancora, ma in

 piccola quantità, e alla fine della giornata è evidente che il livello si èabbassato di alcuni pollici. Alcuni pollici soltanto! Non importa. Le

 pompe ora espellono dagli ombrinali più acqua di quanta non ne entridalla stiva e non le abbandoniamo un istante.

Il vento rinfresca parecchio durante la notte oscura. Tuttavia ilcapitano Kurtis ha voluto spiegare il maggior numero di vele

 possibile. Egli sa che lo scafo del Chancellor offre ben scarsasicurezza, ed ha gran fretta di giungere in vista di terra. Se qualche

Page 88: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 88/199

nave passasse al largo non esiterebbe a far segnali di pericolo,sbarcare i passeggeri e l'equipaggio stesso, dovesse egli rimaneresolo a bordo fin che il Chancellor gli colasse a fondo sotto i piedi.

Tutti questi tentativi dovevano riuscire a nulla...Infatti, durante la notte, la fasciatura di tela ha ceduto sotto la

 pressione esterna, e il mattino seguente, 3 dicembre, il nostromo,dopo aver scandagliato, non ha potuto trattenere queste parole

accompagnate da bestemmie: — Ancora sei piedi d'acqua nella stiva!Il fatto è fin troppo certo! La nave si riempie di nuovo, sprofonda

visibilmente e già la sua linea di galleggiamento  è sott'acqua dimolto.

Ciononostante noi azioniamo le pompe con coraggio semprecrescente e vi spendiamo le nostre ultime forze. Abbiamo le bracciarotte, le dita ci sanguinano, ma nonostante tante fatiche l'acqua lavince. Robert Kurtis fa allora stabilire una catena all'ingresso del

 boccaporto di maestra, e i buglioli passano rapidamente di mano inmano.

Tutto è inutile! Alle otto e mezzo del mattino si nota un nuovoaumento d'acqua nella stiva. Allora la disperazione vince alcuni deimarinai. Robert Kurtis ordina loro di continuare a lavorare. Essirifiutano.

Uno di quegli uomini è uno spirito incline alla rivolta, un agitatoredi cui ho già parlato, il marinaio Owen. Ha circa quarant'anni. La suafaccia termina in punta con una barba rossiccia quasi rasa sulleguance, le labbra gli si ripiegano in dentro e gli occhi selvaggi sonosegnati da un punto rosso alla congiunzione delle palpebre. Ha ilnaso dritto, le orecchie a sventola, la fronte solcata da profonde rughedi minaccia.

Egli è il primo ad abbandonare il posto.Cinque o sei dei suoi camerati lo imitano, e fra loro noto il cuoco

Jynxtrop, anch'egli un cattivo soggetto.Agli ordini di Robert Kurtis, il quale raccomanda loro di tornare

alle pompe, Owen risponde con un netto rifiuto.Il capitano ripete l'ordine.Owen ripete il diniego.

Page 89: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 89/199

Robert Kurtis si accosta al marinaio ribelle. — Vi consiglio di non toccarmi! — dice freddamente Owen, che

risale sul castello di prua.Robert Kurtis si dirige allora verso il casseretto, entra nella sua

cabina e ne esce con una rivoltella in pugno.Owen guarda un istante Robert Kurtis, ma Jynxtrop gli fa un

cenno e tutti riprendono il lavoro.

Page 90: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 90/199

C  APITOLO XXIV

4 DICEMBRE.  — Il primo movimento di rivolta è stato domatodall'atteggiamento energico del capitano. Ma Robert Kurtis sarà così

fortunato anche in avvenire? Bisogna sperarlo, perché l'indisciplinadell'equipaggio renderebbe terribile uno stato di cose già tanto grave.Durante la notte le pompe non possono più lavorare bene. I

movimenti della nave sono pesanti, e siccome essa stenta a sollevarsisull'onda, riceve dei cavalloni che la percuotono e penetrano nei

 boccaporti. Tutta acqua aggiunta a quella della stiva.La situazione sta per diventare minacciosa quanto era nelle ultime

ore dell'incendio. I passeggeri, l'equipaggio, tutti sentono che la navevien loro a mancare sotto i piedi. Vedono salire lentamente, maincessantemente, quei flutti che ora sembrano loro temibili, come

 prima lo erano sembrate le fiamme.

Tuttavia l'equipaggio lavora sempre sotto le minacce di RobertKurtis. Bene o male, gli uomini lottano con energia, ma sono allostremo delle forze. D'altra parte non possono esaurire l'acqua che sirinnova di continuo, e il cui livello cresce ad ogni ora. Quelli addettiai buglioli sono presto obbligati ad abbandonare la stiva, dove, giàimmersi fino alla cintola, rischiano di rimanere annegati, e risalgonosul ponte.

Resta allora un solo mezzo, e il giorno seguente, 4, dopo che ilsecondo ufficiale, il nostromo e il capitano Kurtis hanno tenutoconsiglio, viene deciso di abbandonare la nave. Poiché la baleniera,la sola imbarcazione che ci rimanga, non può contenerci tutti, sarà

subito costruita una zattera. L'equipaggio continuerà ad azionare le pompe fino al momento in cui sarà dato l'ordine di imbarcarsi.

Il carpentiere Daoulas viene avvertito di costruire senza indugio lazattera con i pennoni di rispetto e il legno della droma, in precedenzasegati alla lunghezza necessaria. Il mare, relativamente calmo inquesto momento, renderà facile l'operazione, che però è sempredifficile anche nelle circostanze più favorevoli.

Senza perder tempo, Robert Kurtis, l'ingegner Falsten, il

Page 91: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 91/199

carpentiere e dieci marinai, muniti di seghe e di accette, dispongonoe tagliano i pennoni prima di gettarli in mare. In tal modo dovrannosolo legarli fortemente e preparare un'intelaiatura solida su cuiriposerà la piattaforma della zattera, lunga quaranta piedi circa elarga da venti a venticinque.

 Noi passeggeri ed il resto dell'equipaggio lavoriamo sempre alle pompe. Accanto a me sta André Letourneur, che suo padre non cessa

di guardare con profonda commozione. Che sarà di suo figlio, sedovrà lottare contro i flutti in circostanze in cui un uomo sano non potrebbe salvarsi senza fatica? In ogni caso saremo in due a nonabbandonarlo.

Alla signora Kear, che un lungo sopore tiene quasi priva di sensi,è stata celata l'imminenza del pericolo.

Molte volte la signorina Herbey è comparsa sul ponte, per alcuniistanti solamente. Le fatiche l'hanno fatta pallida, ma è sempre forte.Le raccomando di tenersi pronta a qualsiasi avvenimento.

 — Io sono sempre pronta, signore, — mi risponde la coraggiosafanciulla, che subito torna presso la signora Kear.

André Letourneur segue con lo sguardo la giovane, eun'espressione di tristezza gli si dipinge in viso.

Verso le otto pomeridiane l'intelaiatura della zattera è quasiterminata. Ci si preoccupa di imbarcarvi delle botticelle vuote edermeticamente chiuse che devono tener a galla il natante, e chevengono trattenute saldamente fra i legni della droma.

Due ore dopo udiamo alte grida nel casseretto. Appare il signorKear, che grida:

 — Coliamo a fondo! coliamo a fondo!Subito vedo la signorina Herbey e Falsten che trasportano la

signora Kear svenuta.

Robert Kurtis corre nella sua cabina; ne torna con una carta, unsestante ed una bussola.

Si odono grida di terrore, la confusione regna a bordo.L'equipaggio si precipita verso la zattera, la cui intelaiatura, privaancora della piattaforma, non può ospitarlo...

Impossibile dire tutti i pensieri che mi attraversano la mente inquell'istante, né dipingere la rapida visione che mi appare di tutta la

Page 92: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 92/199

mia vita! Mi pare che la mia esistenza si concentri in quel momentosupremo che deve terminarla! Sento le tavole del ponte cedere sotto imiei piedi; vedo l'acqua salire intorno alla nave come se l'Oceano siaprisse sotto di lei!

Alcuni marinai si rifugiano sulle sartie, mandando grida di terrore.Sto per seguirli...

Una mano mi trattiene. Il signor Letourneur mi mostra suo figlio,

mentre grosse lagrime gli scorrono dagli occhi. — Sì,— dico stringendogli forte il braccio, — lo salveremo noidue! Ma prima di me, Robert Kurtis ha raggiunto André e sta per

 portarlo sulle sartie dell'albero di maestra, quando il Chancellor, cheil vento spinge allora rapidamente, si ferma di colpo. Si avverte unascossa violenta.

La nave sprofonda! L'acqua mi giunge alle gambe. Istintivamenteafferro una corda... Ma ad un tratto l'affondamento si arresta, e,quando il ponte è già due piedi sotto il livello del mare, il Chancellorrimane immobile.

Page 93: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 93/199

C  APITOLO XXV

 NOTTE FRA IL 4 E IL 5 DICEMBRE.  — Robert Kurtis ha preso in braccio il giovane Letourneur, e correndo sul ponte inondato, lo

depone fra le sartie di dritta. Suo padre ed io ci arrampichiamoaccanto a lui.Poi mi guardo intorno. La notte è abbastanza limpida e mi

 permette di vedere quello che accade. Robert Kurtis, tornato al suo posto, sta in piedi sul casseretto. All'estremità di  poppa, presso ilcoronamento non ancora sommerso, vedo nell'ombra il signor Kear,sua moglie, la signorina Herbey e Falsten; all'estremità del castello di

 prua il secondo ufficiale e il nostromo; sulle coffe  e fra le sartie ilresto dell'equipaggio.

André Letourneur si è issato sulla coffa di maestra, grazie all'aiutodi suo padre, che ha dovuto fargli appoggiare il piede su ogni scalino,

e, nonostante il rollio, vi è finalmente arrivato senza incidenti. Ma èstato impossibile far intendere ragione alla signora Kear, la quale èrimasta sul casseretto a rischio d'essere portata via dalle onde se percaso il vento rinfrescasse. Perciò la signorina Herbey le è rimastaaccanto senza volerla lasciare.

Prima cura di Robert Kurtis, non appena l'affondamento si èarrestato, è stata di far ammainare immediatamente tutte le vele, poidi calare i pennoni e gli alberetti di velaccio per non comprometterela stabilità del bastimento. Con queste precauzioni egli spera che ilChancellor non si capovolgerà. Ma non può colare a fondo da unistante all'altro? Raggiungo Robert Kurtis e gli faccio appunto questa

domanda. — Non posso saperlo, — mi risponde in tono molto calmo. — Ciò

dipende soprattutto dallo stato del mare. Quello che è certo è che lanave si trova in equilibrio nelle presenti condizioni, madisgraziatamente queste condizioni possono mutare da un momentoall'altro!

 — Il Chancellor può navigare con due piedi d'acqua sul ponte? — No, signor Kazallon, ma può andare alla deriva, sotto l'azione

Page 94: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 94/199

della corrente e del vento, e se si mantiene così alcuni giorni,approdare in un punto qualsiasi della costa. D'altra parte, abbiamocome ultima risorsa la zattera, che sarà terminata fra qualche ora, esulla quale sarà possibile imbarcarci appena faccia giorno.

 — Dunque non avete perduto ogni speranza? — domando,meravigliato della calma di Robert Kurtis.

 — La speranza non può mai essere interamente perduta, signor

Kazallon, nemmeno nelle circostanze più terribili. Tutto quanto vi posso dire è che se, su cento probabilità, novantanove stanno controdi noi, almeno la centesima è a nostro favore. D'altra parte, se lamemoria non m'inganna, il Chancellor semiaffondato si trova oranelle medesime condizioni in cui si trovò il tre alberi Junon nel 1795.Per più di venti giorni quel bastimento rimase così sospeso sotto il

 pelo dell'acqua. Passeggeri e marinai si erano rifugiati sulle coffe, eessendo stata finalmente segnalata la terra, tutti coloro che eranosopravvissuti alle fatiche ed alla fame vennero salvati. È un fattotroppo noto negli annali della marina perché io possadimenticarmene in questo momento! Ebbene, non vi è alcuna ragione

 perché i superstiti del Chancellor non abbiano la fortuna di quelli del Junon. 

Forse vi sarebbero molte cose da rispondere a Robert Kurtis, maciò che risulta da questa conversazione è che il nostro capitano nonha perduto ogni speranza.

Tuttavia, poiché le condizioni d'equilibrio possono essere rotte adogni istante, bisogna abbandonare il Chancellor al più presto

 possibile. Si decide quindi che domani, appena il carpentiere avràterminata la zattera, ci imbarcheremo.

Si giudichi dunque la disperazione dell'equipaggio, quando, versomezzanotte, Daoulas si accorge che l'intelaiatura della zattera è

scomparsa! Gli ormeggi, benché fossero robusti, sono stati rotti dallatrazione verticale della nave, e il natante, certamente da oltre un'ora,se ne è andato alla deriva!

Appena i marinai apprendono la nuova sciagura, mandano grida diterrore.

 — A mare! a mare l'alberatura! — gridano i disgraziati come pazzi. E vogliono tagliare l'attrezzatura per far cadere gli alberi di

Page 95: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 95/199

gabbia  e costruire immediatamente una nuova zattera. Ma RobertKurtis interviene:

 — Ai vostri posti, figlioli! — grida. — Non si tagli un cavo senzamio ordine! Il Chancellor è in equilibrio! Il Chancellor nonaffonderà ancora!

Alla voce così ferma del capitano, l'equipaggio ritrova la suaserenità d'animo, e, nonostante il malvolere di alcuni marinai,

ognuno riprende il posto che gli è destinato.Appena è l'alba, Robert Kurtis si arrampica fino alle barre dicrocetta, ed il suo sguardo percorre tutto il mare per un ampio raggiointorno alla nave. Inutile ricerca! La zattera è ormai fuori vista! È ilcaso di armare la baleniera e di intraprendere una ricerca che puòessere lunga e pericolosa? È impossibile in quanto le onde sonotroppo forti, perché una fragile lancia possa sfidarle. Si deve dunqueintraprendere la costruzione d'una nuova zattera e bisognerà porsiall'opera immediatamente.

Da quando le onde si sono fatte più forti, la signora Kear si èfinalmente decisa a lasciar il posto che occupava a poppa del

casseretto ed ha potuto raggiungere la coffa di maestra, sulla quale siè coricata in uno stato d'assoluta prostrazione. Quanto al signor Kear,si è sistemato con Silas Huntly nella coffa di trinchetto. Presso lasignora Kear e la signorina Herbey stanno i signori Letourneur moltoserrati, come si può ben pensare, su quella piattaforma che nonmisura più di dodici piedi nel suo maggior diametro. Ma da unasartia all'altra sono stati messi dei passamano che permettono loro diresistere ai colpi di rollio. Inoltre Robert Kurtis ha avuto cura di

 porre sopra la coffa una vela che ripara le due donne.Alcuni barili, che galleggiavano fra gli alberi della nave dopo

l'immersione e che sono stati raccolti a tempo, vengono issati nelle

coffe e saldamente ormeggiati agli stragli. Sono casse di conserve edi biscotto, come pure botticelle d'acqua dolce, e costituiscono ormaitutta la nostra provvista.

Page 96: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 96/199

 

Page 97: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 97/199

C  APITOLO XXVI

5 DICEMBRE.  — La giornata è calda. Dicembre, sotto il sedicesimo parallelo, non è più un mese di autunno, ma un vero mese d'estate.

Dobbiamo aspettarci crudeli calori, se la brezza non viene atemperare il bruciore del sole.Frattanto il mare è rimasto abbastanza agitato. Lo scafo  della

nave, immerso per tre quarti, è battuto come uno scoglio. La schiumadelle onde balza fino all'altezza delle coffe  e i nostri abiti sono

 bagnati dagli spruzzi come da una pioggia fine.Ecco cosa rimane del Chancellor, ossia che cosa sta al di sopra

del livello del mare: i tre tronchi maggiori degli alberi sormontati dairispettivi alberi di gabbia; il  bompresso  al quale è stata sospesa la

 baleniera perché non venga spezzata dai flutti, poi il casseretto e ilcastello di prua riuniti solamente dalla stretta cornice delle murate. Il

 ponte è completamente sommerso.La comunicazione tra le coffe è difficilissima. Solo i marinai,inerpicandosi sugli stragli, possono recarsi dall'una all'altra. Aldisotto, fra gli alberi, dal coronamento fino al castello di prua, il maresi rompe come contro uno scoglio e stacca a poco a poco le paretidella nave di cui ci si preoccupa di raccogliere le tavole. È davverouno spettacolo terribile, per i passeggeri rifugiati sopra strette

 piattaforme, vedere e sentire l'oceano muggire sotto i loro piedi! Glialberi, che emergono dall'acqua, tremano ad ogni colpo di mare, e si

 può credere che stiano per essere portati via.Certo è meglio non guardare, non riflettere, perché quest'abisso

attira e si ha la tentazione di buttarvisi!Frattanto l'equipaggio lavora senza soste a costruire la seconda

zattera. Vengono usati gli alberi di gabbia, che vengono calati sul ponte, gli alberetti di velaccio  ed i pennoni, e sotto la direzione diRobert Kurtis il lavoro viene fatto con la massima cura. Il Chancellornon pare debba colare a fondo; come ha detto il capitano, è probabileche rimarrà per qualche tempo equilibrato così sotto il pelodell'acqua. Robert Kurtis si preoccupa perciò che la zattera sia

Page 98: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 98/199

costruita il più saldamente possibile. La traversata dev'essere lunga, perché la costa più vicina, la Guiana, è ancora a molte centinaia dimiglia. È dunque meglio passare un giorno di più sulle coffe easpettare che sia costruito un natante su cui si possa fareassegnamento. In questo siamo tutti d'accordo.

I marinai hanno riacquistato un po' di fermezza, ed ora il lavoro sifa con ordine.

Solo un vecchio marinaio, sulla sessantina, la cui barba ed icapelli si sono incanutiti sotto le raffiche, non è del parere diabbandonare il Chancellor. È un irlandese, di nome O' Ready.

Mentre mi trovavo sul casseretto, vi è salito anche lui. — Signore, — mi dice masticando la sua cicca di tabacco con

superba indifferenza, — i camerati sono del parere di lasciare lanave. Io no. Ho fatto naufragio nove volte - quattro volte in pienomare, cinque a costa. La mia vera professione è d'essere naufrago.Me ne intendo, io. Ebbene! Dio mi danni se non ho sempre vistomorire miseramente quei furbi che se ne sono fuggiti in zattere o inlance! Fin tanto che una nave galleggia bisogna rimanerci sopra;

tenetevelo per detto!Dopo aver pronunciato queste parole in tono molto energico, il

vecchio irlandese, il quale cercava senza dubbio d'alleggerirsi lacoscienza con la propria osservazione, ripiombò in un assolutomutismo.

Quel giorno, verso le tre pomeridiane, vedo il signor Kear e l'ex-capitano Silas Huntly, i quali discorrono con gran vivacità sulla coffa di trinchetto. L'industriale petrolifero sembra incitare il suointerlocutore, e questi mi pare faccia certe obiezioni ad una propostadel detto signor Kear. Più volte Silas Huntly guarda il mare ed ilcielo scrollando il capo. Finalmente, dopo un'ora di colloquio, si

lascia calare lungo lo straglio  di trinchetto  fino all'estremità delcastello di prua, si unisce al gruppo di marinai e lo perdo di vista.

Do pochissima importanza, del resto, a questo incidente, e risalgosulla coffa di maestra dove i signori Letourneur, la signorina Herbey,Falsten ed io rimaniamo a chiacchierare per alcune ore. Il sole ècaldissimo, e senza la vela che serve di tenda non si potrebberesistere.

Page 99: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 99/199

Page 100: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 100/199

questi vapori, disposti in lunghi strati sull'orizzonte, prendono unacolorazione rossastra che annuncia per domani una forte brezza.Voglia il cielo che questa brezza venga ancora da nord-est e ci spingaverso terra! Un qualsiasi mutamento nella sua direzione sarà funestoquando saremo imbarcati sulla zattera, la quale può far rotta solo conil vento in poppa.

Robert Kurtis è salito sulla coffa  di maestra verso le otto

 pomeridiane. Credo che lo stato del cielo lo preoccupi e che eglivoglia cercar d'indovinare che tempo farà domani. Rimane un quartod'ora in osservazione; poi, prima di ridiscendere, mi stringe la manosenza proferir parola e va a riprendere il suo posto a poppa delcasseretto.

Io cerco di dormire nello stretto spazio che mi è riservato sullacoffa, ma non vi riesco. Brutti presentimenti mi assillano. La

 presente tranquillità dell'atmosfera mi preoccupa; la trovo «troppocalma». È molto se ogni tanto passa un soffio nell'attrezzatura e ne favibrare i cavi metallici. D'altra parte il mare «sente» qualche cosa; èagitato da un'onda lunga e prova evidentemente il contraccolpo di

qualche tempesta lontana.Verso le undici di sera, nello spazio apertosi fra due nubi, splende

la luna e le onde brillano come se fossero illuminate da un baglioresottomarino.

Mi alzo e guardo. Cosa strana, mi sembra di vedere per alcuniistanti un punto nero che si solleva e si abbassa in mezzo all'intensaluminosità delle acque. Non può essere uno scoglio perché segue ilmovimento delle onde. Ma che cos'è allora?

Poi la luna si vela di nuovo, l'oscurità ridiviene profonda ed io micorico presso le sartie di sinistra.

Page 101: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 101/199

C  APITOLO XXVII

6 DICEMBRE.  — Sono riuscito a dormire alcune ore. Alle quattrodel mattino il fischiare del vento mi sveglia bruscamente. Sento la

voce di Robert Kurtis echeggiare fra le raffiche che scuotono lealberature.Mi alzo, e, aggrappato saldamente al passamano, cerco di vedere

che cosa avviene sotto e intorno a me.In mezzo all'oscurità, il mare mugge sotto i miei occhi. Grandi

zone di schiuma, livide più che bianche, passano fra gli alberi, aiquali il rollio imprime una forte oscillazione. Due ombre nere a

 poppa si stagliano sul colore biancastro del mare. Tali ombre sono ilcapitano Kurtis ed il nostromo. Le loro voci, che si percepiscono condifficoltà in mezzo al fracasso delle onde e ai fischi della brezza, migiungono all'orecchio come un gemito.

In quel mentre un marinaio, che è salito sulla coffa per ormeggiare una manovra, mi passa vicino. — Che succede? — gli ho domandato. — Il vento ha cambiato...Il marinaio aggiunge poi qualche parola che non sono riuscito a

capire chiaramente. Ma mi sembra che abbia detto «inversione dirotta».

Inversione di rotta! ma allora il vento sarebbe saltato da nord-est asud-ovest e ci spingerebbe al largo! I miei presentimenti non mihanno dunque ingannato!

Infatti il giorno sorge a poco a poco. Il vento non è proprio

cambiato in modo da provocare un'inversione di rotta, ma, cosaegualmente terribile per noi, soffia da nord-ovest. Quindi ci allontanada terra. Inoltre vi sono ormai cinque piedi d'acqua sul ponte, e icorrenti in legno dei passamano sono completamente scomparsi. Lanave è andata ancora più sotto durante la notte, e il castello di prua eil casseretto sono ora a livello del mare che li spazza di continuo.

Sottovento, Robert Kurtis e l'equipaggio sono impegnati nellacostruzione della zattera, ma il lavoro non può procedere spedito per

Page 102: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 102/199

la violenza delle ondate e bisogna prendere le più accurate precauzioni perché l'intelaiatura non si sfasci prima d'essere del tuttoconsolidata.

In questo momento i signori Letourneur sono in piedi accanto ame e il padre protegge il figlio contro le violenze del rollio.

 — Ma questa coffa sta per spezzarsi! — esclama il signorLetourneur udendo gli scricchiolii della stretta piattaforma che ci

regge.La signorina Herbey a tali parole si alza e mostrandoci la signoraKear stesa ai suoi piedi:

 — Che dobbiamo fare, signori? — domanda. — Bisogna restare dove siamo, — rispondo. — Signorina Herbey, — aggiunge André Letourneur, — questo è

il nostro rifugio più sicuro. Non temete... — Non è per me che temo, — risponde la giovane con la sua voce

tranquilla, — ma per quelli che hanno qualche ragione di amare lavita!

Alle otto e uh quarto il nostromo grida agli uomini

dell'equipaggio: — Ehi! di prua! — Sì, signore? — risponde uno dei marinai, O' Ready, credo. — Avete la baleniera? — No, signore. — Ma allora se n'è andata alla deriva!Infatti la baleniera non è più sospesa al  bompresso, e quasi

contemporaneamente viene notata la scomparsa del signor Kear, diSilas Huntly, e di tre uomini dell'equipaggio, uno scozzese e dueinglesi. Comprendo ora quale sia stato ieri l'argomento del colloquiodel signor Kear e di Silas Huntly. Temendo che il Chancellor colasse

a fondo prima che fosse costruita la zattera, essi hanno complottatodi fuggire, ed hanno indotto con il denaro i tre marinai adimpadronirsi della baleniera. Mi spiego ora che cos'era quel puntonero che ho intravisto la scorsa notte. Quel miserabile haabbandonato sua moglie: l'indegno capitano ha abbandonato la suanave! E ci hanno tolto la baleniera, cioè la sola lancia  che cirimanesse.

Page 103: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 103/199

 — Cinque salvati! — dice il nostromo. — Cinque perduti! — risponde il vecchio irlandese.Infatti lo stato del mare non può che dar ragione alle parole di

O'Ready.Siamo soltanto ventidue a bordo! Di quanto questo numero sarà

ancora diminuito?Apprendendo la vile diserzione ed il furto della baleniera,

l'equipaggio copre i fuggitivi d'invettive. Se il caso li riportasse a bordo, essi pagherebbero caro il loro tradimento!Raccomando di nascondere alla signora Kear la fuga del marito.

La disgraziata donna è divorata da una febbre incessante, contro laquale siamo impotenti, poiché l'affondamento della nave è stato cosìrepentino che la cassetta della farmacia non ha potuto essere salvata.E d'altra parte, avessimo anche dei medicinali, quale beneficio si

 potrebbe sperarne nello stato in cui si trova la signora Kear?

Page 104: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 104/199

C  APITOLO XXVIII

SEGUITO DEL 6 DICEMBRE.  — Frattanto il Chancellor non rimane più in equilibrio sotto il pelo dell'acqua. È probabile che il suo scafo 

si sfasci; lo si sente sprofondare a poco a poco.Fortunatamente la zattera sarà terminata stasera e sarà possibile prendervi posto, a meno che Robert Kurtis non preferisca imbarcarsidomani appena spunti il giorno. L'intelaiatura è costruitasolidamente. Le pertiche che la formano sono state legate fra di lorocon robusti cavi, e siccome sono disposte in modo da intrecciarsi, ilcomplesso si eleva di due piedi circa sul livello del mare.

Quanto alla piattaforma, è costruita con tavole delle murate che leondate hanno strappato e che sono state accuratamente utilizzate. Al

 pomeriggio si comincia a caricarvi tutto quanto è stato salvato diviveri, di vele, di strumenti e di utensili. Bisogna affrettarsi, perché in

questo momento la coffa di maestra è a soli dieci piedi sopra il mare,e del bompresso emerge solo il buttafuori che si rizza obliquamente.Sarei meravigliato se domani non fosse l'ultima giornata del

Chancellor !Ed ora qual è il nostro morale? Cerco di analizzare   quello che

succede dentro di me; mi pare che quanto io provo sia piùun'indifferenza inconscia che un sentimento di rassegnazione. Ilsignor Letourneur vive tutto per suo figlio, il quale dal canto suo non

 pensa che al padre. André mostra una rassegnazione coraggiosa,cristiana, che non posso paragonare altro che alla rassegnazione dellasignorina Herbey. Falsten è sempre Falsten, e Dio me lo perdoni,

l'ingegnere fa ancora dei calcoli sul suo taccuino! La signora Kear èmorente, nonostante le cure della giovane e le mie.

Quanto ai marinai, due o tre sono tranquilli, ma gli altri sembranoimpazziti; alcuni, spinti dalla loro indole grossolana, sembranodisposti ad abbandonarsi a eccessi. Sarà difficile contenere quegliindividui che subiscono la cattiva influenza di Owen e di Jynxtrop,quando dovremo vivere con loro su una piccola zattera!

Il secondo ufficiale Walter è molto indebolito; nonostante il suo

Page 105: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 105/199

coraggio, dovrà rinunciare a fare il suo servizio. Robert Kurtis e ilnostromo, energici, irremovibili, sono uomini di «acciaio temprato»,

 prendendo a prestito un'espressione del linguaggio dell'industria deimetalli, che li dipinge a perfezione.

Verso le cinque pomeridiane uno dei nostri compagni di sventuraha cessato di soffrire. La signora Kear è morta dopo una dolorosaagonia, forse senza aver avuto coscienza della propria situazione. Ha

emesso qualche sospiro e tutto è finito. Fino all'ultimo la signorinaHerbey le ha prodigato le proprie cure con una abnegazione che ci ha profondamente commossi.

La notte è passata senza incidenti. Il mattino seguente, all'alba, ho preso la mano della morta, che era fredda e le cui membra erano giàirrigidite.

Il suo corpo non può stare più a lungo sulla coffa. La signorinaHerbey ed io l'avvolgiamo nei suoi abiti; poi vengono dette alcune

 preghiere per l'anima della povera donna, e la prima vittima di tantemiserie viene precipitata nei flutti.

In quel momento un marinaio, che sì trova nelle sartie, pronuncia

queste terribili parole: — Ecco un cadavere che rimpiangeremo!Mi volto; è Owen che ha parlato.E mi viene in mente che i viveri forse un giorno ci verranno a

mancare.

Page 106: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 106/199

C  APITOLO XXIX

7 DICEMBRE.  — La nave seguita ad affondare. Il mare è oraarrivato alle trinche della coffa  di trinchetto. Il casseretto  ed il

castello di prua sono del tutto sommersi e il buttafuori del bompresso è scomparso. Dall'Oceano emergono soltanto i tre tronchi maggioridegli alberi.

Ma la zattera è pronta e carica di tutto quanto si è potuto salvare.Una scassa praticata a prua deve ricevere un albero, che saràsostenuto mediante sartie trattenute ai fianchi della piattaforma.Verrà inferita  la vela  di controvelaccio  la quale forse ci spingeràverso costa.

Chissà che quanto non ha potuto fare il Chancellor lo farà questafragile zattera meno facile da sommergere! La speranza è cosìsaldamente radicata nel cuore dell'uomo, che io spero ancora!

Sono le sette del mattino. Stiamo per imbarcarci, quandoimprovvisamente la nave prende ad affondare così precipitosamente,che il carpentiere e gli uomini al lavoro sulla zattera sono costretti atagliare l'ormeggio per non essere trascinati nel risucchio.

Proviamo allora un'ansietà indescrivibile, perché è appunto nelmomento in cui la nave scende nell'abisso, che la nostra unica tavoladi salvezza se ne va alla deriva!

Due marinai ed un mozzo, perdendo la testa, si gettano in mare,ma invano cercano di lottare contro il mare lungo. È presto evidenteche non potranno né giungere alla zattera né tornare alla nave,avendo contro i flutti ed il vento. Robert Kurtis si avvolge un cavo 

alla cintola e si precipita in loro soccorso. Inutile eroismo! Prima cheegli abbia potuto raggiungerli, i tre disgraziati, che vedo dibattersi,spariscono dopo avere invano tese le braccia verso di noi!

Robert Kurtis viene tirato a bordo tutto contuso da questa speciedi risacca che flagella la sommità degli alberi.

Frattanto Daoulas ed i suoi marinai, servendosi di pertiche comeremi, cercano di tornare verso la nave. È soltanto dopo un'ora disforzi (un'ora che ci è sembrata un secolo, un'ora durante la quale il

Page 107: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 107/199

mare è salito fino al livello delle coffe), che la zattera, la quale non siera allontanata più di due lunghezze di cavo,6 ha potuto accostarsi alChancellor. Il nostromo getta un cavo a Daoulas, e la zattera viene dinuovo ormeggiata all'incappellaggio dell'albero di maestra.

 Non vi è un istante da perdere, perché un violento vortice si formavicino alla nave sommersa, ed enormi bolle d'aria salgono in grannumero alla superficie.

 — Imbarcarsi! Imbarcarsi! — grida Robert Kurtis.Ci precipitiamo sulla zattera. André Letourneur, dopo aver fattoaccomodare la signorina Herbey, giunge felicemente sulla

 piattaforma, e suo padre gli è presto al fianco. Un istante dopo siamotutti imbarcati, tutti tranne il capitano e il vecchio marinaio O' Ready.

Robert Kurtis, in piedi sulla coffa di maestra, non vuol lasciare lanave fino a che non scomparirà nell'abisso. È suo dovere, è suodiritto. Questo Chancellor, egli lo ama, lo comanda ancora: si sentequale profondo dolore gli spezza il cuore al momento di lasciarlo.

L'irlandese è rimasto sulla coffa di trinchetto. — Imbarca, vecchio! — gli grida il capitano.

 — La nave cola a fondo? — domanda quell'ostinato con lamassima calma.

 — Ma sì. — Imbarchiamoci allora, — risponde il marinaio che ha già

l'acqua alla cintola,.E scuotendo la testa, balza sulla zattera.Robert Kurtis rimane ancora un istante sulla coffa, volge uno

sguardo intorno, poi abbandona per ultimo il suo bastimento.È tempo. L'ormeggio è reciso, e la zattera si allontana lentamente.Guardiamo tutti verso il luogo dove affonda la nave. Sparisce

 prima l'estremità dell'albero di trinchetto, poi l'albero di maestra, poi

nulla rimane di quel bel bastimento che fu il Chancellor. 

6 Circa 400 metri. (N.d.A.) 

Page 108: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 108/199

C  APITOLO XXX

SEGUITO DEL 7 DICEMBRE.  — Un nuovo natante ci porta. Esso non può affondare, perché il legno che lo ferma galleggerà, qualunque

cosa accada. Ma il mare non lo sfascerà? Non romperà i cavi che lotengono unito? Non distruggerà i naufraghi che vi sono ammassatisopra?

Delle ventotto persone, che si trovavano a bordo del Chancelloralla partenza da Charleston, dieci sono già perite.

Siamo dunque ancora diciotto, su questa zattera, che è una speciedi quadrilatero irregolare, lungo circa quaranta piedi e largo venti.

Ecco i nomi dei superstiti del Chancellor: i signori Letourneur,l'ingegnere Falsten, la signorina Herbey ed io, passeggeri; il capitanoRobert Kurtis, il secondo ufficiale Walter, il nostromo, lo stewardHobbart, il cuoco Jynxtrop, il carpentiere Daoulas; e sette marinai:

Austin, Owen, Wilson, O'Ready, Burke, Sandon e Flaypol.Forse che il Cielo non ci ha messo alla prova abbastanza neisettantadue giorni dacché abbiamo lasciato la costa americana, e laSua mano non ha pesato a sufficienza sopra di noi? Il più fiduciosonon oserebbe sperarlo.

Ma lasciamo l'avvenire, non pensiamo che al presente econtinuiamo a notare gli incidenti di questo dramma a mano a manoche accadono.

I passeggeri della zattera sono conosciuti. Ecco ora i loro mezzi disussistenza.

Robert Kurtis non ha potuto imbarcare se non quanto rimaneva

delle provviste tolte dalla cambusa, la maggior parte delle quali èandata distrutta al momento in cui fu sommerso il  ponte  delChancellor. Queste provviste sono poco abbondanti, se si considerache siamo in diciotto da nutrire e che molti giorni ancora possonotrascorrere prima che si segnali una nave o una terra. Un barile di

 biscotto, uno di carne salata, una botticella d'acquavite, due di acqua,ecco tutto ciò che ha potuto essere salvato. Bisogna dunquerazionarsi fin dal primo giorno.

Page 109: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 109/199

Abiti di ricambio non ne abbiamo. Alcune vele ci serviranno dicoperte e di ricovero. Gli utensili, appartenenti al carpentiereDaoulas, il sestante e la bussola, una carta, i nostri coltelli, un raminodi metallo, un bicchiere di latta, che non ha mai lasciato il vecchioirlandese O'Ready: ecco gli strumenti e gli utensili che ci rimangono.Tutte le casse deposte sul ponte e destinate alla prima zattera sonoandate perdute al momento dell'affondamento parziale della nave, e

 poi non è stato più possibile penetrare nella stiva.Ecco dunque la situazione. Essa è grave, ma non disperata.Disgraziatamente bisogna temere che a più d'uno manchino el'energia morale e quella fisica. D'altra parte vi sono fra noi persone icui cattivi istinti saranno purtroppo difficili da frenare!

Page 110: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 110/199

C  APITOLO XXXI

SEGUITO DEL 7 DICEMBRE.   — Il primo giorno non è statosottolineato da alcun incidente.

Oggi, alle 8 del mattino, il capitano Kurtis ci ha adunati tutti, passeggeri e marinai. — Amici miei, — ha detto, — abbiate ben presente questo. Io

comando su questa zattera come comandavo a bordo del Chancellor.Voglio dunque essere obbedito da tutti senza eccezione. Non

 pensiamo che alla comune salvezza, stiamo uniti, e che il Cielo ci protegga!

Queste parole sono state accolte bene.La leggera brezza, che soffia in questo momento e di cui il

capitano rileva la direzione con la bussola, è aumentata prendendo asoffiare da nord; è una fortuna. Dobbiamo affrettarci ad approfittarne

 per giungere il più presto possibile alla costa americana. Ilcarpentiere Daoulas si è occupato subito di piantare l'albero nellascassa preparata a  prua  della zattera, e ha disposto due specie di

 puntelli che devono assicurarlo più solidamente. Mentre fa questolavoro, il nostromo e i marinai inferiscono  il controvelaccino  al

 pennone riserbato a questo scopo.Alle nove e mezzo l'albero è alberato. Alcune sartie tese sui

fianchi della zattera ne garantiscono la solidità. La vela  si è issata,murata, cazzata7, e il natante, spinto col vento in  poppa, naviga conuna certa velocità sotto l'azione della brezza che rinfrescaulteriormente.

Terminato questo lavoro, il carpentiere cerca di adattare un timone che permetta alla zattera di mantenere la direzione voluta. Non glimancano i consigli di Robert Kurtis e dell'ingegner Falsten; dopo dueore di lavoro viene posto a poppa una specie di remo a  bratto, simile

 pressappoco a quelli che adoperano i balau8 malesi.

7 Rendere maggiormente tesa una cima8 Più propriamente, dovrebbe trattarsi di una goletta  in uso alle Antille e non in

Page 111: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 111/199

Frattanto il capitano Kurtis ha fatto le osservazioni necessarie perottenere esattamente la longitudine, e, a mezzogiorno, prende una

 buona altezza di sole.Il punto, così ottenuto con grande esattezza, è il seguente:Latitudine 45° 7' nord.Longitudine 49° 35' ovest di Greenwich.Questo punto portato sulla carta indica che siamo a circa 650

miglia a nord-est della costa di Paramaribo, ossia della parte piùvicina del continente americano, che, come è già stato notato, formail litorale della Guiana olandese.

Ora, facendo una media, non possiamo sperare, nemmeno conl'aiuto costante dei venti alisei, di percorrere più di dieci o dodicimiglia al giorno con un natante così imperfetto come è una zattera,che non può navigare di  bolina. Ci vorranno dunque due mesi dinavigazione, supponendo un viaggio felicissimo, salvo il caso poco

 probabile d'essere incontrati da qualche bastimento. Ma l'Atlantico èmeno frequentato in questa parte di quanto non sia più a nord e più asud. Siamo stati disgraziatamente gettati fra le linee delle Antille e

quelle del Brasile seguite dai transatlantici inglesi e francesi ed èmeglio non contare sulla possibilità di un incontro. D'altra parte, sevengono le calme, se il vento cambia e ci spinge a est, non sono piùdue mesi di viaggio, ma quattro, ma sei, ed i viveri ci mancherannoalla fine del terzo!

La prudenza dunque richiede che fin d'ora non consumiamo piùdel necessario. Il capitano Kurtis ci ha chiesto consiglio in proposito,e noi abbiamo stabilito severamente il programma da seguire. Lerazioni sono calcolate per tutti, senza distinzione, in modo che lafame e la sete siano soddisfatte a metà. La manovra della zattera nonrichiede un gran consumo di forze fisiche e un'alimentazione ridotta

dovrà bastarci. Quanto all'acquavite, il cui barattolo contiene solocinque galloni,9  sarà distribuita con estrema parsimonia, e nessunoavrà il diritto di toccarla senza il permesso del capitano.

Il regime di bordo è dunque regolato così: cinque once di carne ecinque once di biscotto al giorno per ciascuno. È poco, ma la razione

Malesia. (N.d.T.) 9 Circa 23 litri. (N.d.A.) 

Page 112: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 112/199

non potrebbe essere maggiore, perché diciotto bocche, in questa proporzione, assorbiranno un po' più di cinque libbre di ognialimento, - ossia 600 libbre in tre mesi.

Ora, in tutto, non possediamo più di 600 libbre di carne e di biscotto; bisogna dunque arrestarci a questa cifra. Quanto all'acqua,la sua quantità può essere stimata in 132 galloni,10 e viene stabilitoche il consumo quotidiano sarà ridotto per ciascuno ad una pinta,11 il

che assicura pure tre mesi di acqua.La distribuzione dei viveri verrà fatta ogni mattina alle dieci adopera del nostromo. Ognuno riceverà per la giornata la propriarazione di biscotto e di carne e la consumerà quando e come gli parràmeglio. Quanto all'acqua, in mancanza di recipienti per raccoglierla,

 poiché non abbiamo che il ramino e il bicchiere dell'irlandese, saràdistribuita due volte al giorno, alle dieci del mattino ed alle sei disera, e ognuno dovrà berla immediatamente.

Bisogna notare che abbiamo sempre due altre probabilità diaccrescere le provviste: la pioggia, che ci darebbe l'acqua, e la pescache fornirebbe il pesce. Perciò due barili vuoti vengono disposti per

l'acqua piovana; quanto agli arnesi di pesca, i marinai si occupano di prepararli per gettare qualche lenza a strascico.

Queste sono le disposizioni. Sono approvate da tutti e sarannorigorosamente rispettate. È solo mantenendo una regola severa che

 possiamo sperare di sottrarci agli orrori della fame. Troppi esempi cihanno insegnato ad essere previdenti, e se ci troveremo ridotti alleultime privazioni è segno che il destino non avrà cessato di

 perseguitarci!

10 Circa 600 litri. (N.d.A.) 11 56 centilitri. (N.d.A.) 

Page 113: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 113/199

C  APITOLO XXXII

DALL'8 AL 17 DICEMBRE.  — Venuta la sera, ci siamo accoccolatisotto le vele; stanco per le lunghe ore passate nell'alberatura, ho

 potuto dormire per qualche ora. La zattera, essendo relativamente poco carica, si alza facilmente sulle onde. Siccome il mare non èagitato, i cavalloni non ci colpiscono. Disgraziatamente se l'ondalunga cessa, è perché il vento viene a mancare, e verso il mattino iosono costretto a notare nel mio diario: calma. 

Al nuovo giorno non ho alcuna novità da notare. I signoriLetourneur hanno dormito anch'essi una parte della notte. Ci siamostretti la mano ancora una volta. La signorina Herbey ha potutoriposare anche lei e i suoi lineamenti meno stanchi hanno ripreso laloro consueta serenità.

Siamo al di sotto dell'11° parallelo. Il caldo durante il giorno è

violento, il sole risplende. Una specie di vapore ardente si mescolaall'atmosfera. Siccome la brezza non viene che a sbuffi, la vela pendedall'albero durante le calme che vanno prolungandosi troppo.

Ma Robert Kurtis ed il nostromo, da certi indizi che solo i marinai possono riconoscere, credono che una corrente di due o tre migliaall'ora ci trascini verso ovest. Sarebbe una fortuna e la nostratraversata verrebbe così abbreviata di molto. Possano il capitano ed ilnostromo non essersi ingannati, perché fin da questi primi giorni econ questa temperatura la razione d'acqua basta appena a calmare lanostra sete!

Eppure da quando abbiamo lasciato il Chancellor, o per meglio

dire le coffe  di quella nave, per imbarcarci nella zattera, la nostracondizione si è veramente migliorata, perché il Chancellor poteva adogni minuto inabissarsi, e, almeno, questa piattaforma èrelativamente solida. Sì, lo ripeto, la situazione è migliorata e, inconfronto, ognuno si trova meglio. Abbiamo quasi delle comodità,

 possiamo andare e venire. Di giorno si sta insieme, si chiacchiera, sidiscute, si guarda il mare; di notte si dorme. L'osservazionedell'orizzonte, la sorveglianza delle lenze a strascico, ogni cosa ha la

Page 114: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 114/199

sua attrattiva. — Signor Kazallon, — mi dice André Letourneur alcuni giorni

dopo il nostro imbarco sul nuovo natante, — mi sembra di ritrovarequi i giorni di serenità che hanno marcato il nostro soggiornosull'isolotto di Ham-Rock!

 — È vero, caro André, — rispondo. — Ma dico di più, la zattera ha un vantaggio sull'isolotto, perché

cammina. — Finché il vento è favorevole, André, il vantaggio sta dalla partedella zattera, ma se il vento cambia...

 — Signor Kazallon, — mi risponde il giovane, — non ci lasciamoabbattere, abbiamo fiducia!

Questa fiducia, l'abbiamo tutti! Sì, pare che siamo usciti persempre da quelle prove terribili e per non ricadervi più! Lecircostanze sono diventate più favorevoli. Non v'è uno di noi che nonsi senta quasi rassicurato!

Ignoro quello che accade nell'animo di Robert Kurtis, e non so seegli condivida le nostre idee; se ne sta quasi sempre in disparte. Ma è

 perché la sua responsabilità è grande! Egli è il capo, non hasolamente la propria vita da salvare, ha da salvare le nostre! Io so cheegli intende il suo dovere a questo modo; perciò è spesso assortonelle proprie riflessioni e ciascuno bada a non distrarlo.

In queste lunghe ore la maggior parte dei marinai dorme a  prua della zattera. Per ordine del capitano la  poppa  è stata riservata ai

 passeggeri, e si è potuto tendere su dei candelieri una tenda che dà un po' d'ombra; insomma ci troviamo in uno stato di salutesoddisfacente. Solo il secondo ufficiale Walter non riesce aricuperare le proprie forze. Le cure che gli prodighiamo non giovanoa nulla; egli s'indebolisce ogni giorno di più.

 Non ho mai apprezzato di più André Letourneur che in questimomenti; questo bravo giovane è l'anima del nostro piccolo mondo.Ha uno spirito originale, e le trovate, le considerazioni inaspettateabbondano nel suo modo di veder le cose. La sua conversazione cidistrae e spesso ci istruisce. Mentre André parla, il suo aspetto un po'malaticcio si anima. Il padre sembra berne le parole, e talvolta,

 prendendogli la mano, la tiene nelle proprie per ore intiere.

Page 115: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 115/199

La signorina Herbey si mescola talvolta ai nostri colloqui, purrimanendo molto riservata; tutti ci sforziamo di farle dimenticare conmille premure che ella ha perduto coloro che avrebbero dovutoessere i suoi protettori naturali. La giovane ha trovato nel signorLetourneur un amico sicuro, una specie di padre, ed ella gli parla conun abbandono che l'età di questi permette. Dietro sua richiesta, gli hanarrato la propria vita, quella vita di coraggio e di abnegazione che è

la dote delle orfane povere. Era da due anni nella casa della signoraKear, ed ora eccola priva di mezzi, senza speranza d'avvenire, masempre fiduciosa, perché pronta ad affrontare qualsiasi prova. Lasignorina Herbey, per l'indole e per l'energia morale, impone ilrispetto; e finora non è stata offesa né da parole né da atti cheavrebbero potuto sfuggire a certi uomini grossolani di bordo.

I giorni 12, 13 e 14 dicembre non hanno portato alcun mutamentoalla situazione; il vento  ha continuato a soffiare da est a raffiche;nessun incidente di navigazione, nessuna manovra da eseguire sullazattera, non c'è bisogno di modificare la direzione del timone, o, perdir meglio, del remo a bratto. Il natante corre con il vento in poppa, e

la vela  non è sufficientemente poco dura per straorzare. Alcunimarinai di guardia, sempre posti a prua, hanno ordine di sorvegliareil mare con la più scrupolosa attenzione.

Sono passati sette giorni da quando abbiamo abbandonato ilChancellor; noto che ci abituiamo alla dieta che ci è imposta, almeno

 per quanto riguarda il cibo. È vero che le nostre forze non sonomesse a prova dalla stanchezza fisica. Non ci consumiamo,espressione che rende bene il mio pensiero; ed in tali condizioni

 basta assai poco all'uomo per sostentarlo. La nostra maggior privazione è quella dell'acqua, perché con questi grandi calori laquantità che ci è accordata è proprio insufficiente.

Il 15, una frotta di pesci, della specie degli spari, è venuta adaffollarsi intorno alla zattera. Sebbene i nostri arnesi da pesca nonsiano composti che di lunghe corde armate di chiodi ricurvi, a cui

 pezzetti di carne servono d'esca, pigliano un gran numero di questispari, tanto essi sono voraci.

È davvero una pesca miracolosa, e quel giorno è come una festa a bordo. Dei pesci, alcuni sono stati arrostiti, altri cotti nell'acqua

Page 116: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 116/199

marina sopra un fuoco di legna acceso a prua della zattera. Che banchetto! È tanto d'economizzato delle nostre provviste. Gli sparisono così abbondanti, che per due giorni ne peschiamo circaduecento libbre; venga ora la pioggia e tutto andrà a meraviglia.

Disgraziatamente questa frotta di pesci non è rimasta un pezzonelle nostre acque. Il 17, alcuni pescecani - appartenenti alla speciemostruosa degli squali tigre lunghi da quattro a cinque metri - sono

apparsi alla superficie del, mare. Hanno le pinne e la schiena nere,con macchie e strisce trasversali bianche. La" presenza di questiterribili mostri è sempre inquietante, perché, a causa della pocaelevazione della zattera, siamo quasi allo stesso livello e molte voltele loro code battono le nostre pertiche con terribile violenza. Pure imarinai sono riusciti ad allontanarli a colpi di manovella, ma non mistupirei se ci seguissero ostinatamente come una preda loro riservata.

 Non mi piacciono questi mostri con simili «presentimenti».

Page 117: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 117/199

C  APITOLO XXXIII

DAL 18 AL 20 DICEMBRE.  — Oggi il tempo è cambiato e il ventoha rinfrescato. Non ci lamentiamo, perché è favorevole. Pigliamo

soltanto la precauzione d'assicurare l'albero mediante una sartia volante, affinché la tensione della vela non possa produrne la rottura.Ciò fatto, il pesante galleggiante si muove con velocità un po'

maggiore e si lascia finalmente dietro una specie di lunga scia. Nel pomeriggio alcune nubi hanno coperto il cielo, ed il caldo è

stato un po' meno intenso. Il mare lungo ha fatto dondolare un po' piùvivamente la zattera, e due o tre ondate hanno imbarcato.Fortunatamente, adoperando alcune tavole di fasciame, il carpentiereha potuto fare una murata alta due piedi che ci difende meglio dalmare.

Si assicurano per mezzo di corde i barili contenenti le provviste,

come pure le botticelle d'acqua. Se il mare ce li togliesse, saremmo inuna orribile condizione. Non si può pensare a simile disastro senzafremere!

Il 18, i marinai hanno raccolto qualcuna di quelle piante marineconosciute col nome di sargassi, simili a quelle che abbiamo raccoltotra le Bermude e l'isolotto di Ham-Rock. Sono piante che contengonoun principio zuccherino, ed io raccomando ai miei compagni dimasticarne gli steli. così fanno e quella masticazione rinfresca le lorolabbra e la gola.

 Nella giornata nulla di nuovo, noto solo che alcuni marinai e in particolare Owen, Burke, Flaypol, Wilson ed il negro Jyxntrop,

fanno frequenti conciliaboli di cui mi sfugge il motivo. Osservo pureche essi tacciono quando uno degli ufficiali o dei passeggeri siavvicina. Robert Kurtis ha fatto la stessa osservazione prima di me.Tali colloqui segreti non gli garbano ed egli fa conto di sorvegliareattentamente quegli uomini. Il negro Jynxtrop ed il marinaio Owensono evidentemente due mascalzoni, di cui bisogna diffidare perché

 possono trascinarsi dietro i loro compagni.Il 19, il caldo è eccessivo. Non una nube nel cielo. Il vento non

Page 118: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 118/199

 può gonfiare la vela e la zattera rimane ferma. Alcuni marinai si sonotuffati in mare, e quel bagno ha procurato loro un vero sollievodiminuendo un poco la sete. Ma il pericolo di tuffarsi in questi fluttiinfestati dai pescecani è grande e nessuno di noi ha seguito l'esempiodi quegli avventati. Chissà però se più tardi esiteremo ad imitarli?Vedendo la zattera immobile, le larghe ondulazioni dell'oceano senzauna ruga, la vela inerte sull'albero, non è da temere che tale stato di

cose duri un pezzo?La salute del secondo ufficiale Walter ci preoccupa molto. Ilgiovane è divorato da una febbre lenta che gli viene ad accessiirregolari. Forse il solfato di chinino avrebbe ragione di questafebbre; ma, lo ripeto, la immersione del casseretto è stata così rapida,che la cassetta dei medicinali di bordo è scomparsa sott'acqua. E poiil povero giovane è certamente tisico e da qualche tempo l'incurabilemalattia ha fatto in lui terribili progressi. I sintomi esterni non ci

 possono ingannare. Walter ha accessi di tosse secca, la suarespirazione è breve, la sudorazione abbondante specialmente almattino, dimagrisce, il naso gli si affila, gli zigomi sporgono

spiccando per la loro tinta rossa sul pallore generale della faccia; hale guance incavate, le labbra contratte, le congiuntive lucide eleggermente livide. Ma anche fosse in migliori condizioni, lamedicina sarebbe impotente davanti a questo male che non perdona.

Il 20, identico stato della temperatura, e identica immobilità dellazattera. I raggi ardenti del sole attraversano la nostra tenda.Accasciati dal caldo, siamo spesso ansimanti. Con quale impazienzaaspettiamo il momento in cui il nostromo fa la parca distribuzioned'acqua, e con quanta avidità ci gettiamo su quelle poche gocce diliquido tiepido! Chi non ha mai provato la sete, non puòcomprenderlo.

Il secondo ufficiale Walter è molto assetato, e soffre più di tuttinoi. Ho visto la signorina Herbey riservargli quasi tutta la razioneche le spetta. Pietosa e caritatevole, la giovane fa quanto può, se non

 per placare, per attenuare almeno le sofferenze del nostro disgraziatocompagno.

Oggi la signorina Herbey mi dice: — Quel poveretto s'indebolisce ogni giorno di più, signor

Page 119: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 119/199

Kazallon. — Sì, signorina, — ho risposto, — e non possiamo far nulla per

lui! — Attenzione, — dice la signorina Herbey, — potrebbe sentirci.Poi va a sedersi all'estremità della zattera e con la testa appoggiata

alle mani se ne sta pensosa.Oggi è avvenuto un fatto spiacevole che devo notare.Per un'ora circa i marinai Owen, Flaypol, Burke ed il negro

Jynxtrop hanno tenuto una conversazione molto animata. Discutonoa bassa voce, ed il loro gesticolare indica un grande accaloramento.Dopo tale colloquio, Owen si alza e si dirige deliberatamente verso

 poppa, sulla parte della zattera riservata ai passeggeri. — Dove vai, Owen? — gli domanda il nostromo. — Vado per i fatti miei, — risponde insolentemente il marinaio.A questa villana risposta il nostromo si alza, ma prima di lui

Robert Kurtis è a faccia a faccia con Owen.Il marinaio regge lo sguardo acceso del suo capitano, e dice con

sfrontatezza: — Capitano, devo parlarvi da parte dei camerati.

 — Parla, — risponde freddamente Robert Kurtis. — Si tratta dell'acquavite, — soggiunge Owen. — Sapete, quel

 bariletto... è forse per le focene o per gli ufficiali che lo si tiene inserbo?

 — E poi? — dice Robert Kurtis. — Domandiamo che ogni mattina ci sia distribuito il nostro

 bicchiere come al solito. — No, — risponde il capitano. — Avete detto?... — grida Owen. — Dico no.Il marinaio guarda fissamente Robert Kurtis, e un ghigno gli

contrae le labbra. Esita un istante, incerto se debba insistere, ma sitrattiene, e senza aggiungere una parola torna verso i suoi camerati,che discutono a bassa voce.

Robert Kurtis ha fatto bene a rifiutare in modo così assoluto? Celo dirà il futuro. Quando gli parlo di questo incidente, egli mirisponde:

 — Dell'acquavite a costoro! preferirei gettare il bariletto in mare.

Page 120: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 120/199

C  APITOLO XXXIV

21 DICEMBRE.  — Quest'incidente non ha ancora avuto alcunaconseguenza, oggi almeno.

Per alcune ore . compaiono ancora degli spari lungo la zattera, e

ne peschiamo a mucchi. Vengono radunati in una botticella vuota, equesta aggiunta di provviste ci fa sperare che almeno non soffriremola fame.

È venuta la notte senza portarci la solita frescura. Le notti sonogeneralmente fresche sotto i tropici, ma questa minaccia di esseresoffocante. Densi vapori si svolgono pigramente sopra le onde. Laluna sarà nuova all'una e trenta del mattino. L'oscurità è dunque

 profonda fino al momento in cui lampi di calore, di abbaglianteintensità, illuminano l'orizzonte. Sono lunghe e larghe scaricheelettriche, senza forma determinata, che illuminano un ampio spaziodi cielo. Ma non si ode tuono e si può dire anzi che la calma

dell'atmosfera sia spaventosa, tanto è assoluta.Per due ore, cercando nell'aria qualche soffio meno ardente, la

signorina Herbey, André Letourneur ed io contempliamo questi preliminari dell'uragano, che sono come un esperimento della natura,e dimentichiamo la condizione presente per ammirare il sublimespettacolo d'una lotta di nubi elettriche. Si direbbero forti merlati icui merli si coronassero di fuoco. L'anima dei più feroci è sensibile aqueste grandi scene, e io vedo i marinai guardare attentamente al paridi noi i bagliori incessanti. Senza dubbio, osservano con occhio

 preoccupato lo spettacolo che annuncia una prossima lotta deglielementi. Effettivamente che sarà della zattera in mezzo ai furori del

cielo e del mare?Rimaniamo seduti a poppa fino a mezzanotte. Questi bagliori, di

cui la notte raddoppia la lucentezza, diffondono sopra di noi una tintalivida, simile al colore spettrale che pigliano gli oggetti se vengonoilluminati alla fiamma dell'alcool impregnato di sale.

 — Avete paura dell'uragano, signorina Herbey? — domandaAndré Letourneur alla giovane.

 — No, signore, — risponde la signorina Herbey, — quello, che

Page 121: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 121/199

 provo è piuttosto un sentimento di rispetto. Non è forse uno dei più bei fenomeni che possiamo ammirare?

 — Verissimo, signorina Herbey, — ripiglia a dire AndréLetourneur, — soprattutto quando romba il tuono. Può l'orecchioudire un rumore più maestoso? E che cosa sono in confronto gliscoppi delle artiglierie, quei rumori secchi e senza continuazione? Iltuono invade l'anima, è piuttosto un suono che un rumore, un suono

che cresce e decresce come la nota tenuta da un cantante. E per dirtutto in una parola, signorina Herbey, la voce d'un artista non mi hamai commosso tanto, quanto la grande ed incomparabile voce dellanatura.

 — Voce di basso profondo, — dico io ridendo. — Proprio così, — risponde André, — e speriamo di poterla udire

fra breve, perché questi lampi senza rumore sono monotoni! — Per carità, caro André! — ho risposto. — Sopportate l'uragano

se capita, ma non desideratelo. — Ohibò! l'uragano è vento! — Ed acqua, anche, — risponde la signorina Herbey, —   l'acqua

che ci manca!Vi sarebbe molto da replicare ai due giovani, ma non voglio

mescolare là mia prosa malinconica alla loro poesia. Essiconsiderano l'uragano da un lato speciale, e, per tutta un'ora, sentoche ne parlano con linguaggio poetico, e lo invocano con tutti i lorovoti.

Frattanto il cielo si è a poco a poco nascosto dietro fitte nubi. Gliastri allo zenit si spengono ad uno ad uno dopo che le costellazionizodiacali sono scomparse dietro le nebbie dell'orizzonte. I vapori nerie pesanti si curvano sopra le nostre teste, e velano le ultime stelle delcielo. Ad ogni momento quella massa emette grandi lampi biancastri

sui quali si stagliano nuvolette grigiastre.Tutto questo serbatoio d'elettricità posto nella zona alta

dell'atmosfera finora s'è vuotato senza rumore. Ma poiché l'aria èmolto secca e perciò cattivo conduttore d'elettricità, il fluido non

 potrà sprigionarsi che con scoppi terribili, e mi sembra impossibileche l'uragano non scoppi presto con estrema violenza.

Questo è pure il parere di Robert Kurtis e del nostromo. Questi

Page 122: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 122/199

non ha altra guida che il proprio istinto di marinaio, che è infallibile.Quanto al capitano, all'istinto di weather-wise,12  egli unisce lecognizioni d'uno scienziato. Mi mostra sopra di noi un cumulo dinubi che i meteorologi chiamano cloudring,13  e che si forma quasiunicamente nelle regioni della zona torrida, sature del vapore acqueoche gli alisei portano da tutti i punti dell'oceano.

 — Sì, signor Kazallon, — mi dice Robert Kurtis, — siamo nella

regione degli uragani, perché il vento ha spinto la nostra zattera finoa quella zona in cui un osservatore, dotato di udito particolarmentesensibile, udrebbe continuamente il brontolio del tuono. Questaosservazione è stata fatta da molto tempo e la credo giusta.

 — Mi pare, — rispondo tendendo l'orecchio, — di udire il brontolio continuo di cui parlate.

 — Infatti, — dice Robert Kurtis, — sono i primi brontoliidell'uragano, che entro due ore si manifesterà in tutta la sua violenza.Ebbene! saremo pronti a riceverlo.

 Nessuno di noi pensa a dormire, né lo potrebbe, perché l'aria èsoffocante. I lampi si allargano, sviluppano all'orizzonte una

estensione che va dai cento ai centocinquanta gradi, ed accendonosuccessivamente tutta la periferia del cielo, mentre una specie difosforescenza si sprigiona dall'atmosfera.

Finalmente, il tuono rumoreggia più forte e si fa più penetrante,ma, se ci si può esprimere così, sono ancora rumori netti, senzaangoli di scoppio, brontolii che l'eco non ripete. Si direbbe che lavolta celeste sia imbottita da queste nuvole, la cui elasticità soffoca lasonorità delle scariche elettriche.

Il mare finora è rimasto calmo, pesante, quasi stagnante. Tuttavia,dalle larghe ondulazioni che cominciano a sollevarlo, i marinai non

 possono rimanere ingannati. Per loro, il mare «si sta formando»;

qualche uragano si è scatenato lontano, di cui ora si sente ilcontraccolpo. Il terribile vento non è vicino, e per prudenza una navesarebbe già alla cappa, ma la zattera non può manovrare, e saràcostretta a fuggire davanti alla burrasca.

All'una del mattino, un lampo vivissimo, seguito alla distanza di

12 Letteralmente: indovino del tempo. (N.d.A.) 13 Nubi ad anello. (N.d.A.) 

Page 123: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 123/199

 pochi secondi da una scarica, indica che l'uragano ci è quasi addosso.L'orizzonte scompare d'un tratto in una nebbia umida e si direbbe chesi stia abbattendo in pieno sulla zattera.

Subito un marinaio grida: — La raffica! La raffica!

Page 124: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 124/199

C  APITOLO XXXV

 NOTTE DAL 21 AL 22 DICEMBRE.  — Il nostromo si precipita versola drizza che sostiene la vela, ed il pennone è subito ammainato. Era

tempo, perché la raffica passa come un turbine. Senza il grido delmarinaio, che ci ha avvertiti, saremmo stati rovesciati e forse precipitati in mare. La tenda di poppa è stata portata via di colpo.

Ma se la zattera non ha nulla da temere direttamente dal vento, seè tanto bassa da non dargli presa, ha da temere tutto dalle ondesollevate dall'uragano. Queste onde sono state per qualche minutoappiattite e come schiacciate dalla pressione degli strati atmosferici;

 poi si sono risollevate furiosamente e la loro altezza aumenta proporzionalmente alla compressione che hanno subito.

La zattera segue i movimenti disordinati del mare lungo, e se nonsi muove più di esso, un avanti-e-indietro incessante la fa almeno

oscillare da un fianco all'altro e da poppa a prua. — Legatevi! Legatevi! — ci grida il nostromo buttandoci dellecorde.

Robert Kurtis è venuto in nostro aiuto, e in breve i signoriLetourneur, Falsten ed io ci siamo saldamente legati alla zattera; nonsaremo portati via, se non nel caso in cui il natante si spezzi. Lasignorina Herbey si è legata alla vita ad uno dei candelieri chesorreggevano la tenda, e, al bagliore dei lampi, ho veduto il suo voltosempre sereno.

Ormai la folgore si manifesta senza tregua, con la luce e il rumore. Ne abbiamo le orecchie e gli occhi pieni. Un colpo di tuono non

aspetta l'altro, e non si è ancora spento un lampo, che già un altro glisuccede. In mezzo a questi bagliori, la volta vaporosa sembra

 prendere fuoco. Si direbbe addirittura che l'oceano sia infuocatocome il cielo, e vedo molti lampi ascendenti, che, sollevandosi dallacresta delle onde, vengono ad incrociarsi con quelli delle nubi. Unforte odor di zolfo si spande nell'atmosfera, ma finora la folgore ci harisparmiati; ha solo percosso i flutti.

Alle due del mattino, la tempesta è in tutto il suo furore. Il vento è

Page 125: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 125/199

 passato allo stadio di uragano, e cavalloni spaventosi minacciano disfasciare la zattera. Il carpentiere Daoulas, Robert. Kurtis, ilnostromo e altri marinai si danno da fare per rinforzarla con cavi.Enormi ondate ci cadono addosso a piombo, e quelle docce pesanti ci

 bagnano fino alle ossa d'acqua quasi tiepida. Il signor Letourneur sigetta davanti alle onde furiose, come per preservare il figlio da unurto troppo violento. La signorina Herbey è immobile: la si direbbe

la statua della rassegnazione.In questo momento, al rapido bagliore dei lampi, vedo grossenubi, molto estese e probabilmente molto spesse, le quali hanno

 preso un colore rossiccio e uno scoppiettio simile a un fuoco dimoschetteria echeggia nell'aria. È un crepitio speciale prodotto dauna serie di scariche elettriche alle quali la gragnuola served'intermediaria fra le nubi opposte. E infatti per l'incontro d'una nube

 burrascosa con una corrente d'aria fredda, si è formata la grandine,che cade con estrema violenza. Siamo mitragliati da chicchi dellagrossezza d'una noce, che percuote la piattaforma con sonoritàmetallica.

Il fenomeno continua così per mezz'ora, e contribuisce a calmareil vento; ma esso, dopo aver balzato a tutti i punti della bussola,ripiglia poi con incredibile violenza. L'albero della zattera, le cuisartie si rompono, si corica di traverso e ci affrettiamo a toglierlodalla scassa perché non si spezzi al piede. Il timone è portato via daun colpo di mare, e il remo a bratto se ne va alla deriva senza che sia

 possibile trattenerlo. Contemporaneamente le murate  di sinistra vengono strappate e le onde si avventano attraverso la breccia.

Il carpentiere e i marinai vogliono riparare l'avaria, ma le scosse liimpediscono; rotolano gli uni addosso agli altri, quando la zatterasollevata da onde mostruose, si inclina con un angolo di oltre 45°.

Come mai questi uomini non sono portati via? Come mai i cavi checi tengono legati non si spezzano? Come mai non siamo tutti buttatiin mare? Non riusciamo a spiegarcelo. Quanto a me, mi sembraimpossibile che, in uno di questi movimenti disordinati, la zatteranon venga capovolta; e in tal caso, legati come siamo, morremo fra leconvulsioni dell'asfissia!

Infatti verso le tre del mattino, al momento in cui l'uragano si

Page 126: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 126/199

scatena più furioso che mai, la zattera, sollevata sul dorso di un'onda,si è quasi rizzata. Si odono grida di terrore! Stiamo percapovolgerci!... No, la zattera si è tenuta sulla cresta dell'onda ainconcepibile altezza, ed alla intensa luce dei lampi che si incrocianoin tutte le direzioni, spaventati, sbigottiti, abbiamo potuto dominarecon lo sguardo il mare che schiumeggia come se si frangesse controgli scogli.

Poi la zattera ripiglia quasi subito la sua posizione orizzontale, main questo movimento le rizzature delle botticelle si sono spezzate. Neho vista una passare sopra la murata, e l'altra sfondarsi lasciandosfuggire l'acqua che contiene.

Alcuni marinai si precipitano per trattenere il secondo barilecontenente le provviste di carne secca, ma il piede d'uno di lororimane preso fra le tavole disgiunte della piattaforma che tornano ariunirsi. Il disgraziato emette alte urla di dolore.

Voglio correre verso di lui, riesco a rompere i miei legami... Matroppo tardi: al bagliore d'un lampo vedo il disgraziato, che è riuscitoa liberare il piede, portato via da un colpo di mare che ci copre

completamente. Il suo compagno è scomparso con lui, senza che siastato possibile portare loro soccorso.

Quanto a me, il colpo di mare mi ha buttato lungo disteso sulla piattaforma, ed avendo battuto il capo contro lo spigolo d'una pertica,sono svenuto.

Page 127: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 127/199

C  APITOLO XXXVI

22 DICEMBRE.  — Il giorno è finalmente venuto, e il sole è apparsofra le ultime nubi che l'uragano si è lasciato dietro. La lotta degli

elementi è durata solo alcune ore, ma è stata terribile; l'aria e l'acquasi sono urtate con violenza senza uguali.Io ho potuto far cenno solo agli incidenti principali, perché lo

svenimento che ha tenuto dietro alla mia caduta non mi ha concessodi osservare la fine di quel cataclisma. So solo che, poco tempo dopoil colpo di mare, l'uragano si è calmato sotto l'azione di violentirovesci di pioggia e che la tensione elettrica dell'atmosfera si èridotta. La tempesta dunque non ha proseguito oltre la notte. Ma inquel breve tempo quanti danni ci ha causato, quante perditeirreparabili, e, di conseguenza, quante miserie ci attendono! Nonsiamo nemmeno riusciti a conservare una goccia di quei torrenti

d'acqua che ha versati.Ho ripreso i sensi grazie alle cure dei signori Letourneur e dellasignorina Herbey, ma è a Robert Kurtis che devo essere riconoscentese non sono stato portato via da un secondo colpo di mare.

Uno dei due marinai periti durante l'uragano è Austin, giovanottodi ventotto anni, un buon elemento, attivo e pieno di coraggio. Ilsecondo è il vecchio irlandese O'Ready, superstite di tanti naufragi!

 Non siamo più che sedici sulla zattera, quasi la metà di coloro chesi sono imbarcati a bordo del Chancellor è già scomparsa!

Ed ora che ci rimane di viveri?Robert Kurtis ha voluto farsi un conto esatto delle provviste. In

che consistono, quanto tempo dureranno?L'acqua non mancherà ancora, perché ne rimangono in fondo alla

 botticella spezzata circa quattordici galloni,14 e la seconda botticellaè intatta. Ma il barile che conteneva la carne secca, e quello in cui erail pesce che avevamo pescato, sono stati portati via entrambi, e diquella provvista non ci rimane assolutamente nulla. Quanto al

14 65 litri. (N.d.A.) 

Page 128: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 128/199

 biscotto, Robert Kurtis non valuta più di sessanta libbre quello che siè potuto salvare dal mare.

Sessanta libbre di biscotto per sedici persone, significano ottogiorni di nutrimento a mezza libbra a testa.

Robert Kurtis ci ha fatto conoscere lo stato delle cose. L'abbiamoascoltato in silenzio; in silenzio è pure passato questo giorno del 22dicembre. Ognuno si è chiuso in se stesso, ma è evidente che gli

stessi pensieri assediano la mente di tutti. Mi pare che l'uno guardil'altro in modo bizzarro e che già appaia lo spettro della fame. Finoracibo e bevanda non ci sono mancati; ma ormai la razione d'acquadovrà essere necessariamente diminuita, e quanto alla razione di

 biscotto!...A un certo punto, mi sono accostato al crocchio di marinai sdraiati

a prua, e ho sentito Flaypol dire con tono ironico: — Quelli che debbono morire, farebbero bene a morire subito. — Sì, — risponde Owen. — Almeno lascerebbero la loro parte

agli altri!La giornata è trascorsa nella generale prostrazione. Ognuno ha

ricevuto la sua mezza libbra di biscotto. Gli uni l'hanno divorataimmediatamente con una specie di rabbia, gli altri con economia

 prudente. Mi sembra che l'ingegner Falsten abbia diviso la suarazione in tante parti quanti sono i pasti che egli è solito fare ognigiorno.

Se uno solo deve sopravvivere, costui sarà Falsten.

Page 129: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 129/199

C  APITOLO XXXVII

DAL 23 AL 30 DICEMBRE.  — Dopo la tempesta, il vento è passato anord-ovest e si mantiene a brezza tesa. Bisogna approfittarne, poiché

tende a ravvicinarci a terra. L'albero, rialberato da Daoulas, è statosaldamente stabilito, vi è stata saldamente alzata la vela e la zatteracammina con il vento in poppa in ragione di due miglia o due migliae mezzo all'ora. Ci si è anche preoccupati di allestire un remo a bratto con una pertica e con una larga tavola; bene o male serve a qualcosa;ma, data la velocità che il vento imprime alla zattera, non occorre ungrande sforzo per guidarla.

Anche la piattaforma viene riparata con cunei e cavi cheravvicinano la tavole disgiunte. Le tavole di murata a dritta portatevia dall'onda sono sostituite e ci mettono al riparo dal mare. In una

 parola, tutto quanto è possibile fare per rinforzare questo insieme di

alberi e di pennoni è stato fatto. Ma il pericolo maggiore non è là.Con il cielo limpido è tornato il caldo tropicale che ci ha tantofatto soffrire nei giorni scorsi. Oggi è fortunatamente temperato dalla

 brezza, ed essendo stata ricollocata la tenda a poppa della zattera, vicerchiamo ricovero a turno.

Tuttavia la scarsezza del cibo comincia a farsi sentire piùseriamente. Si soffre la fame in maniera visibile. Le guance siincavano, i volti si assottigliano; nella maggior parte di noi il sistemanervoso centrale è offeso direttamente; e la contrazione dellostomaco provoca una sensazione dolorosa. Se per ingannare la fame,

 per addormentarla, avessimo qualche narcotico, oppio o tabacco,

forse sarebbe più tollerabile, ma ci manca tutto!Uno solo di noi sfugge a tale bisogno imperioso. È il secondo

ufficiale Walter, il quale, sempre in preda a una febbre violenta, ènutrito da questa, ma una sete ardente lo tortura. La signorinaHerbey, pur serbando per il malato una parte della propria razione, haottenuto dal capitano un supplemento d'acqua, ed ogni quarto d'ora

 bagna le labbra del secondo ufficiale. Walter può a malapena proferir parola e ringrazia con lo sguardo la caritatevole giovane. Povero

Page 130: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 130/199

figliolo! è condannato e le cure più assidue non varranno a salvarlo.Almeno non avrà da soffrire un pezzo!

Del resto oggi sembra che egli abbia coscienza delle suecondizioni, perché mi chiama con un cenno. Vado a sedermi vicino alui; egli raduna allora tutte le forze per parlare, e con parole rotte midice:

 — Signor Kazallon, ne avrò per molto?

Per quanto breve sia la mia esitazione nel rispondere, Walter lanota, e soggiunge: — La verità, tutta la verità. — Io non sono medico, e non saprei... — Non importa! Rispondetemi, ve ne prego!...Guardo a lungo l'ammalato, poi appoggio l'orecchio contro il suo

 petto. Da qualche giorno la tisi ha fatto in lui terribili progressi. Èchiaro che uno dei polmoni non funziona più e che l'altro può appena

 bastare ai bisogni della respirazione. Walter è in preda ad una febbreche deve essere indizio di prossima fine nelle affezioni tubercolari.

Che cosa posso rispondere alla domanda del secondo ufficiale?

Il suo sguardo è così interrogativo, che non so cosa fare e cercoqualche risposta evasiva.

 — Amico mio, — gli dico, — nessuno di noi nella condizione incui siamo, può aver molto da vivere! Chi sa, se fra otto giorni tuttiquelli che sono portati dalla zattera...

 — Fra otto giorni!... — mormora il secondo ufficiale fissandosopra di me lo sguardo ardente.

Poi volta la testa e sembra assopirsi.Il 24, il 25, il 26 dicembre, nessun mutamento è avvenuto nella

nostra situazione. Per quanto la cosa sembri improbabile, noi ciavvezziamo a non morire di fame. I racconti di naufraghi hanno

spesso accertato fatti che concordano con quelli che noto qui.Leggendoli li trovavo esagerati: non lo erano; e vedo bene che lamancanza di cibo può essere sopportata più a lungo di quantocredessi. D'altra parte, alla nostra mezza libbra di biscotto, il capitanoha creduto di dover aggiungere qualche goccia d'acquavite, e questadieta sostiene le nostre forze più di quel che si potrebbe immaginare.Oh! se per due mesi, per un mese avessimo assicurata una razione

Page 131: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 131/199

simile! Ma la provvista si consuma; ognuno può già prevedere ilmomento in cui questa povera alimentazione ci mancherà del tutto.

Bisogna dunque ad ogni costo domandare al mare un supplementodi cibo, e ciò ora è molto difficile; pure il carpentiere ed il nostromofabbricano nuove lenze con del cavo  piano e le armano di chiodistrappati alle tavole della piattaforma.

Quando questi arnesi sono finiti, il nostromo sembra abbastanza

soddisfatto dell'opera sua. — Non sono gli ami migliori questi chiodi, — mi dice, — mainfine potrebbero agguantare un pesce quanto gli altri, se nonmancasse l'esca! Non abbiamo che biscotto, e questo non può tenere.Preso il primo pesce, si potrebbero innescare le lenze con la suacarne viva; ma qui sta il difficile: pigliare il primo pesce!

Il nostromo ha ragione ed è probabile che la pesca saràinfruttuosa. Ciononostante, tenta e le lenze vengono gettate, ma,come era prevedibile, nessun pesce abbocca; è del resto evidente chein questi mari il pesce è scarso.

 Nelle giornate del 28 e del 29, i nostri tentativi sono continuati

invano. I pezzi di biscotto, coi quali le lenze sono innescate, sidissolvono nell'acqua; bisogna rinunciarvi. D'altra parte è consumareinutilmente questa sostanza che forma il nostro unico cibo, e di cuisiamo già ridotti a contare le briciole.

Il nostromo, non sapendo a che santo votarsi, pensa allora diattaccare un pezzo di stoffa al chiodo delle lenze. La signorinaHerbey gli dà un pezzo dello scialle rosso che l'avvolge: chissà sequesto cencio brillando sotto acqua attirerà qualche pesce vorace?

Il nuovo tentativo è fatto nella giornata del 30. Per molte ore lelenze sono buttate ed estratte, ma il cencio rosso è sempre intatto.

Il nostromo è del tutto scoraggiato. È un'altra esperienza che

fallisce. Cosa non daremmo per prendere un primo pesce che permetterebbe di pescarne degli altri!

 — Vi sarebbe ancora un mezzo per innescare le lenze, — mi diceil nostromo a bassa voce.

 — Quale? — domando io. — Lo saprete più tardi! — mi risponde il nostromo guardandomi

in modo strano.

Page 132: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 132/199

Che significano queste parole da parte d'un uomo che mi è sempresembrato riservato? Ci ho pensato tutta la notte.

C  APITOLO XXXVIII

DAL 1° AL 5 GENNAIO.  — Sono passati più di tre mesi da quandoabbiamo lasciato Charleston sul Chancellor, e 20 giorni che siamotrasportati dalla zattera alla mercé dei venti e delle correnti! Ci siamospinti ad ovest verso la costa americana, oppure la tempesta ci hagettati al largo da ogni terra? Non è nemmeno più possibile accertarela cosa. Durante l'ultimo uragano, che è stato così funesto, glistrumenti del capitano sono stati spezzati nonostante tutte le

 precauzioni prese. Robert Kurtis non ha più né bussola per rilevare larotta  seguita, né sestante per prendere l'altezza. Siamo vicini a unacosta, o ne siamo distanti centinaia di miglia? Non si può saperlo, maè giusto temere, che, avendo avuto tutti gli elementi contrari, nesiamo lontanissimi.

In questa ignoranza assoluta della nostra situazione vi è qualchecosa di disperante senza dubbio; ma siccome la speranza nonabbandona mai il cuore dell'uomo, spesso ci induciamo a credere,contro ogni ragione, che la costa sia vicina. Perciò ognuno guardal'orizzonte e cerca di rilevare su quella linea così netta qualche cosache assomigli a terra. Gli occhi di noi passeggeri c'ingannano

continuamente a questo riguardo, e rendono più dolorosa la nostraillusione. Crediamo di vedere... e non c'è nulla! È una nuvola, dellanebbia, un'onda più elevata del mare lungo.

 Non si scorge alcuna terra, nessuna nave si disegna su quel perimetro grigio in cui cielo e mare si confondono. La zattera èsempre il centro di una circonferenza deserta.

Il primo gennaio abbiamo mangiato il nostro ultimo biscotto, omeglio, le nostre ultime briciole di biscotto. Il primo gennaio! Quali

Page 133: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 133/199

ricordi ci richiama questo giorno! e per confronto come ci sembradoloroso! L'anno nuovo, i voti che questo Capodanno suggerisce, letenerezze della famiglia, le speranze di cui empie il cuore, nulla ditutto ciò è fatto per noi. Le parole «Vi auguro un buon anno», che sidicono solo sorridendo, chi di noi oserebbe pronunciarle? Chi di noioserebbe sperare un giorno solo per se stesso?

Eppure il nostromo mi si è accostato, e guardandomi in modo

strano, mi ha detto: — Signor Kazallon, ve lo auguro lieto... — L'anno nuovo? — No, il giorno che incomincia, ed è già una bella faccia tosta la

mia, perché non vi è più nulla da mangiare sulla zattera!Più nulla, lo sappiamo, eppure il giorno seguente, quando viene

l'ora della distribuzione quotidiana, questo fatto ci colpisce come sefosse inatteso; non possiamo credere a questa totale privazione.

Verso sera provo stiramenti di stomaco violentissimi. Essi mihanno causato sbadigli dolorosi; si sono in parte calmati due oredopo.

Il giorno successivo, 3, sono molto meravigliato di non soffrire più. Sento in me un vuoto immenso, ma questa sensazione è per lomeno tanto morale quanto fisica. La testa, pesante e male equilibrata,mi sembra vacilli sulle spalle. Provo le vertigini che dà un abissoquando uno vi si affaccia.

Ma tali sintomi non sono comuni a tutti. Alcuni dei mieicompagni soffrono già terribilmente. Fra gli altri il carpentiere, e ilnostromo, che sono grandi mangiatori per natura. Le torturestrappano loro grida involontarie: essi sono obbligati a stringersi ifianchi con una corda. E non siamo che al secondo giorno!

Ah! la mezza libbra di biscotto, la magra razione che ci sembrava

tanto insufficiente alcuni giorni or sono! Come il nostro desiderio laingrossa! Come ci pare enorme ora che non abbiamo più nulla! Quel

 pezzo di biscotto, se ce lo distribuissero ancora, anche mezzo, ancheun quarto soltanto, ci darebbe la vita per molti giorni! Non lomangeremmo che a briciola a briciola!

In una città assediata, ridotta alla massima carestia, si può ancora,nei rigagnoli, nei cantucci, nelle spazzature, trovare qualche osso

Page 134: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 134/199

Page 135: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 135/199

 — Morte al capitano! — urla Owen.Quel miserabile incita i suoi complici con i gesti, ma Robert

Kurtis, tenendo in disparte il drappello ubriaco, va dritto contro di luie domanda:

 — Che cosa vuoi? — Non più comandanti sulla zattera — risponde Owen. — Tutti

eguali qui!

Bestione imbecille! Come se non fossimo tutti eguali dinanzi allamiseria! — Owen, -— dice un'altra volta il capitano, — giù le armi! — Coraggio voi altri! — grida Owen.S'impegna una lotta. Owen e Wilson si buttano addosso a Robert

Kurtis, il quale para i colpi con un pezzo di pertica, mentre Burke eFlaypol si avventano contro Falsten e contro il nostromo. Io ho difronte a me il negro Jynxtrop, il quale, brandendo una accetta, cercadi colpirmi. Mi provo a stringerlo fra le braccia per paralizzare i suoimovimenti, ma la forza muscolare di quel briccone è superiore allamia. Dopo aver lottato alcuni istanti, sento che sto per soccombere,

quando d'un tratto Jynxtrop rotola sulla piattaforma trascinandomicon lui. È André Letourneur, il quale lo ha afferrato per una gamba elo ha buttato giù.

Questo intervento mi ha salvato. Il negro cadendo ha abbandonatola sua arma, di cui m'impadronisco; sto per spezzargli il cranio... Lamano di André mi trattiene a mia volta.

Infatti i ribelli sono allora respinti a prua della zattera. RobertKurtis, dopo aver parato i colpi che gli dirige contro Owen, haafferrato una scure e, sollevando il braccio, vibra un colpo.

Ma Owen si getta da parte e la scure colpisce Wilson in pieno petto. Il miserabile cade all'indietro fuori della zattera, e scompare.

 — Salvatelo, salvatelo! — grida il nostromo. — È morto! — risponde Daoulas. — Appunto per questo!... — esclama il nostromo senza finire la

frase. Ma la morte di Wilson mette fine alla lotta. Flaypol e Burke,all'ultimo stadio dell'ubriachezza, sono coricati, immobili, e noi ci

 precipitiamo addosso a Jynxtrop, che viene legato solidamente al piede dell'albero.

Page 136: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 136/199

Quanto a Owen, è stato ridotto all'impotenza dal carpentiere e dalnostromo. Robert Kurtis allora gli si avvicina e gli dice:

 — Prega Dio, perché stai per morire. — Avete dunque ben voglia di mangiarmi! — risponde Owen con

una insolenza che non ha uguali.Quest'atroce risposta gli salva la vita. Robert Kurtis getta via la

scure che aveva già levata su Owen e, pallidissimo, va a sedersi a

 poppa della zattera.

Page 137: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 137/199

C  APITOLO XXXIX

5 E 6 GENNAIO.   — Questa scena ci ha profondamenteimpressionati. La risposta di Owen, date le circostanze, è fatta per

abbattere i più energici.Appena il mio animo ha ripreso un po' di calma, ho ringraziatovivamente il giovane Letourneur, il cui intervento mi ha salvato lavita.

 — Mi ringraziate, — risponde, — quando dovreste forsemaledirmi!

 — Maledirvi, André! — Signor Kazallon, non ho fatto che prolungare le vostre miserie! — Non importa, signor Letourneur, — dice allora la signorina

Herbey che si è avvicinata; — avete fatto il vostro dovere.Sempre il sentimento del dovere che sorregge questa fanciulla!

Ella è smagrita per gli stenti. Le sue vesti stinte per l'umidità, laceratedagli urti, le pendono addosso dandole un aspetto miserabile, ma nonun gemito esce dalla sua bocca: ella non si lascerà abbattere.

 — Signor Kazallon, — mi domanda, — dobbiamo morire difame?

 — Sì, signorina Herbey, — ho risposto quasi duramente. — Quanto tempo si può vivere senza mangiare? — Più di quello che si creda! Forse lunghi, interminabili giorni! — Le persone robuste soffrono di più, non è vero? — insiste ella. — Sì, ma muoiono più presto. È una specie di compenso!Come ho potuto rispondere così alla fanciulla? Come! Non sono

riuscito a trovare una parola di speranza da dirle! Le ho gettato infaccia brutalmente la verità. Ogni sentimento d'umanità si è dunquespento in me? André Letourneur e suo padre, che mi ascoltano, miguardano più volte con i loro grandi occhi limpidi dilatati dalla fame;si domandano se sono proprio io che parlo così.

Alcuni istanti dopo, quando siamo soli, la signorina Herbey midice a bassa voce:

 — Signor Kazallon, volete farmi un favore?

Page 138: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 138/199

Page 139: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 139/199

quanto il povero padre deve soffrire! — Signore, — dico prendendogli la mano, — non disperiamo.

Qualche nave... — Signore, — riprende il padre interrompendomi, — non vengo a

domandarvi consolazioni banali. Non passerà alcuna nave, lo sapete bene. No... si tratta d'altro. Da quanto tempo mio figlio, voi stesso egli altri non avete mangiato?

A questa domanda, che mi sbalordisce, rispondo: — Il biscotto è venuto a mancare il 2 gennaio. Siamo al 6gennaio; dunque sono quattro giorni che...

 — Che non avete mangiato! — risponde il signor Letourneur. —Ebbene, io non mangio da otto giorni.

 — Da otto giorni? — Già! Ho fatto economia per mio figlio!A queste parole mi sfuggono lacrime dagli occhi. Afferro le mani

del signor Letourneur... Posso appena parlare. Lo guardo!... Ottogiorni!

 — Signore! — gli chiedo alla fine. — Che volete da me?

 — Zitto, zitto, abbassate la voce, che nessuno ci oda. — Ma parlate! — Voglio... — dice, abbassando la voce, — desidero... che voi

offriate ad André... — Ma non potete farlo voi stesso? — No! No! crederebbe che mi sono privato per lui. Rifiuterebbe.

Bisogna che la cosa venga da voi. — Signor Letourneur!... — Per pietà! Fatemi questo favore, il maggiore che possa

chiedervi. D'altra parte... per il vostro disturbo...Così dicendo il signor Letourneur mi prende la mano e me la

accarezza. — Per il vostro disturbo... si, ne mangerete... un poco!...Povero padre! Nell'udirlo tremo come un fanciullo. Mi sento

fremere, il cuore mi batte convulsamente! Nel medesimo temposento che il signor Letourneur mi mette in mano un pezzetto di

 biscotto. — Badate bene che non vi vedano, — mi dice. — I mostri!... vi

Page 140: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 140/199

assassinerebbero! Non ve n'è che per un giorno... ma domani... viconsegnerò altrettanto.

Il disgraziato diffida di me! E forse ha ragione, perché quando misento fra le mani quel pezzetto di pane, sono tentato di portarlo alla

 bocca.Ho resistito, e chi legge comprenda quanto la penna non sa

esprimere. È venuta la notte con quella rapidità che è propria delle

 basse latitudini. Scivolo accanto ad André Letourneur, e gli do il pezzetto di biscotto come un mio dono.Il giovanotto vi si getta sopra; poi dice:

 — E mio padre?Gli rispondo che il signor Letourneur ha avuto la sua parte... io la

mia... che domani... i giorni successivi, potrò senza dubbio darglieneancora... che prenda!... che prenda!...

André non mi ha domandato d'onde mi provenisse il biscotto el'ha portato avidamente alle labbra.

E quella sera, nonostante l'offerta del signor Letourneur, io non homangiato nulla... nulla!

Page 141: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 141/199

Page 142: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 142/199

gemere, anzi esagerando i suoi gemiti, non vi ha preso parte. A sentirlui, muore d'inedia, eppure a vederlo lo si direbbe esente dallecomuni torture. Questo ipocrita ha forse una provvista segreta a cuiattinge ancora? L'ho sorvegliato, ma non ho scoperto nulla.

Il caldo è sempre intenso e quasi insopportabile, quando la brezzanon lo tempera. La razione d'acqua è certamente insufficiente, ma lafame uccide in noi la sete, e quando penso che la mancanza d'acqua

ci farebbe soffrire più ancora che la mancanza di nutrimento, non posso crederlo o almeno immaginarlo in questo momento. Purequesta osservazione è stata fatta spesso. Che Dio non voglia ridurci aquesto ulteriore estremo!

Per buona sorte rimangono alcune pinte dell'acqua contenuta nella botticella che si è spezzata a metà durante l'uragano, e la seconda botticella è ancora intatta. Benché siamo diminuiti di numero, ilcapitano ha ridotto, nonostante alcuni reclami, la razione quotidiana amezza pinta15 per ciascuno. Approvo questa sua decisione.

Quanto all'acquavite ne rimane solo un quarto di gallone, che èstato posto in luogo sicuro a poppa della zattera.

Oggi, 7, verso le sette e mezzo pomeridiane, uno di noi ha cessatodi vivere. Siamo ormai solo quattordici! Il secondo ufficiale Walter èspirato fra le mie braccia, e né le cure della signorina Herbey né lemie hanno potuto far nulla... egli ha cessato di soffrire!

Alcuni istanti prima di morire, Walter ha ringraziato la signorinaHerbey e me con una voce che a malapena potevamo udire:

 — Signore, — ha detto lasciando cadere dalla mano tremante unalettera stropicciata, — questa lettera... di mia madre... non ho laforza... è l'ultima che ho ricevuto... Mi dice: «Ti aspetto, figlio mio,voglio rivederti!». No, mamma, non mi rivedrai più! Signore, questalettera, mettetemela... sulle labbra... così... che io muoia baciandola...

mamma mia... mio Dio!...Ho rimesso la lettera del secondo ufficiale Walter nella sua mano

già fredda e l'ho posata sulle sue labbra. Il suo sguardo si è animatoun istante, abbiamo udito come il lieve rumore di un bacio.

Il secondo ufficiale Walter è morto! Dio abbia l'anima sua!

15 23 centilitri. (N.d.A.) 

Page 143: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 143/199

 

Page 144: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 144/199

C  APITOLO XLI

8 GENNAIO.  — Tutta notte sono rimasto vicino al corpo deldisgraziato, e più volte la signorina Herbey è venuta a pregare per il

morto.All'alba il cadavere è completamente freddo. Io ho fretta, si, frettadi gettarlo in mare, e domando a Robert Kurtis che mi aiuti nellatriste operazione. Quando il corpo sarà avvolto nei suoi poveri abiti,lo getteremo in acqua, e, per la sua estrema magrezza, spero che nongalleggerà.

All'alba Robert Kurtis ed io, preoccupandoci di non essere veduti,togliamo dalle tasche del secondo ufficiale alcuni oggetti che sarannoconsegnati a sua madre, se mai uno di noi sopravviverà.

Al momento di sistemare sul cadavere gli abiti, che devonoservirgli da sudario, io non posso trattenere un gesto d'orrore.

Il piede destro non c'è più, la gamba non è più che un monconesanguinoso!Chi ha commesso questa profanazione? Dunque ho soggiaciuto

alla stanchezza della notte, e si è approfittato del mio sonno permutilare il cadavere! Ma chi ha fatto ciò?

Robert Kurtis si guarda intorno e i suoi sguardi sono terribili. Matutto a bordo è nello stato solito, e il silenzio è interrotto solo daqualche gemito. Forse siamo spiati! Affrettiamoci a gettare questi

 poveri resti in mare per evitare scene più orribili!Dunque, dopo aver pronunciato alcune preghiere, lanciamo nei

flutti il cadavere, che affonda immediatamente.

 — Fulmini del cielo! Li nutriamo bene i pescecani! Chi ha parlatocosì? Mi volto; è il negro Jynxtrop. Il nostromo mi sta vicino in quelmomento.

 — Quel piede, — gli dico io, — credete che questi disgraziati?... — Il piede?... Ah! si! — mi risponde il nostromo con un curioso

tono di voce. — D'altra parte, era il loro diritto! — Il loro diritto! — ho gridato. — Signore, — mi dice il nostromo, — è meglio mangiare un

Page 145: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 145/199

morto che un vivo!A questa risposta, fatta freddamente, non so che ribattere, e vado a

sdraiarmi a poppa della zattera.Verso le undici, è avvenuto un incidente lieto. Il nostromo, che ha

gettato dal mattino le lenze, ha avuto un risultato questa volta. Tre pesci abboccano. Sono tre gadi molto grossi, lunghi ottantacentimetri, appartenenti a quella specie che, disseccata, è conosciuta

col nome di «stoccafisso».Appena il nostromo ha alato a bordo i tre pesci, i marinai vi si buttano sopra. Il capitano Kurtis, Falsten ed io ci lanciamo pertrattenerli, e l'ordine è subito ristabilito. Sono pochi tre gadi perquattordici persone, ma infine ognuno ne ha la sua parte. Gli uni, esono la maggioranza, divorano i pesci crudi, si può quasi dire vivi.Robert Kurtis, André Letourneur e la signorina Herbey hanno laforza di aspettare. Accendono in un angolo della zattera alcuni pezzidi legno e fanno abbrustolire la loro porzione. Quanto a me, non hoavuto tale coraggio, ed ho mangiato la carne sanguinolenta!

Il signor Letourneur non è stato più paziente di me e di tanti altri.

Si è gettato come un lupo affamato sulla sua porzione di pesce. Queldisgraziato, che non ha mangiato da tanto tempo, come può vivereancora? Non posso comprenderlo.

Ho detto che la gioia del nostromo è stata grande, quando haritratto le lenze, e questa gioia è andata fino al delirio. È certo che sela pesca riesce ancora, può salvarci da una morte orribile.

Vado dunque a parlare con il nostromo, e lo incoraggio arinnovare il tentativo.

 — Sì... sì... senza dubbio, — mi dice, — ricomincerò...ricomincerò...

 — E perché non gettate le lenze? — ho domandato.

 — Non ora! — mi risponde in modo evasivo. — La notte è piùfavorevole del giorno per il pesce grosso, e bisogna risparmiare lenostre esche. Da quegli stupidi che noi siamo, non abbiamoconservato nemmeno qualche briciola per innescare le lenze!

È vero, e la cosa è forse irrimediabile. — Pure, — gli dico, — se siete riuscito una volta senza esca... — Ne avevo.

Page 146: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 146/199

 — Una buona? — Ottima, signore, dato che i pesci hanno abboccato! Guardo il

nostromo, il quale mi guarda a sua volta. — Vi rimane ancora di che innescare le lenze? — ho chiesto. — Sì, — risponde il nostromo a bassa voce e mi lascia senza

aggiungere parola.Frattanto il magro cibo ci ha ridato un po' di forza, e con la forza

un po' di coraggio. Parliamo della pesca del nostromo, e ci pareimpossibile che non riesca una seconda volta. La sorte sistancherebbe finalmente di tormentarci? . .

Una prova incontrastabile delle migliori condizioni dei nostri statid animo, è che torniamo a parlare del passato. Il nostro pensiero nonè unicamente fisso su questo spaventoso presente né sull'avvenireche ci minaccia. I signori Letourneur, Faìsten, il capitano ed io ciricordiamo dei fatti avvenuti, dal nostro naufragio in poi. Ricordiamoi compagni scomparsi, i particolari dell'incendio, l'arenamento dellanave, lo scoglio di Ham-Rock, la falla, la terribile navigazione sullecoffe, la zattera, la tempesta, tutti gli incidenti che sembrano ora

tanto lontani. Sì! Tutto ciò è passato, e noi viviamo ancora!Viviamo! Forse che si può chiamar vita la nostra? Di ventotto,

non siamo più che quattordici, e fra poco saremo forse solo tredici! — Brutto numero, — dice il giovane Letourneur, — ma

stenteremo credo, a trovare un quattordicesimo! Nella notte fra l'8 e il 9, il nostromo ha gettato di nuovo le lenze a

 poppa della zattera, ed è rimasto personalmente a sorvegliare senzavolerne affidare la cura a nessuno.

La mattina gli vado vicino. Sorge appena il giorno, e con occhiardenti, il nostromo cerca di scandagliare l'oscurità delle acque. Nonmi ha veduto, non mi ha neppure udito venire.

Gli tocco lievemente la spalla. Egli si volta verso di me. — Ebbene, nostromo? — Ebbene, quei maledetti pescecani hanno divorato le mie esche,

 — risponde con voce sorda. — Non ve ne rimane più? — No! E sapete che cosa prova questo, signore? — aggiunge

serrandomi un braccio. — Prova, che non bisogna fare le cose a

Page 147: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 147/199

mezzo.Io gli metto una mano sulla bocca! Ho compreso!... Povero

Walter!

C  APITOLO XLII

DAL 9 AL 10 GENNAIO.  — Oggi siamo ripresi dalla calma. Il sole èardente, la brezza è caduta completamente, non un segno solca lelunghe ondulazioni del mare che si solleva insensibilmente. Se nonesiste qualche corrente di cui ci è impossibile accertare la direzione,la zattera deve essere assolutamente ferma.

Ho detto che oggi il calore è intollerabile. La nostra sete è perciòancora più insoffribile. L'insufficienza d'acqua ci fa soffrire

crudelmente per la prima volta; prevedo che apporterà torture piùinsopportabili di quelle della fame. Già la bocca, la gola, la faringedella maggior parte di noi sono contratte per la siccità, e le mucose siinaridiscono sotto quest'aria calda che respiriamo.

Alla mia domanda, il capitano ha modificato per questa volta ilsolito regime. Accorda una doppia razione d'acqua, e abbiamo potutodissetarci alla meglio quattro volte nella giornata. Dico «alla meglio»

 perché l'acqua, conservata in fondo alla botticella, benché copertad'una tela, è veramente tiepida.

Insomma, la giornata è cattiva; i marinai, vinti dalla fame, siabbandonano di nuovo alla disperazione.

La brezza non si è nemmeno levata con la luna, che è quasi piena;tuttavia siccome le notti dei tropici sono fresche, troviamo qualchesollievo; ma durante il giorno la temperatura è intollerabile, e

 bisogna ammettere di fronte a un aumento così costante, che lazattera è stata trascinata molto verso sud.

Quanto alla terra, non si pensa nemmeno più di scorgerne una.Sembra che il globo terrestre non sia più che una sfera liquida.Sempre e dappertutto l'oceano infinito!

Page 148: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 148/199

Il 10, stessa calma, stessa temperatura. È una pioggia di fuoco checi versa il cielo, è aria infiammata quella che respiriamo. Il nostrodesiderio di bere è infinito e ci fa perfino dimenticare i tormenti dellafame, aspettando con furente desiderio il momento in cui RobertKurtis distribuisce le poche gocce di acqua per nostra razione. Ah!

 potessimo bere a sazietà una volta, e poi morire!In questo momento, è mezzogiorno, uno dei nostri compagni

viene preso da dolori acuti che gli strappano delle grida. È ilmiserabile Owen, il quale, coricato a  prora, si contorce in atrociconvulsioni.

Mi trascino accanto a Owen: qualunque sia stata la sua condotta,l'umanità impone di vedere se è possibile dargli qualche sollievo.

Ma ecco che il marinaio Flaypol lancia un grido. Mi volto.Flaypol è in piedi, arrampicato sui sostegni dell'albero, e le sue

mani indicano a est verso un punto dell'orizzonte. — Una nave! — grida.Balziamo tutti in piedi. Un silenzio assoluto regna sulla zattera;

Owen, trattenendo le grida, si alza come gli altri.

 Nella direzione indicata da Flaypol, appare infatti un punto bianco. Ma si muove questo punto? È una vela? Che ne pensano imarinai la cui vista è tanto penetrante?

Osservo Robert Kurtis, il quale, con le braccia incrociate, esaminail punto bianco. Le sue guance sono sporgenti, tutte le parti del suovolto sono tese per la contrazione delle orbite. Ha le sopraccigliacorrugate, gli occhi socchiusi, e mette nel suo sguardo tutta la

 potenza visiva di cui è capace. Se quel punto bianco è una vela, eglinon s'ingannerà.

Ma crolla la testa e lascia ricadere le braccia.Guardo. Il punto bianco non si vede più. Non è una nave, è un

riflesso qualunque, la cresta d'un'onda che si è rotta, o se pure è unanave, la nave è scomparsa!

Da quanto scoramento è seguita questa breve speranza! Abbiamoripreso tutti il nostro posto solito. Robert Kurtis rimane immobile,ma non scruta più l'orizzonte.

Allora le grida di Owen ricominciano con maggior violenza. Tuttoil suo corpo è contratto da dolori orrendi, ed ha un aspetto veramente

Page 149: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 149/199

spaventoso. La sua gola è soffocata da una contrazione spasmodica;la lingua è secca, il ventre gonfio, il polso è debole, frequente,irregolare. Il disgraziato è in preda a violente convulsioni ed anche ascosse di tetano. A questi sintomi non è possibile rimanere in dubbio.Owen è stato avvelenato da ossido di rame.

 Non abbiamo le medicine necessarie per neutralizzare gli effetti diquesto veleno. In ogni caso si può provocare vomito per liberare lo

stomaco di Owen da quello che contiene e l'acqua tiepida deve daretale risultato; chiedo a Robert Kurtis un po' d'acqua. Il capitanoacconsente, ma essendo il liquido della prima botticella terminato,sto per attingere dalla seconda, che è ancora intatta, quando Owen sirizza sulle ginocchia, e con voce che non ha più nulla di umano,grida:

 — No! no! no!Perché no? Torno accanto a Owen, e gli spiego quello che voglio

fare. E più energicamente mi risponde che non vuol bere diquell'acqua.

Cerco allora di provocare il vomito del disgraziato titillandogli

l'ugola, e poco dopo egli vomita della materia azzurrognola. È fintroppo certo che Owen è stato avvelenato con del solfato di rame, delvetriolo; qualunque cosa si faccia, è perduto!

Ma come s'è avvelenato? Il vomito gli ha dato qualche sollievo; può finalmente parlare. Il capitano ed io lo interroghiamo.

 Non vi starò a descrivere l'impressione che fa sopra di noi larisposta del disgraziato!

Owen, spinto da una sete atroce, ha rubato alcune pinte di acquadalla botticella intatta!... Quell'acqua è avvelenata!

Page 150: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 150/199

C  APITOLO XLIII

DALL'I  1 AL 14 GENNAIO.  — Owen è morto durante la notte, in preda a contrazioni tetaniche che hanno raggiunto un'eccezionale

violenza.È fin troppo vero! La botticella avvelenata ha contenuto delsolfato di rame. È un fatto evidente; ora per quale fatalità questa

 botticella è stata convertita in un recipiente d'acqua, e per quale piùdeplorevole fatalità è stata presa per imbarcarla sulla zattera? Pocoimporta: quello che è certo è che non abbiamo più acqua.

Il corpo di Owen ha dovuto essere gettato a mare, perché si èimmediatamente putrefatto. Il nostromo non avrebbe nemméno

 potuto innescare le lenze con quelle carni che non avevano piùalcuna consistenza. La morte del miserabile non ci sarà nemmenostata utile!

Siamo tutti a conoscenza di quale sia lo stato delle cose, erimaniamo silenziosi. Che potremmo dire? D'altra parte il suonodelle nostre voci ci riesce penosissimo. Divenuti irritabili, è meglioche non parliamo più, perché la minima parola, uno sguardo, ungesto possono provocare impeti di collera impossibili a trattenere.

 Non comprendo come non siamo ancora impazziti!Il 12 gennaio non abbiamo ricevuto nessuna razione d'acqua,

 poiché l'ultima goccia era stata consumata il giorno prima. Non vi èuna nuvola in cielo che indichi pioggia, ed un termometrosegnerebbe 104 gradi all'ombra,16 se ci fosse ombra sulla zattera.

Il 13, identico stato di cose. L'acqua di mare incomincia a

rosicchiarmi i piedi fino alla carne, ma non ci bado quasi. Quanto acoloro che erano afflitti da questo male, non hanno peggiorato.

Ah! Quest'acqua che ci circonda, quando penso che facendolaevaporare o solidificare sarebbe bevibile! Ridotta in vapore o inghiaccio non conterrebbe una molecola di sale e sarebbe bevibile!

16  Si tratta del termometro Farenheit, 104 gradi del quale corrispondono a 44centigradi. (N.d.A) 

Page 151: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 151/199

Ma mancano gli apparecchi e non possiamo fabbricarli.Oggi, a rischio di essere divorati dai pescicani, il nostromo e due

marinai hanno fatto un bagno; il bagno dà loro qualche sollievo e lirinfresca alquanto. Tre dei nostri compagni ed io, che sappiamonuotare appena, ci siamo tuffati tenendoci ad un cavo e siamo rimastiuna mezz'ora nell'acqua. Frattanto Robert Kurtis teneva d'occhio leonde; per fortuna non si è avvicinato alcun pescecane. Nonostante le

nostre istanze e le sue sofferenze, la signorina Herbey non ha volutoseguire il nostro esempio.Il 14, verso le undici del mattino, il capitano si avvicina a me e mi

dice all'orecchio: — Non fate un movimento che possa tradirvi, signor Kazallon.

Posso ingannarmi e non voglio dare ai miei compagni una nuovadisillusione.

Guardo Robert Kurtis. — Questa volta, — dice, — ho visto veramente una nave!Il capitano ha fatto bene ad avvertirmi, perché non sarei stato

 padrone del mio primo movimento.

 — Guardate, — aggiunge. — Là, a sinistra, di poppa!Mi alzo, mostrando un'indifferenza che non ho, e guardo

all'orizzonte nella direzione indicata da Robert Kurtis.I miei occhi non sono quelli d'un marinaio, pure in un profilo che

si distingue appena riconosco un bastimento sotto vela.Quasi contemporaneamente il nostromo, i cui sguardi erano da

qualche minuto volti da quella parte, grida: — Una nave!La presenza del bastimento segnalato non produce l'effetto che si

sarebbe aspettato; sia che non ci si voglia credere, o che le forzesiano esauste, nessuno rimane emozionato. Ma poiché il nostromo ha

ripetuto molte volte: — Una nave! una nave! — tutti gli sguardi sifissano finalmente sull'orizzonte.

Questa volta il fatto è innegabile, e noi vediamo la nave insperata!Ma essa ci vedrà?

Frattanto i marinai cercano di riconoscerne la forma e ladirezione, quest'ultima soprattutto.

Robert Kurtis, dopo aver osservato con maggior cura, dice:

Page 152: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 152/199

 — Quella nave è un brigantino che avanza di bolina stretta, mure a dritta. Se continua per due ore in questa direzione, taglieràcertamente la nostra rotta.

Due ore, due secoli! Ma la direzione del bastimento può variare daun momento all'altro, tanto più che sotto l'andatura di bolina stretta è

 possibile che si limiti a fare dei bordi per risalire al vento. Se è così,terminata la manovra, metterà mure a sinistra e si allontanerà. Ah, se

camminasse con il vento in poppa o con vele  al gran lasco17

, potremmo sperare!Bisogna dunque farci scorgere da quella nave! Bisogna ad ogni

costo che ci veda! Robert Kurtis ordina di far tutti i segnali possibili, perché il brigantino è ancora una dozzina di miglia a est, e le nostregrida non potrebbero essere intese. Non abbiamo armi da fuoco le cuidetonazioni possano attirare l'attenzione. Alziamo dunque in testad'albero una bandiera qualsiasi. Lo scialle della signorina Herbey èrosso ed è il colore che spicca meglio sull'orizzonte del mare e delcielo.

Lo scialle della signorina Herbey viene issato, ed una breve

 brezza, che solca in quel momento la superficie delle onde, lo spiega.Ogni tanto sventola, e i nostri cuori sono pieni di speranza. Si sa conquanta energia uno che annega si aggrappa al minimo oggetto che glidia un punto d'appoggio. La bandiera è per noi quel puntod'appoggio!

In un'ora siamo passati per mille alternative. Il brigantino si èvisibilmente avvicinato alla zattera, ma a volte sembra che si arresti,e ci domandiamo se non sta per virare di bordo.

Come cammina lentamente quella nave! Eppure ha tutte le velespiegate, i velacci, le vele di straglio, ed il suo scafo è quasi visibileall'orizzonte. Ma il vento è debole... e se seguita a cadere... daremmo

anni di vita pur d'essere più vecchi di un'ora!Il nostromo ed il capitano stimano, verso mezzogiorno e mezzo,

17É l'andatura nelle diverse posizioni che un'imbarcazione a vela assume rispettoalla direzione del vento. La diversa direzione del vento rispetto all'asselongitudinale dell'imbarcazione costringe i conduttori della barca a modificare laregolazione delle vele per meglio sfruttare la spinta del vento sulle veleGran Lasco = 140-170 gradi indica la direzione del vento rispetto l'asselongitudinale della barca

Page 153: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 153/199

che il  brigantino  disti ancora nove miglia dalla zattera. Non hadunque guadagnato che tre miglia in un'ora e mezzo; è molto se la

 brezza che passa sulle nostre teste arriva fino ad esso. Mi sembra orache le sue vele non si gonfino più e pendano lungo gli alberi. Guardo,sopravvento, se si leva un po' di brezza, ma i flutti sono comeaddormentati, ed il soffio, che ci ha dato tanta speranza, muore allargo.

Mi sono posto a  poppa  vicino ai signori Letourneur e allasignorina Herbey, ed i nostri sguardi vanno senza posa dalla nave alcapitano. Robert Kurtis è immobile, a  prua, appoggiato all'albero; ilnostromo gli sta vicino ed i loro occhi non lasciano un istante il

 brigantino. Leggiamo sui loro volti, che non possono rimanereimpassibili, tutte le emozioni che provano. Non una parola viene

 pronunciata fino al momento in cui il carpentiere Daoulas esclamacon accento intraducibile:

 — Vira!Tutta la nostra esistenza in quel momento è negli occhi! Ci siamo

raddrizzati, gli uni in ginocchio, gli altri in piedi. Una bestemmia

formidabile è sfuggita dalle labbra del nostromo. La nave è ancora anove miglia da noi, ed a tanta distanza non ha potuto vedere isegnali! Quanto alla zattera, non è che un punto nello spazio,smarrito in un violento scintillio dei raggi solari. Non la si puòvedere! Non la si è veduta! Il capitano di quella nave, chiunque eglisia, se ci avesse veduti, sarebbe forse stato così disumano da fuggiresenza venirci in aiuto? No, è inammissibile! Non ci ha veduti!

 — Del fuoco! del fumo! — grida allora Robert Kurtis. —Bruciamo le tavole della zattera. Amici miei! è la nostra ultimasperanza di farci vedere!

Alcune tavole sono gettate a prua, in modo da formare una

catasta. Vengono accese non senza difficoltà, perché sono umide, maquesta umidità renderà più denso il loro fumo e perciò più visibile.Presto una colonna nerastra si eleva nell'aria. Se facesse notte, sel'oscurità giungesse prima che il  brigantino fosse scomparso, quellafiamma sarebbe visibile anche alla distanza che ci separa!

Ma passano le ore. Il fuoco si spegne!...In simili occasioni, per rassegnarsi, per sottomettersi alla volontà

Page 154: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 154/199

divina, bisogna avere un potere su se stessi che io non ho più! No! Non posso aver fiducia in questo Dio che rende le nostre proveancora più terribili mescolandovi alternative di speranze: bestemmiocome ha bestemmiato il nostromo!... Una debole mano si appoggiasu di me, e la signorina Herbey mi mostra il cielo!

Ma è troppo! Non voglio più vedere nulla, mi caccio sotto la vela,mi nascondo e mi sfuggono dal petto i singhiozzi...

Frattanto la nave ha preso altre mure, poi si allontana lentamenteverso est, e tre ore dopo gli occhi più penetranti non potrebberoavvistarne le alte vele sull'orizzonte.

Page 155: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 155/199

C  APITOLO XLIV

15 GENNAIO.   — Dopo quest'ultimo colpo non ci rimane cheaspettare la morte. Essa sarà più o meno lenta, ma verrà.

Oggi delle nubi si sono levate a ovest ed hanno portato qualchesoffio di vento. Anche la temperatura è un po' più sopportabile, enonostante il nostro stato di prostrazione ne sentiamo l'influenza. Lamia gola aspira un'aria meno asciutta, ma è da dopo la pesca delnostromo, ossia da sette giorni, che non abbiamo mangiato. Non vi è

 più nulla sulla zattera, ed io ho dato ieri ad André Letourneur l'ultimo pezzo di biscotto che suo padre aveva serbato e che mi ha consegnato piangendo.

Da ieri, il negro Jynxtrop ha potuto sbarazzarsi dei suoi legami, eRobert Kurtis non ha ordinato di legarlo ancora. A che pro, del resto?Questo miserabile ed i suoi complici sono indeboliti da un lungo

digiuno. Che potrebbero tentare ormai?Oggi compaiono molti pescecani grossissimi, e noi vediamo leloro pinne nere fendere le acque con estrema rapidità. Non possotrattenermi dal considerarli come bare viventi che inghiottiranno ben

 presto i nostri poveri resti. Essi non mi spaventano più, anzi miattirano. Si accostano fino a rasentare le sponde della zattera, ed il

 braccio di Flaypol, che pendeva al di fuori, per poco non è statoaddentato da uno dei mostri.

Il nostromo, con gli occhi fissi e spalancati, i denti stretti, visibilisotto le labbra rilevate, esamina quei pescecani da un punto di vistadiverso dal mio. Egli vuole divorarli e non esserne divorato. Se

 potesse prenderne uno, non baderebbe tanto alla durezza della suacarne, e noi nemmeno.

Il nostromo vuole tentare il colpo, e poiché non ha gancio al quale poter legare un cavo, vuole fabbricarne uno. Robert Kurtis e Daoulaslo hanno compreso e tengono consiglio, pur lanciando dei pezzi di

 pertiche o di cordame in mare per trattenere gli squali intorno allazattera.

Daoulas è andato a prendere la sua accetta da carpentiere, di cui

Page 156: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 156/199

conta fare un gancio; sia per il taglio sia per la punta dal lato oppostoè possibile che questo strumento si incastri nelle mascelle d'un

 pescecane, se esso lo inghiotte. Quanto al manico dell'accetta, che èdi legno, è fissato ad un cavo robusto assicurato a uno dei montantidella zattera.

I nostri desideri sono riacutizzati da questi preparativi; siamoansimanti d'impazienza e con tutti i mezzi possibili provochiamo

l'attenzione dei pescecani, i quali non fuggiranno più.Il gancio è pronto, ma non abbiamo nulla per innescarlo; ilnostromo, che va e viene sulla zattera parlando fra sé, fruga in tuttigli angoli e sembra cercare un cadavere fra noi...

Bisogna dunque ricorrere al mezzo già adoperato, e il ferrodell'accetta viene avvolto in un cencio di lana rossa fornito ancoradallo scialle della signorina Herbey.

Ma il nostromo non vuole agire senza che siano prese tutte le precauzioni. Il gancio è legato saldamente? L'ormeggio che lo fissaalla zattera resisterà alle scosse? Il cavo  è abbastanza solido daresistere? Il nostromo verifica questi punti importanti, e, ciò fatto,

lascia cadere il suo arnese sott'acqua.Il mare è limpido e trasparente, e si vedrebbe facilmente un

oggetto a cento piedi sotto la superficie. Vedo scendere lentamente ilgancio avvolto in quel cencio rosso, il cui colore spicca sull'azzurrodelle acque.

Passeggeri e marinai siamo tutti curvi sopra la murata in profondosilenzio; ma pare che i pescecani, dopo che è stata offerta questa escaalla loro voracità, siano a poco a poco scomparsi. Pure non possonoessersi allontanati, ed ogni preda, qualunque essa sia, che cadesse inquel luogo, sarebbe divorata in un istante!

Ad un tratto, il nostromo fa un cenno con la mano e mostra una

enorme massa che avanza verso la zattera sfiorando la superficie delmare. È un pescecane, lungo dodici piedi, che ha lasciato le acque

 profonde e nuota verso di noi in linea retta.Quando l'animale non è più che a quattro braccia dalla zattera, il

nostromo ritira la lenza lentamente in modo da portare il gancio sul passaggio del mostro, ed imprime al cencio rosso un leggeromovimento che gli dà aspetto di cosa viva.

Page 157: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 157/199

Mi sento il cuore battere forte, come se la mia vita dovesse esseregiocata su un colpo solo!

Frattanto il pescecane si avvicina, i suoi occhi iniettati splendonoalla superficie delle onde e le sue mascelle smisuratamente apertemostrano, quando si gira un po', il palato lastricato di denti aguzzi.

Si ode un grido!... Il pescecane si ferma e scompare nelle acque profonde.

Chi di noi ha lanciato quel grido, involontario senza dubbio?,In quel momento il nostromo si rialza pallido di collera. — Il primo che parla, — dice, — lo ammazzo. E si rimette

all'opera.Dopo tutto, il nostromo ha ragione!Il gancio è ridisceso, ma per una mezz'ora nessun pescecane si

mostra, ed è stato necessario immergere il congegno per ben venti braccia; pure mi sembra che a quella profondità le acque sianoagitate e che tale turbamento indichi la presenza degli squali.

Infatti, la lenza subisce improvvisamente una scossa violenta, e ilcavo sfugge dalle mani del nostromo; ma saldamente trattenuto dai

montanti della zattera non va perduto.Un pescecane ha abboccato ed è rimasto prigioniero.

 — Forza, ragazzi, forza! — grida il nostromo.Subito passeggeri e marinai ci mettiamo tutti ad alare sul cavo. Le

nostre forze sono rianimate dalla speranza, ma sono a malapenasufficienti, perché il mostro si dibatte con violenza. Aliamocoordinando i nostri sforzi, ed a poco a poco gli strati superiori delmare si agitano sotto gli energici colpi di coda e di pinne del

 pescecane. Curvandomi, vedo l'enorme corpo che si dibatte in mezzoai flutti insanguinati.

 — Forza, forza! — grida il nostromo.

Finalmente la testa del pescecane emerge. Dalle mascelle aperte,l'accetta gli è penetrata fino in fondo alla gola, dove si è aggrappatain modo che nessuna scossa può ormai liberarlo. Daoulas afferra lascure per finire il mostro appena sia a livello della piattaforma.

Ma in quel momento si ode un rumore secco. Il pescecane hachiuso violentemente le mascelle, che recidono il manicodell'accetta; poi scompare sotto i flutti.

Page 158: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 158/199

Un urlo di disperazione sfugge dai nostri petti!Il nostromo, Robert Kurtis, Daoulas hanno cercato ancora di

 prendere uno di quei pescecani, benché non abbiano più gancio néutensili per fabbricarne. Gettano cavi con nodi scorsoi, che peròscivolano sulla pelle viscida degli squali. Il nostromo arriva fino atentare di attirarli lasciando pendere la sua gamba nuda nell'acqua arischio di sentirsela mozzare da un morso-Questi inutili tentativi

cessano finalmente, e ognuno torna al suo posto per aspettare unamorte, che nulla ormai può scongiurare.Ma io non mi sono allontanato così presto da non udire il

nostromo dire a Robert Kurtis: — Capitano, in quale giorno tireremo a sorte?Robert Kurtis non ha risposto, ma la domanda è stata formulata.

Page 159: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 159/199

C  APITOLO XLV

16 GENNAIO.  — Siamo tutti sdraiati sotto le vele. L'equipaggiod'una nave che passasse vicino crederebbe di vedere un relitto

coperto di cadaveri.Io soffro orribilmente. Nello stato in cui sono le mie labbra, la mialingua, la mia gola, potrei mangiare? Non credo, eppure, i mieicompagni ed io gettiamo gli uni sugli altri sguardi selvaggi.

Il calore oggi è più forte, in quanto il cielo è burrascoso. Si alzanogrossi vapori, ma in verità mi sembra che possa piovere dappertutto,fuorché su questa zattera.

Ciononostante ognuno guarda con occhio avido le nubi, e lenostre labbra si tendono verso di esse. Il signor Letourneur, inginocchio, tende le mani supplichevoli verso il cielo spietato.

Ascolto se qualche brontolio lontano annunci un uragano. Sono le

undici del mattino, ed i vapori hanno arrestato i raggi solari. Ma giàessi non hanno più l'aspetto di fenomeno elettrico. È evidente chel'uragano non si scatenerà, perché la massa ha preso un coloreuniforme, e i suoi contorni, così nettamente tracciati all'alba, ora sisono fusi in un insieme grigiastro. Ora non si tratta più che di unanebbia.

Ma non può forse uscire la pioggia da quella nebbia? Non ne possono uscire alcune gocce almeno?

 — La pioggia! — grida d'un tratto Daoulas.Infatti, a mezzo miglio dalla zattera, il cielo è solcato da strisce

 parallele.

Piove, ed io vedo le goccioline rimbalzare alla superficiedell'oceano. Il vento, che è rinfrescato, soffia nella nostra direzione.Purché la nube non si esaurisca prima d'essere passata sul nostrocapo!

Finalmente Dio ha pietà di noi, e la pioggia cade a grosse gocce,come sono solite versarle le nubi burrascose. Ma questo acquazzonenon durerà molto, e bisogna raccogliere tutto quanto esso potrà dare,

 perché già una striscia di luce accende la nube all'orlo inferiore,

Page 160: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 160/199

sopra l'orizzonte.Robert Kurtis ha fatto predisporre la botticella rotta, in modo che

 possa contenere la maggior quantità d'acqua possibile, e vengonospiegate le vele per raccogliere la pioggia in una più ampiasuperficie.

 Noi siamo coricati supini a bocca aperta. L'acqua mi bagna il viso,le labbra, e la sento scivolare fino in gola! Ah! godimento

inesprimibile! È la vita che scende dentro di me! Le mucose dellamia gola si lubrificano a questo contatto, ed io respiro più che non bevo quest'acqua apportatrice di vita, che penetra fin nel più profondo del mio essere!

La pioggia è durata venti minuti circa, poi la nube quasi esausta siè sciolta nello spazio.

Ci siamo risollevati migliori, sì, migliori! Si scambiano strette dimano, si parla! Ci sembra d'essere salvi! Dio, nella sua misericordia,ci manderà altre nubi, le quali ci porteranno ancora l'acqua di cuisiamo stati tanto a lungo privi!

E poi, quest'acqua che è caduta sulla zattera non sarà perduta,

 perché la botticella e le vele l'hanno raccolta. Ma bisogneràconservarla preziosamente e distribuirla solo a goccia a goccia.

Infatti la botticella ha raccolto circa due o tre pinte d'acqua, e,spremendo quella che inzuppa le vele, potremo accrescere la nostra

 provvista in una certa quantità.I marinai vogliono procedere a quest'operazione, quando Robert

Kurtis li trattiene con un cenno. — Un momento! — dice. — Quest'acqua è potabile?Lo guardo. Perché mai quell'acqua, che non è altro che acqua

 piovana, non sarebbe potabile?Robert Kurtis spreme nella tazza di latta un po' dell'acqua

contenuta nelle pieghe d'una vela, poi l'assaggia, e con mia grandemeraviglia la sputa subito.

Assaggio a mia volta. Quest'acqua non solo è salmastra, è salatacome acqua di mare!

Le vele, esposte per tanto tempo all'azione delle onde, hannocomunicato all'acqua raccolta una salsedine estrema. È una disgraziairrimediabile! Ma non importa! Noi abbiamo fiducia, e, d'altra parte,

Page 161: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 161/199

rimangono alcune pinte d'acqua bevibile nella botticella! E poi, la pioggia è venuta! Ritornerà!

C  APITOLO XLVI

17 GENNAIO.  — Se la nostra sete si è calmata un istante, la fame, per conseguenza naturale, è tornata con maggior violenza. Non vi èdunque alcun mezzo, senza gancio né esca, d'impadronirci d'uno diquei pescecani che formicolano intorno alla zattera? No, a meno di

 buttarci in mare, per assalire uno dei mostri a colpi di coltello nel suo proprio elemento, come fanno gli indiani pescatori di perle. RobertKurtis ha pensato di tentare, ma noi l'abbiamo trattenuto. I pescecani

sono troppo numerosi e sarebbe un votarsi senza alcun profitto amorte certa. Noto qui che se la sete può essere ingannata, sia tuffandosi in

mare, sia masticando qualche oggetto di metallo, così non è per lafame, perché nulla può supplire la sostanza nutritiva. D'altra parte,l'acqua può sempre essere prodotta da un fatto naturale, la pioggia

 per esempio. Perciò, se non si deve mai disperare di bere, si puòdisperare assolutamente di mangiare.

Siamo arrivati a questo punto! Per essere completamente sinceri,alcuni dei miei compagni si guardano con occhi avidi. Si comprendada ciò quale corso prendono i nostri pensieri ed a quale ferocia

 possono arrivare cervelli dominati da una preoccupazione costante!Dopo che le nubi dell'uragano, che ci hanno dato una mezz'ora di

 pioggia, sono passate, il cielo è ridivenuto sereno. Il vento harinfrescato per qualche istante, ma presto cade e la vela pende lungol'albero. D'altra parte noi non consideriamo più il vento come motore.Dov'è la zattera? In quale punto dell'Atlantico l'hanno spinta lecorrenti? Nessuno può dirlo, nessuno può augurare che il vento soffida est piuttosto che da nord o da sud! Domando solo una cosa al

Page 162: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 162/199

vento, ed è che rinfreschi i nostri petti, unisca un po' di vapore all'ariaasciutta che ci divora, temperi infine il calore che versa dallo zenit unsole di fuoco.

È venuta la sera, e la notte sarà oscura fino a mezzanotte, ora incui sorgerà la luna, che entra nel suo ultimo quarto. Le costellazioni,leggermente velate, non gettano più quello scintillio superbo cheillumina le notti fredde.

In preda ad una specie di delirio, sotto l'impressione d'una fameatroce che di solito cresce col cadere del giorno, vado a sdraiarmi suun mucchio di vele gettate a dritta, e là mi curvo sull'acqua peraspirarne la frescura.

Dei nostri compagni, che sono coricati al loro posto consueto,quanti trovano nel sonno un oblio delle loro sofferenze? Non unoforse. Quanto a me, il mio cervello vuoto è assediato da incubi.

Ciononostante, un assopimento malsano, che non è né veglia nésonno, si è impadronito di me; non so dire quanto tempo sonorimasto in tale stato di prostrazione. Tutto quello che ricordo è che, aun certo momento, una sensazione speciale mi ha riportato in me.

 Non so se sogno, ma il mio odorato è colpito da un odore chesulle prime non riconosco. È come un'emanazione vaga, che gliultimi soffi del vento mi portano ad intervalli. Le mie narici sidilatano ed aspirano. «Che odore è questo?» sono tentato diesclamare... una specie d'istinto mi trattiene, e cerco, come si cercanella propria memoria una parola o un nome dimenticati.

Passano alcuni istanti. L'intensità dell'odore cresce e provoca inme un odorato più vivo.

 — Ma, — dico, come chi si rammenta di colpo di qualcosa, — èodore di carne cotta!

Aspiro più forte e mi rendo conto che i sensi non hanno potuto

ingannarmi. Eppure sulla zattera...Mi sollevo in ginocchio, aspiro di nuovo, mi si perdoni

l'espressione, annuso l'aria intorno!... Lo stesso odore colpisce ancorale mie narici. Sono dunque sottovento dell'oggetto che lo produce: diconseguenza questo oggetto si trova a prua della zattera.

Ecco dunque che lascio il mio posto, strisciando come un animale,frugando, non con gli occhi, ma col naso, cacciandomi sotto le vele,

Page 163: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 163/199

fra le pertiche con la prudenza d'un gatto, non volendo a nessun costodestare l'attenzione dei miei compagni.

Per qualche minuto striscio così in tutti gli angoli, guidandomicon l'odorato come un segugio. A volte la traccia mi sfugge, sia chemi allontani dalla meta sia che cessi il vento, ed altre volte l'odore migiunge con nuova intensità. Finalmente riesco a seguirla, la seguo, esento che vado diritto all'oggetto!

Sono giunto all'angolo di dritta, a prua della zattera, e riconoscoche l'odore è quello di un pezzo di lardo affumicato. Non m'inganno.Tutte le papille della lingua mi si rizzano per la voglia!

Devo allora insinuarmi sotto una spessa piega di vele. Nessuno mivede, nessuno mi ode. Avanzo sulle ginocchia, sui gomiti, allungo il

 braccio, e la mia mano afferra un oggetto avvolto in un pezzo dicarta. Lo piglio rapidamente, e guardo alla luce della luna, che inquel momento si mostra all'orizzonte.

 Non è illusione. Ho in mano un pezzo di lardo! un quarto di libbrasoltanto, ma capace di calmare per tutto un giorno le mie torture! Lo

 porto alla bocca...

Una mano afferra la mia. Mi volto, trattenendo un ruggito, ericonosco lo steward Hobbart.

Tutto si spiega: la situazione speciale di Hobbart, la sua saluterelativamente migliore, i suoi gemiti da ipocrita. Al momento delnaufragio, egli ha potuto salvare qualche provvista, e si è nutritomentre noi morivamo di fame!. Ah! il miserabile!

Ma no! Hobbart ha agito saggiamente. Trovo che è un uomo prudente, e, se ha conservato un po' di nutrimento senza che nessunolo sapesse, tanto meglio per lui... e per me.

Hobbart non la pensa così. Egli afferra la mia mano e cerca diriprendermi il pezzo di lardo, ma senza parlare, non volendo attirare

l'attenzione dei suoi camerati.La nostra lotta è silenziosa, perché io ho la stessa ragione per

tacere. Non voglio che altri venga a strapparmi quella preda!Combatto con tanto maggiore rabbia, perché sento Hobbart dire fra identi: — Il mio ultimo boccone! il mio ultimo boccone!

Il suo ultimo boccone! Devo averlo ad ogni costo, lo voglio,l'avrò! Piglio alla gola il mio avversario, il quale rantola sotto la mia

Page 164: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 164/199

mano e rimane in breve senza movimento!Ed io mastico quel pezzo di lardo, mentre tengo Hobbart

rovesciato...Poi abbandono il disgraziato, striscio di nuovo, e me ne torno al

mio posto a poppa. Nessuno mi ha visto. Ho mangiato!

Page 165: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 165/199

Page 166: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 166/199

Falsten ed altri sono là, curvi su quel cadavere... No! non ho visto! non ho voluto vedere! non ho preso parte

all'orribile pasto! Né la signorina Herbey, né André Letourneur, nésuo padre hanno voluto pagare a tale prezzo un sollievo alle lorosofferenze!

 Non so di Robert Kurtis... Non ho osato domandarglielo.Quanto agli altri, il nostromo, Daoulas, Falsten, i marinai! Oh!

l'uomo mutato in belva... È spaventoso!I signori Letourneur, la signorina Herbey e io, ci siamo nascostisotto la tenda, non abbiamo voluto veder nulla! Era già troppo udire!

André Letourneur voleva dare addosso a quei cannibali, volevastrappar loro gli orribili resti! Mi è toccato lottare con lui pertrattenerlo.

Eppure era un diritto per quei disgraziati! Hobbart era morto! Nonl'avevano ucciso! E, come aveva detto un giorno il nostromo, «èmeglio mangiare un morto che un vivo!».

Ed ora, chissà se questa scena non sarà il prologo di qualche fattoabominevole che insanguinerà la zattera!

Ho fatto quest'osservazione ad André Letourneur, ma non ho potuto dissipare il suo orrore, che è al colmo!

Tuttavia si pensi a questo. Noi moriamo di fame, e otto dei nostricompagni forse scamperanno ad una morte spaventevole!

Hobbart, grazie alle provviste che aveva nascoste, era il più sanodi tutti. Nessuna malattia organica aveva alterato i tessuti ed egli hafinito di vivere in piena salute per morte violenta!...

Ma a quali orribili riflessioni si abbandona il mio spirito! Queicannibali mi fanno dunque più invidia che orrore?

In questo momento uno di loro alza la voce. È il carpentiereDaoulas.

Egli parla di far evaporare dell'acqua marina al sole perraccogliere il sale.

 — E saleremo quel che rimane, — dice. — Sì, — risponde il nostromo.È tutto. Senza dubbio la proposta del carpentiere è stata accolta,

 perché non sento più nulla. Un profondo silenzio si fa sulla zattera, ene deduco che i miei compagni dormono.

Page 167: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 167/199

 Non hanno più fame.

C  APITOLO XLVIII

19 GENNAIO.  — Durante la giornata del 19 gennaio, stesso cielo,stessa temperatura; la notte giunge senza portare alcuna modificanello stato dell'atmosfera. Io non ho potuto dormire nemmeno pocheore. Venuto il mattino, odo delle grida di collera a bordo.

I signori Letourneur e la signorina Herbey, che sono con me sottola tenda, si alzano. Scosto la tenda e guardo quello che accade.

Il nostromo, Daoulas, gli altri marinai sembrano in preda a colleraterribile. Robert Kurtis, seduto a  poppa, si alza e, informatosi di ciò

che eccita il loro furore, cerca di calmarli. — No! No! vogliamo sapere chi ha fatto questo! — dice Daoulasvolgendo un'occhiata feroce intorno a sé.

 — Sì, — soggiunge il nostromo, — qui c'è un ladro, poiché tuttoquello che ci rimaneva è scomparso!

 — Non sono io! — E nemmeno io! — rispondono ad uno ad uno i marinai.E vedo i disgraziati frugare in tutti gli angoli, sollevare le vele,

rimuovere le pertiche. La loro collera cresce, vedendo che le ricerchesono inutili. Il nostromo mi viene incontro.

 — Voi dovete conoscere il ladro, — mi dice.

 — Non so che cosa volete dire, — rispondo. Daoulas e alcuni altrimarinai si avvicinano.

 — Abbiamo rovistato tutta la zattera, — dice Daoulas; — nonrimane che questa tenda da visitare.

 — Nessuno di noi ha lasciato la tenda, Daoulas. — Bisogna vedere! — No! lasciate in pace chi muore di fame! — Signor Kazallon, — mi dice il nostromo trattenendosi, — non

Page 168: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 168/199

vi accusiamo; se uno di voi avesse preso la porzione che ha rifiutatoieri, sarebbe nel suo diritto; ma è scomparso tutto, capite? tutto!

 — Frughiamo nella tenda, — dice Sandon.I marinai si fanno avanti ed io non posso resistere ai disgraziati

accecati dalla collera. Un orribile timore m'invade. Forse che ilsignor Letourneur, non per sé, ma per suo figlio, si sarebbe spinto a

 prendere?... Se lo ha fatto, sarà sbranato da questi disperati.

Guardo Robert Kurtis, come per chiedere protezione; RobertKurtis viene a mettersi accanto a me. Le sue mani sono cacciate nelletasche, ma sono armate, io l'indovino.

Frattanto, ad un ordine del nostromo, la signorina Herbey ed isignori Letourneur hanno dovuto lasciare la tenda, che viene frugataminuziosamente e per fortuna invano.

È evidente che se gli avanzi di Hobbart sono scomparsi, qualcunoli ha buttati in mare.

Il nostromo, il carpentiere, i marinai sono in preda alladisperazione.

Ma chi dunque ha fatto ciò? Guardo la signorina Herbey ed il

signor Letourneur: una loro occhiata mi risponde che non sono loro.Il mio sguardo si fissa allora sopra André, che volge la testa da

un'altra parte.Disgraziato giovane! è dunque lui? E se è lui, comprende le

conseguenze di quell'atto?

Page 169: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 169/199

C  APITOLO XLIX

DAL 20 AL 22 GENNAIO.  — Nei giorni successivi quelli che hanno preso parte all'orribile pasto del 18 gennaio hanno sofferto poco

essendosi nutriti e dissetati.Ma la signorina Herbey, André Letourneur, suo padre ed io, non è possibile descrivere quello che proviamo! Non siamo forse ridotti adolerci che quegli orribili resti siano scomparsi? Se uno di noimuore, sapremo resistere?...

Daoulas, il nostromo e gli altri sono stati ben presto ripresi dallafame e ci guardano con occhi smarriti. Siamo dunque una predasicura per loro?

In verità quello che ci fa soffrire di più non è la fame, è la sete. Sì!fra una briciola di biscotto e una goccia d'acqua, nessuno esiterebbe.La cosa è stata detta da tutti i naufraghi che si sono trovati nelle

nostre condizioni, ed è vera. Si soffre più per la sete che per la fame,e se ne muore più presto.E, supplizio atroce, si ha intorno a sé quest'acqua di mare che

l'occhio vede tanto simile all'acqua dolce! Molte volte ho cercato di berne qualche goccia, ma essa mi ha dato nausee insuperabili ed unasete più ardente di prima.

Ah! è troppo! sono ormai quarantadue giorni che abbiamoabbandonato la nave! Chi di noi può più farsi illusioni? Non siamoforse tutti destinati a morire un dopo l'altro della peggiore dellemorti?

Sento che una specie di nebbia si addensa intorno al mio cervello.

È come un delirio che s'impadronisce di me, ed io lotto per trattenerela mia intelligenza che se ne va. Questo delirio mi spaventa! Dove mi

 porterà? Sarò abbastanza forte da ricuperare la mia ragione?...Sono tornato in me, dopo quante ore non saprei dire. La mia

fronte è stata coperta di compresse imbevute d'acqua marina per curadella signorina Herbey, ma sento che mi rimane poco da vivere!

Oggi, 22, scena orribile. Il negro Jynxtrop, colto improvvisamenteda un accesso di pazzia furiosa, corre per la zattera urlando. Robert

Page 170: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 170/199

Page 171: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 171/199

C  APITOLO L

22 E 23 GENNAIO.  — Siamo ormai solo undici a bordo e mi pareimpossibile che ogni giorno non conti qualche nuova vittima. La fine

del dramma, qualunque essa sia, si avvicina. Entro otto giorni, osaremo giunti a terra, o qualche nave avrà raccolto i naufraghi;altrimenti l'ultimo superstite del Chancellor avrà cessato di vivere.

Il 23 l'aspetto del cielo è mutato. La brezza è rinfrescatanotevolmente, il vento durante la notte ha preso a soffiare da nord-est. La vela della zattera si è gonfiata, ed una scia abbastanza visibileindica che si muove con una certa rapidità. Il capitano valuta questomovimento in tre miglia all'ora.

Robert Kurtis e l'ingegner Falsten sono certamente i più robusti dinoi; sebbene la loro magrezza sia estrema, sopportanomeravigliosamente le privazioni. Io non saprei descrivere come sia

ridotta la povera signorina Herbey. Non è più che un'anima, maun'anima ancora piena di coraggio, e tutta la sua vita sembra essersirifugiata negli occhi che splendono meravigliosamente. Vive nelcielo e non sulla terra.

Un uomo di grande energia, e che pure ora è stremato, è ilnostromo. È irriconoscibile: la testa curvata sul petto, le lunghe maniossute posate sulle ginocchia, le cui rotule aguzze sporgono sotto icalzoni logori, egli rimane invariabilmente seduto in un angolo dellazattera, senza mai sollevare gli occhi. A differenza della signorinaHerbey, egli non vive più che col corpo, e la sua immobilità è taleche talvolta penso che abbia cessato di vivere.

 Non più discorsi e nemmeno più gemiti sulla zattera. Silenzioassoluto. Non si scambiano dieci parole al giorno, e d'altra parte le

 poche che le nostre labbra tumefatte ed indurite potrebbero proferiresarebbero assolutamente inintellegibili. La zattera non porta più chespettri sparuti, esangui, che non hanno più nulla d'umano.

Page 172: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 172/199

C  APITOLO LI

24 GENNAIO.  — Dove siamo? Verso quale parte dell'Atlantico èsospinta la zattera? Due volte ho interrogato Robert Kurtis, ed egli

non mi ha potuto rispondere che vagamente. Tuttavia, siccome hasempre annotato la direzione delle correnti e dei venti, crede cheabbiamo dovuto essere risospinti verso ovest, ossia verso terra.

Oggi la brezza è caduta completamente; però la superficie delmare è agitata, il che indica che qualche perturbazione è avvenutaall'est. Certamente in quella parte dell'Atlantico si sarà prodotta unatempesta. La zattera procede con molta difficoltà. Robert Kurtis,Falsten, ed il carpentiere adoperano le poche forze che rimangonoloro per rinforzare le parti che minacciano di sfasciarsi.

Perché darsi briga? Si sfascino finalmente queste tavole e chel'oceano ci inghiotta. È troppo continuare a contendergli così la

nostra vita miserabile!In verità le nostre torture hanno toccato il più alto punto chel'uomo possa sopportare, ed è impossibile che vadano oltre! Il caloreè insopportabile; è piombo fuso che il cielo versa su di noi. Il sudorec'inonda attraverso i nostri cenci, e tale traspirazione aumenta ancoradi più la nostra sete. No, non posso descrivere quello che provo! Le

 parole mancano quando si tratta di esporre dolori sovrumani!L'unico modo di rinfrescarci che a volte abbiamo potuto utilizzare

ci è ora proibito. Nessuno di noi pensa più a fare bagni, perché, daquando Jynxtrop è morto, frotte di pescecani circondano la zattera.

Ho cercato oggi di procurarmi un po' d'acqua potabile facendo

evaporare dell'acqua di mare; ma nonostante la mia pazienza è moltose riesco a inumidire una pezzuola. D'altra parte la caffettiera logoranon ha potuto resistere al fuoco, e si è spaccata; sono stato costrettoad abbandonare l'operazione.

L'ingegner Falsten ora è quasi affranto e non ci sopravviverà chedi qualche giorno. Quando rialzo la testa, non lo vedo nemmeno più.È coricato sotto le vele o è morto? Solo l'energico capitano Kurtis staritto a prua e guarda. Quando penso che quest'uomo spera ancora!

Page 173: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 173/199

Page 174: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 174/199

Page 175: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 175/199

Page 176: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 176/199

 Non mi servirà a nulla lo so, ma almeno avrò ingannato il mio male!Appena quest'idea mi viene in mente, la metto in atto. Riesco ad

aprire il coltello, denudo il braccio, pungo una vena; il sangue nefuoriesce a goccia a goccia, ed eccomi bere alla sorgente della miavita. Il sangue rientra in me ed acquieta per un istante i miei tormentiatroci, poi si arresta e non ha più la forza di scorrere!

Come è lungo a venire il domani!

Con il giorno una fitta nebbia si è di nuovo addensata all'orizzonteed ha ristretto il circolo di cui la zattera forma il centro; ma questanebbia è ardente come i vapori che sfuggono da una caldaia.

Oggi è il mio ultimo giorno.Prima di morire sarei contento di stringere la mano d'un amico.

Robert Kurtis è là, vicino a me. Mi trascino fino a lui e gli serro lamano. Egli mi comprende, sa che è un addio, ma si direbbe che conun ultimo pensiero di speranza voglia trattenermi! È inutile.

Avrei pur voluto rivedere i signori Letourneur e la signorinaHerbey... non oso! La fanciulla mi leggerebbe negli occhi la miarisoluzione! Mi parlerebbe di Dio, dell'altra vita che bisogna

aspettare! Aspettare! non ne ho più il coraggio! Dio mi perdoni!Torno verso la poppa della zattera e con lunghi sforzi riesco a

rizzarmi in piedi presso l'albero. Percorro un'ultima volta con losguardo il mare spietato, l'orizzonte che non muta. Se mi apparisseuna vela, se vedessi una terra, mi crederei vittima d'una illusione...ma il mare è deserto.

Sono le dieci del mattino. È il momento di finirla. Gli stiramentidella fame, le punture della sete mi straziano con nuova violenza.L'istinto della conservazione si spegne in me. Tra pochi istanti avròfinito di soffrire. Dio abbia pietà di me!

In questo momento si ode una voce; riconosco che è quella di

Daoulas.Il carpentiere è vicino a Robert Kurtis.

 — Capitano, — dice, — tiriamo a sorte.AI momento di gettarmi in mare mi trattengo. Perché? Non saprei

dirlo, ma torno a poppa della zattera.

Page 177: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 177/199

C  APITOLO LIII

26 GENNAIO.  — La proposta è stata fatta. L'hanno udita tutti e tuttil'hanno compresa. Da alcuni giorni era divenuta un'idea fissa che

nessuno osava esprimere.Si tirerà a sorte.E di chi sarà designato dalla sorte ognuno avrà la sua porzione.Ebbene, sia! se la sorte mi designa non mi lamenterò.Mi sembra che venga proposta un'eccezione a favore della

signorina Herbey, e che sia stato André Letourneur ad avanzarla. Maun mormorio di collera corre fra i marinai. Siamo undici a bordo,ognuno di noi ha dunque dieci probabilità a suo favore, una contro el'eccezione proposta cambiereb-be le proporzioni. La signorinaHerbey subirà la sorte comune.

Sono le dieci e mezzo del mattino. Il nostromo, che la proposta di

Daoulas ha rianimato, insiste perché l'estrazione sia fatta subito. Haragione. D'altra parte nessuno di noi tiene alla propria vita, e coluiche sarà designato precederà i suoi compagni nella morte solo di

 pochi giorni, forse di poche ore. Si sa questo e non si ha paura dimorire. Ma non soffrire più la fame per un giorno o due, non provare

 più la sete, ecco che cosa si vuole, ecco che cosa si avrà.Io non posso dire come ognuno dei nostri nomi sia finito in fondo

a un cappello. Non può essere stato che Falsten che li ha scritti su unfoglio staccato dal suo taccuino.

Gli undici nomi sono là, si conviene, senza discutere, che l'ultimonome estratto designerà la vittima.

Chi farà l'estrazione? Vi è una specie di esitanza.Mi volto, e riconosco il signor Letourneur.È là, in piedi, con la mano tesa e i capelli bianchi che gli ricadono

sulle guance smagrite, spaventoso per la sua calma.Ah! disgraziato padre, ti comprendo! So perché vuoi estrarre i

 biglietti! Il tuo affetto paterno andrà fin là. — Quando vorrete, — dice il nostromo.Il signor Letourneur caccia la mano nel cappello, prende un

Page 178: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 178/199

Page 179: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 179/199

zattera e nessuno ci bada. Io corro da quella parte, raccolgo la carta evi leggo: And....

Il signor Letourneur si precipita verso di me, mi strappaviolentemente dalle mani quel pezzetto di carta, lo appallottola fra ledita, e, guardandomi con aria grave, lo getta in mare.

Page 180: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 180/199

C  APITOLO LIV

SEGUITO DEL 26 GENNAIO.  — Avevo ben compreso. Il padre si èsacrificato per il figlio, e non avendo più che la propria vita da dargli,

gliela dà.Frattanto gli affamati non vogliono più aspettare; gli stiramentidelle loro viscere raddoppiano davanti alla vittima su cui hannodiritto. Il signor Letourneur per loro non è più un uomo. Non hannoancora detto nulla, ma le loro labbra si contraggono, i denti siscoprono, pronti a lacerare come le zanne dei carnivori, con la

 brutale voracità delle belve. Si ha da aspettare che si faccianoaddosso alla loro vittima e la divorino viva?

Chi crederà che in questo momento viene fatto appello al restod'umanità che questi uomini possono aver serbato, e chi crederàsoprattutto che questo appello è stato ascoltato? Sì, una parola li ha

trattenuti nell'istante in cui stavano per gettarsi addosso al signorLetourneur; il nostromo, che si preparava a far la parte del macellaio,e Daoulas che brandiva la scure, sono rimasti immobili.

La signorina Herbey si fa avanti o meglio si trascina verso di loro. — Amici miei, — dice, — volete aspettare ancora un giorno? Un

giorno solo! Se domani la terra non è là, se non avremo incontratonessuna nave, il nostro povero compagno diventerà vostra preda...

A queste parole il mio cuore sussulta. Mi sembra che la fanciullaabbia parlato con accento profetico e che sia un'ispirazione celestequella che anima la nobile creatura! Un'immensa speranza mi tornain cuore. La costa e il bastimento, la signorina Herbey forse li ha

intravisti in una di quelle visioni soprannaturali che Dio fa passaredinanzi a certi sguardi! Sì! bisogna aspettare ancora un giorno! Checosa è un giorno dopo quanto abbiamo sofferto?

Robert Kurtis la pensa come me; uniamo le nostre preghiere aquelle della signorina Herbey. Falsten parla nello stesso modo, e tuttiinsieme supplichiamo i nostri compagni, il nostromo, Daoulas, glialtri...

I marinai si fermano e non fanno intendere un solo mormorio.

Page 181: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 181/199

Allora il nostromo getta la scure, e dice con voce sorda: — A domani, all'alba!Questa parola dice tutto. Se domani né terra né nave saranno in

vista, l'orribile sacrificio sarà compiuto.Ora ognuno torna al suo posto e con uno sforzo estremo reprime i

 propri dolori. I marinai si nascondono sotto le vele e non cercanoneppure di guardare il mare. Poco importa loro. Domani

mangeranno.Frattanto André Letourneur è tornato in sé, ed il primo sguardo èstato per il padre! poi lo vedo contare i passeggeri sulla zattera... Nonne manca uno! Su chi è caduta la sorte? Quando André ha perduto isensi, non vi erano più che due nomi nel cappello, quello delcarpentiere e quello di suo padre. Il signor Letourneur e Daoulassono entrambi là!

Allora la signorina Herbey si avvicina e gli dice semplicementeche la estrazione non è stata condotta a termine.

André Letourneur non domanda di più e afferra la mano di suo padre. Il viso del signor Letourneur è tranquillo, quasi sorridente.

Egli non vede, non comprende che una cosa: suo figlio risparmiato.Questi due esseri, così strettamente legati l'uno all'altro, vanno asedersi a poppa della zattera e discorrono insieme a bassa voce.

Frattanto, io non sono ancora uscito dalla prima impressione chemi ha causato l'intervento della fanciulla. Credo ad un soccorso

 provvidenziale, e non saprei dire fino a qual punto quest'idea siradichi nel mio spirito. Oserei asserire che siamo vicini al terminedelle nostre miserie; se la nave o la terra fossero là, a poche migliasottovento, non ne sarei più certo. Non ci si meravigli di questo. Ilmio cervello è così vuoto, che le chimere vi si mutano in realtà.

Parlo dei miei presentimenti ai signori Letourneur; André è

fiducioso come me; poveretto! se sapesse che domani!...Il padre mi ascolta gravemente e mi incoraggia a sperare. Egli

crede volentieri, od almeno lo dice, che il Cielo risparmierà isuperstiti del Chancellor, e prodiga al figlio delle carezze che per luisono le ultime.

Poi, più tardi, quando io sono solo accanto a lui, il signorLetourneur si curva al mio orecchio:

Page 182: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 182/199

 — Vi raccomando il mio disgraziato figlio, — dice, — non sappiamai che...

 Non conclude la frase, e grosse lacrime gli cadono dagli occhi!Quanto a me, spero!E, senza distogliermi un istante, guardo l'orizzonte, lo percorro in

tutto il suo perimetro: è deserto! Ma non sono preoccupato. Prima didomani vedremo una vela o una terra.

Come me Robert Kurtis osserva il mare. La signorina Herbey,Falsten, lo stesso nostromo concentrano tutta la loro vita nel lorosguardo.

Frattanto scende la notte, ma io sono convinto che in questo profondo buio qualche nave si accosterà e che all'alba essa vedrà inostri segnali.

Page 183: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 183/199

C  APITOLO LV

27 GENNAIO.  — Non chiudo occhio ed ascolto ogni rumore, losciacquio dell'acqua, il mormorio delle onde. Noto che non vi è più

un pescecane intorno alla zattera. Mi pare un presagio lieto.La luna si è alzata a mezzanotte e quarantasei minuti, mostrando ilsuo mezzo disco di quadratura, ma la sua luce insufficiente non mi

 permette di guardare il mare per un largo tratto. Quante volte hocreduto d'intravedere a poche lunghezze di cavo  la vela tantodesiderata!

Ma giunge il mattino... il sole sorge sopra un mare deserto!Il terribile momento si avvicina. Allora sento tutte le mie speranze

del giorno prima svanire a poco a poco. La nave non si mostra, laterra nemmeno. Ritorno alla realtà e mi rammento! È l'ora in cuideve compiersi un atto abominevole.

 Non oso più guardare la vittima, e quando i suoi occhi, cosìrassegnati, si fissano su di me, abbasso i miei.Un invincibile orrore mi opprime, la testa mi gira come per

ebbrezza.Sono le sei del mattino. Non credo più ad un soccorso

 provvidenziale. Il mio cuore batte a più di cento pulsazioni al minuto,ed un sudore d'angoscia mi bagna tutto.

Il nostromo e Robert Kurtis, in piedi, appoggiati all'albero, noncessano di scrutare l'oceano. Il nostromo è pauroso a vedersi. Sicomprende bene che non anticiperà l'ora, ma che nemmeno laritarderà. Mi è impossibile indovinare quali siano le impressioni del

capitano; il suo volto è livido, sembra vivere solo nello sguardo.Quanto ai marinai, essi si trascinano sulla piattaforma, e con

sguardi ardenti divorano già la loro vittima! Non posso star fermo, e mi spingo fino a prua della zattera.Il nostromo è sempre in piedi, e guarda.

 — Finalmente! — esclama.Il nostromo, Daoulas, Flaypol, Burke, Sandon avanzano verso

 poppa, ed il carpentiere stringe convulsamente la scure! La signorina

Page 184: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 184/199

Herbey non può trattenere un grido. Di colpo André si alza in piedi. — Padre mio! — grida con voce soffocata. — La sorte m'ha designato... — risponde il signor Letourneur.

André afferra il padre e lo circonda con le proprie braccia. — Mai! — grida con un ruggito. — Piuttosto mi ucciderete!

Uccidetemi! sono io che ho gettato in mare il cadavere di Hobbart!sono io, io, quello che bisogna sgozzare!

Il disgraziato!Le sue parole raddoppiano la rabbia dei carnefici, e Daoulas,movendogli incontro, lo strappa dalle braccia del signor Letourneur,dicendo:

 — Poche storie!André cade supino, e due marinai lo stringono in modo che non

 possa più fare alcun movimento. Nello stesso tempo, Burke e Flaypol afferrano la loro vittima e la

trascinano verso prua.Questa scena spaventosa si compie più rapidamente di quanto io

la descriva. L'orrore mi ha inchiodato al mio posto! Vorrei gettarmi

tra il signor Letourneur ed i suoi carnefici, ma non posso!In questo momento il signor Letourneur è in piedi. Ha respinto i

marinai, che gli hanno strappato di dosso una parte degli abiti, ed hale spalle nude.

 — Un momento, — dice con tono nel quale sento un'indomabileenergia, — un momento! Io non intendo rubarvi la vostra razione!Ma non vorrete divorarmi tutto oggi, suppongo!

I marinai si fermano, guardano, ascoltano stupefatti.Il signor Letourneur prosegue:

 — Voi siete dieci! Forse che le mie due braccia non vi basteranno? Tagliatele, domani avrete il resto!

Il signor Letourneur tende le due braccia nude. — Sì! — grida con voce terribile il carpentiere Daoulas. E, rapido

come il fulmine, alza la scure...Robert Kurtis non ha potuto resistere oltre. Neppur io! Noi vivi

questo assassinio non si compirà. Il capitano si è gettato in mezzo aicarnefici, per strappare loro la vittima. Io mi sono precipitato nellamischia... ma giunto a prua della zattera, sono stato respinto con

Page 185: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 185/199

Page 186: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 186/199

C  APITOLO LVI

SEGUITO DEL 27 GENNAIO.  — Ho bevuto! Ho bevuto! Rinasco! Dicolpo la vita mi è ritornata! Non voglio più morire!

Grido; le mie grida sono udite. Robert Kurtis si curva di sopra la

murata della zattera, mi getta un cavo che la mia mano afferra. Miisso e cado sulla piattaforma.Le mie prime parole sono queste:

 — L'acqua dolce! — L'acqua dolce! — grida Robert Kurtis. — La terra è là!Si è ancora in tempo! L'omicidio non è stato commesso! La

vittima non è stata colpita! Robert Kurtis ed André avevano lottatocon quei cannibali, e proprio nel momento in cui stavano persoccombere, la mia voce si è fatta intendere!

La lotta impegnata cessa. Le parole: l'acqua dolce!, le ripeto, ecurvandomi fuor della zattera, bevo avidamente a lunghi sorsi!

La signorina Herbey è la prima ad imitare il mio esempio. RobertKurtis, Falsten, e gli altri si precipitano verso questa sorgente di vita.Ognuno fa altrettanto. Le belve feroci di poc'anzi alzano le braccia alcielo; alcuni marinai si fanno il segno della croce gridando almiracolo. Ognuno si inginocchia accanto alle murate della zattera e

 beve avidamente. L'estasi tiene dietro ai furori!André e suo padre sono gli ultimi ad imitarci.

 — Ma dove siamo? — ho gridato. — A meno di venti miglia da terra! — risponde Robert Kurtis.Lo guardiamo. Il capitano è pazzo? Non vi è una costa in vista, e

la zattera occupa sempre il centro del cerchio liquido!

Eppure, l'acqua è dolce! Da quando? Non importa! I sensi non cihanno ingannato. La sete è placata.

 — Sì, la terra è invisibile, è là! — dice il capitano indicando conla mano verso ovest.

 — Quale terra? — chiede il nostromo. — L'America, la terra in cui scorre il Rio delle Amazzoni, il solo

fiume che abbia una corrente tanto forte da togliere la salsedinedall'oceano fino a venti miglia dalla sua foce!

Page 187: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 187/199

Page 188: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 188/199

Le autorità brasiliane hanno fatto il processo verbale delsalvataggio.

Lo hanno sottoscritto: la signorina Herbey, J. R. Kazallon,Letourneur padre, André Letourneur, Falsten, il nostromo, Daoulas,Burke, Flaypol, Sandon, e per ultimo Robert Kurtis, capitano.

Devo aggiungere che al Para ci sono stati offerti quasi subito deimezzi per tornare in patria. Una nave ci ha condotti a Cayenna, e

dobbiamo raggiungere la linea transatlantica francese di Aspinwall, ilcui piroscafo Ville-de-Saint-Nazaire ci ricondurrà in Europa.Ed ora, dopo tante prove sopportate insieme, dopo tanti pericoli a

cui siamo scampati per miracolo, non è naturale che unaindistruttibile amicizia leghi fra loro i passeggeri del Chancellor! Inqualunque occasione e per lontano che il destino li porti, non è sicuroche non si dimenticheranno mai? Robert Kurtis è, e sarà sempre,l'amico di quanti gli furono compagni nella sventura.

Quanto alla signorina Herbey, voleva ritirarsi dal mondo ededicare la vita a coloro che soffrono, ma il signor Letourneur le hadetto:

 — Forse che mio figlio non è un malato?La signorina Herbey ha ora un padre nel signor Letourneur, un

fratello in suo figlio André. Dico un fratello, ma presto, nella suanuova famiglia, la coraggiosa fanciulla avrà trovato la felicità chemerita, e che noi le auguriamo con tutto il cuore.

Page 189: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 189/199

SPIEGAZIONE  DEI  TERMINI  

 MARINARESCHI  USATI   IN  QUESTO  LIBRO

A

Abbrivare, abbrivo - L'iniziarsi del moto di una nave. Accelerare.Alare - Tirare con forza un cavo per portarlo alla tensione voluta o per sollevare un

 peso.Albero - Fusto di abete, di pino o di ferro che serve a sostenere i  pennoni e le vele

delle navi a vela. Sui velieri, quando gli alberi sono più di uno, hanno ilseguente nome:1.  Bompresso: l'albero non verticale che sporge di prora e destinato asostenere il lato inferiore dei fiocchi. 2. Trinchetto: il primo albero verticale a cominciare dalla prora.3. Albero di maestra: l'albero più alto di tutti al centro della nave.4. Albero di mezzana: l'albero a poppa della maestra.5. Palo: è il nome che prende la mezzana quando non ha vele quadre, masolo vele àuriche e in generale l'albero poppiero di una nave a vele quadrequando sia guarnito di vele àuriche. Gli alberi destinati a portare velequadre sono costituiti in tre pezzi che hanno i seguenti nomi, a secondadegli alberi cui appartengono:TRONCO MAGGIORE DEL BOMPRESSO - ASTA DI FIOCCO -ASTA DI CONTROFIOCCO. TRONCO MAGGIORE DITRINCHETTO - ALBERO DI PARROCCHETTO - ALBERETTO DITRINCHETTO O ALBERETTO DI VELACCINO.TRONCO MAGGIORE DI MAESTRA - ALBERO DI GABBIA -ALBERETTO DI MAESTRA O ALBERETTO DI GRAN VELACCIO.TRONCO MAGGIORE DI MEZZANA - ALBERO DICONTROMEZZANA - ALBERETTO DI MEZZANA O ALBERETTODI BELVEDERE. Nei punti di congiunzione degli alberi verticali vi sonodei terrazzini. Quelli più bassi si chiamano coffe e quelli più alti crocette obarre. Gli alberi sono tenuti fissi e assicurati allo scafo mediante unsistema di tiranti, generalmente in cavo di acciaio. Quelli che fissanolateralmente e alquanto verso  poppa i tronchi maggiori e gli alberi digabbia si chiamano sartie. Quelli che fissano allo stesso modo glialberetti si chiamano paterazzi. Si chiamano stralli quelli che sostengonogli alberi verso prora.

Ammainare  - Far discendere qualsiasi oggetto-sospeso a cavi (vele, bandiere,

Page 190: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 190/199

 pennoni, imbarcazioni, ecc.).Ancora - Strumento di ferro con raffi uncinati per far presa sul fondo del mare e

trattenere la nave mediante catene o gomene. Ancoraggio  - Tutti gli specchi d'acqua dove è conveniente ancorarsi, perché

riparati dal vento, dal mare, e con buon fondo per la presa delle ancore.Argano - Macchina per sollevare pesi e in genere per compiere un grande sforzo di

trazione; è composta di un cilindro (campana) ad asse verticale odorizzontale, che ruota a mano o a motore, e intorno al quale si avvolge ilcavo o la catena che compie lo sforzo. Si chiama anche, se ad asseorizzontale, molinello o verricello. 

Attelare  - Disporre le vele degli alberi in modo che si spieghino e si tendano alvento.

Attraccare - L'avvicinarsi di una nave o di una imbarcazione a una banchina o aun'altra nave fino a toccarla per compiere operazioni di imbarco e sbarco.

B

Baglio - I bagli sono le grosse travi messe attraverso la nave, da un fianco all'altro, per legarne l'ossatura e per sostenere il tavolato dei ponti.

Banda  (Alla) - Posizione inclinata della nave; essere o dare alla banda: essere

sbandata.Barra - Leva o manovella che serve a far ruotare il timone sui suoi cardini.Battagliola  - Ringhiera di protezione lungo i bordi del  ponte di coperta (vedi

coperta). Beccheggiare, beccheggio  - Il movimento oscillatorio di una nave che solleva

alternativamente la prora e la poppa.Bitta - Specie di bassa colonna di ferro fissata saldamente sul ponte, sulla quale si

danno volta (sono legati) catene o cavi che debbono fare molta forza.Boccaporto - Apertura rettangolare o quadrata sui  ponti  per dare accesso ai ponti

sottostanti e alle stive. Prende nome dalla sua ubicazione: b. di prora, b. di poppa, b. del centro (gran boccaporto). 

Bolina  (Di) - È l'andatura che segue la nave per andare verso la direzione delvento. [Stringere il vento (v.).]  Di bolina stretta: stringere il vento quanto

è possibile. Si dice anche: correre o navigare o stringere la bolina.Bome (o boma) - Asta di legno che serve a fissare la ralinga inferiore della randa. Bompresso - L'albero che sporge obliquamente dalla prua e su cui si distendono i

lati inferiori di quelle vele triangolari dette  fiocchi. La sua parte medianasi chiama asta di fiocco. «Asta di fiocco» è anche il bastone chesostituisce il bompresso nelle navi più piccole e nelle imbarcazioni.L'estremità inferiore del b. penetra in quél ponte parziale sopraelevato a prua detto castello e quindi nel sottostante locale destinato ad alloggio deimarinai.

Page 191: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 191/199

Bordata - Ognuno di quei percorsi a zigzag che un veliero compie per raggiungereun punto situato dalla parte di dove proviene il vento (bordeggiare). 

Bordeggiare - Vedi bordata; Bracciare - Allentare i bracci da un lato e tirarli dall'altro per far ruotare i pennoni

e quindi dare alle vele l'orientamento voluto in modo che piglino o non piglino vento.  Bracciare in croce:  portare i pennoni perpendicolarmentealla chiglia, cioè nel senso della larghezza della nave. Bracciare di punta: portare i pennoni alla minima inclinazione rispetto al piano longitudinaledella nave.

Braccio - Cavo agganciato all'estremità dei pennoni (v.) per dare loro, e quindi allevele, l'orientamento voluto.

Bratto  (remo a) - Remo unico usato su piccole imbarcazioni a poppa quadra perfarle avanzare e dirigerle.

Brigantina (Vela di) - Meglio randa: vela di taglio della specie chiamata «àurica»,a forma trapezoidale.

Brigantino - Veliero con due alberi a vele quadre e bompresso.

C

Cabotaggio - La navigazione e il traffico lungo le coste.

Cala - Magazzino dove si conservano i materiali di dotazione di bordo.Carena  - La parte dello scafo di una nave o di una imbarcazione che rimane

normalmente immersa.Casseretto - Nei velieri è il ponte parziale sopraelevato rispetto al cassero, che va

dall'estrema poppa all'albero posteriore. Contiene gli alloggi degli ufficialie funge da ponte di comando.

Cassero  - Nelle navi a vela del passato è la parte scoperta del ponte superiore a poppa, compresa tra l'albero centrale e il casseretto. Oggi questadenominazione è usata spesso in luogo di casseretto o anche per indicareun ponte parziale, sopraelevato alla coperta, al centro della nave.

Castello  - È il ponte parziale sopraelevato alla coperta che va dall'estrema prorafin quasi all'albero di trinchetto. Lo spazio sottostante è generalmentedestinato ad alloggiare l'equipaggio.

Caviglia  - Perno mobile di legno duro o di metallo che si infila nei fori dellacavigliera e che serve per legarvi quei cavi detti manovre correnti. 

Cavigliera  - Specie di rastrelliera di legno o di ferro fissata nei punti della navedove scendono dall'alberatura quei cavi detti manovre correnti: vi siinfilano le caviglie per legarvi le manovre correnti stesse.

Cavo  - Nome dato a qualsiasi tipo di corda, di qualsiasi materia sia formata. Le parole «corda» e «fune» sono assolutamente estranee al linguaggiomarinaresco.

Chiglia - Situata nella parte più bassa della carena, è l'autentica spina dorsale dello

Page 192: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 192/199

scafo.Cima  - Qualunque cavo di media grossezza e fatto di fibra vegetale. Più

 propriamente è l'estremità di un cavo.Comento - Linea di giunzione fra le tavole in legno che costituiscono il fasciame

della nave.Controfiocco - Vedi fiocco. Coperta  o ponte di coperta - Il ponte superiore che si estende per tutta la

lunghezza della nave. Si chiama «coperta» perché copre tutti i pianiinferiori della nave. La parola «tolda», per indicare la coperta, è termineletterario e non è assolutamente usata nel vero linguaggio marinaresco.

Corvetta - Tipo di nave da guerra dell'antica marina a vela.Cubia (Occhio di C.) - Ciascuno dei fori praticati lateralmente sulle prue delle navi

 per il passaggio delle catene delle ancore.

D

Doppiare  - Oltrepassare, girare un capo o una punta della costa. Si dice anchemontare, scapolare. 

Dritta  - Lato destro della nave guardando verso prua. Il francesismo «tribordo»non è mai stato usato nel linguaggio marinaresco italiano.

Drizza - Cavo che ha la funzione di sollevare una vela, un pennone, ecc.

F

Fasciame - Il complesso di tavole e di lamiere che formano la superficie esterna einterna dello scafo. 

Fiocco  - Nome generico di quelle vele di taglio a forma triangolare, stese fral'albero di trinchetto e il bompresso.

Page 193: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 193/199

Forza del vento  - L'intensità del vento è misurata secondo una scalaconvenzionale, detta di Beaufort, così graduata:

Grado o Forza Velocità in miglia per ora0: Calma meno di 11: bava di vento da 1 a 32: brezza leggera » 4 » 63: brezza tesa » 7» 104: vento moderato »11»165: vento teso » 17 » 216: vento fresco » 22 »277: vento forte »28 » 338: burrasca moderata » 34 » 409: burrasca forte » 41 » 4710: burrasca fortissima » 48 » 5511: fortunale » 56 » 6312: uragano » 64 » 71

Frangente - L'insieme delle onde del mare che si rompono su un bassofondo, unasecca o scogli affioranti. Per estensione con lo stesso termine si designanola secca, il bassofondo e gli scogli sui quali si formano i frangenti delleonde.

Freccia - Meglio controranda: vela di forma triangolare o trapezoidale che si alzasopra la randa ed è inferita (allacciata) all'albero e al picco. 

G

Gabbia  - La seconda vela, a cominciare dal basso, dell'albero di maestra.«Gabbie» è il nome generico dato alla vela di gabbia e alle vele degli altrialberi che si trovano nella stessa posizione. Le gabbie possono essere due per ogni albero: in questo caso le più basse sono le basse gabbie o gabbie fisse e le più alte le gabbie volanti. 

Garbo - Modello in legno dei vari elementi di costruzione dello scafo di una nave.Goletta  - Veliero con bompresso e due alberi leggermente inclinati verso poppa

 portanti vele àuriche (vele di forma trapezoidale) disposte lungo il pianolongitudinale della nave.

Gómena - Il più grosso cavo di canapa usato a bordo per ormeggio, rimorchio, ecc.Come unità di misura di distanza, equivale a un decimo di miglio (m 182).Attualmente in disuso.

Governare - Dirigere una nave usando il timone. Governa?: domanda per saperese la nave obbedisce o no al timone. Governare alla puggia: orientare iltimone in modo da allontanare la prora dalla direzione del vento.

Page 194: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 194/199

I

Imbardata - Il volgere repentinamente la prora a dritta o a sinistra per l'azione delmare o del vento, o a causa del cattivo governo della nave. Si dice ancheguizzata. 

Imbrogliare  - Raccogliere le vele a festoni tirando quei cavi detti imbrogli, alloscopo di sottrarre le vele stesse all'azione del vento.

Impavesata - Parapetto della nave formato dalla murata che si eleva al di sopra del ponte di coperta.

Inferire - Inserire l'inferitura [cioè il lato della vela che una volta issata viene adessere solidale con l'albero o lo strallo (v.)] della vela nell'appositacanaletta

L

Lancia - Ciascuna delle imbarcazioni a remi con poppa quadra aventi da cinque aotto banchi di voga di cui sono dotate le navi da guerra e mercantili (L. disalvataggio). 

Linea d'acqua - Qualunque linea formata dall'intersezione della carena con piani paralleli al piano di galleggiamento.Linea di galleggiamento - Linea formata dall'intersezione della carena della nave

con la superficie dell'acqua.

M

Maestra - La vela più bassa dell'albero di maestra: è la vela maggiore della nave.Maestra (Albero di) - Il maggiore degli alberi di una nave; nelle navi a tre alberi è

quello di mezzo e in quelle a due è quello di poppa. Anche alberomaestro. 

Manovra - Nome generico di tutti i cavi e di tutte le cime che si usano a bordo. Le«manovre» si distinguono in due grandi categorie: m. fisse o dormienti,cioè quei cavi che tengono in posizione fissa l'alberatura [sartie, stragli,ecc.); m. correnti o volanti, e cioè quei cavi che servono per manovrare levele, i pennoni, ecc. (bracci, imbrogli, ecc.).

Marea - Fenomeno, dovuto all'attrazione della luna e a quella del sole combinatecon il moto di rotazione della terra, per il quale il livello del mare in unadata località si alza e si abbassa periodicamente quattro volte nelleventiquattro ore.  Alta marea: il livello del mare più elevato, dovuto alfenomeno di marea; bassa marea: il livello del mare più basso, dovuto al

Page 195: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 195/199

fenomeno di marea; corrente di marea: la corrente marina che si produceverso costa quando il livello si alza, e verso il largo quando il livello siabbassa; marea calante o riflusso: l'abbassarsi del livello del mare dopol'alta marea; marea crescente a flusso: l'innalzarsi del livello del maredopo la bassa marea; marea delle quadrature: quella che si verifica nel primo ed ultimo quarto della lunazione e che presenta il minimo dislivellofra alta e bassa marea; marea delle sizigie: quella che si verifica nel plenilunio e nel novilunio e che presenta il massimo dislivello fra alta e bassa marea.

Mura - Cavo fissato a ciascuno degli angoli inferiori (bugne) delle due vele quadre più basse e più grandi (vela di trinchetto e vela di maestra): serve ad alaree fermare verso prua l'angolo della vela per far sì che il vento, quandospira da una direzione obliqua rispetto a quella della nave, possa colpire lasuperficie della vela stessa. Il cavo che tira invece le bugne verso poppa sichiama scotta. 

Murata  - Ciascuno dei due fianchi della nave, sopra la linea di galleggiamento(v.). L'insieme delle due murate costituisce quella parte emersa dello scafodetta opera morta (v.) in contrapposto alla parte immersa detta opera viva(v.).

O

Opera morta  - Nome di tutta la parte dello scafo al di sopra della linea digalleggiamento.

Opera viva - Nome di tutte le partì dello scafo immerse nell'acqua [carena (v.)].Ormeggiare - Fermare la nave con ancore e cavi (ormeggi) legati a dei punti fissi

in modo che la nave non subisca l'azione del vento e delle correnti.Ormeggio - L'atto e il modo di ormeggiare e anche il nome di ogni cavo impiegato

 per ormeggiare.Orzare  - Dirigere una nave portando la sua prua ad avvicinarsi alla direzione di

dove spira il vento. È il contrario di poggiare (v.). Orza quanto leva, è ilcomando dato al timoniere per orzare al massimo senza far sbattere levele. Caviglia all'orza: ordine dato al timoniere per portare la prua della

nave verso la direzione del vento.

P

Pagliolo - L'insieme delle tavole o lamiere mobili che costituiscono il pavimentodelle stive o dei locali delle macchine e caldaie.

Page 196: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 196/199

Panna - Lo stato di relativa immobilità nel quale si può tenere un veliero con unopportuno orientamento di vele.

Pappafico (Albero di) - Termine disusato per indicare il penultimo pennone e la penultima vela del trinchetto.La vela al di sopra delle gabbie. Oggi si chiama belvedere, velaccino,velaccio, rispettivamente per gli alberi di maestra, di trinchetto e dimezzana (controvelaccino = nei velieri a vele quadre, la più alta e più piccola vela quadra dell' albero di maestra). Prima era una piccola velatriangolare, ora è quadra.

Paranco - Attrezzo formato da due carrucole (bozzelli), una fissa e l'altra mobile, eda un cavo che passa per ambedue. Serve per sollevare dei pesi e, più ingenerale, a ridurre la forza necessaria per vincere una resistenza.

Parasartie - Tavola orizzontale posta fuori bordo delle navi, alla quale sono fissate per ogni lato le sartie dell'albero corrispondente.

Parrocchetto  - Vela di una nave a vele quadre sostenuta dall'albero di parrocchetto. 

Pennone  - Trave orizzontale che assicurato agli alberi sostiene le vele quadre.Sospeso per mezzo delle drizze e tenuto aderente all'albero per mezzodelle trozze può compiere movimenti angolari mediante i bracci nei limiticonsentiti dalle sartie (v.) e dai  paterazzi e orientare in questo modo levele. Prende il nome dalle vele che regge, tracciare i pennoni: la manovra per far ruotare orizzontalmente i pennoni per presentare le vele al vento e per ottenere il massimo moto progressivo oppure i movimenti diaccostata. 

Picco - Specie di mezzo  pennone, disposto obliquamente all'albero e sul quale siallaccia il lato superiore di quella vela di taglio detta randa. 

Poggiare - Dirigere una nave in modo che la sua prua si allontani dalla direzionedel vento per riceverlo più favorevolmente.

Ponte - Ciascuno dei piani orizzontali in cui si divide la nave. Il ponte superiorescoperto si chiama coperta. 

Poppa - Estremità posteriore della nave.Portello - Vedi quartiere. Prora o prua - Estremità anteriore della nave.Punto (Fare il) - Le osservazioni e i calcoli necessari per la determinazione della

 posizione della nave, sia geografica (latitudine e longitudine), sia riferitaalla costa.

Q

Quadro di poppa - Parte estrema piana superiore della poppa col nome della nave.Quartiere (di boccaporto) - Ognuna delle tavole mobili che servono per chiudere i

boccaporti (v.) delle stive.

Page 197: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 197/199

Page 198: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 198/199

tonnellate di merce (stazzare). Stiva - Lo spazio destinato a contenere il carico nelle navi mercantili.Straglio - Ognuno di quei cavi, in genere metallici, che sostengono gli alberi verso

 prua.Stringere il vento  - Navigare quanto più possibile verso la direzione da cui

 proviene il vento. Si dice anche andare di bolina.

T

Trinchetto (Pennone di) - Il pennone più basso dell'albero di trinchetto sul quale èinferita (allacciata) la vela di trinchetto. 

Trinchetto (Vela di) - La vela più bassa dell'albero di trinchetto. Tagliamare - Lo spigolo del dritto di prora con cui la nave fende l'acqua.Tambuccio  (o tambuggio) - Specie di casotto sistemato intorno e sopra i

 boccaporti per impedire l'accesso di vento o acqua piovana.Tavolato  - Insieme di tavole. Tavolato della coperta: l'insieme delle tavole che

ricoprono la coperta. Terzaruolo (o terzarolo) - Porzione di vela che può essere ripiegata per diminuire

la superficie della tela esposta al vento. Secondo, l'ampiezza della vela ci possono essere più «terzaruoli». Prendere una o più mani di terzaruolo

vuol dire diminuire la superficie della tela di una o più porzioni di vela.Tesare - Tendere un cavo o distendere bene una vela per diminuirne la curvatura

che subisce per l'azione del vento.Timone - L'organo che sulle navi e in genere in ogni galleggiante serve a produrre

i movimenti angolari necessari per guidarli nel loro cammino.Traverso  - Direzione perpendicolare alla chiglia e quindi al fianco stesso e alla

rotta della nave. Prolungata a dritta e a sinistra, questa direzione serve perindicare la direzione del vento, del mare, della corrente, ecc. Vento ditraverso: vento che viene in direzione perpendicolare.

Trinchettina  - La più bassa di quelle vele di taglio sistemate tra l'albero ditrinchetto e il bompresso, dette fiocchi. 

Trinchetto (Albero di) - L'albero più vicino alla prua.

Page 199: Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

8/12/2019 Jules Verne - I Naufraghi Dello Chancellor

http://slidepdf.com/reader/full/jules-verne-i-naufraghi-dello-chancellor 199/199

V

Vela  - La superficie formata dall'unione di più strisce (ferzi) di tela Olona cheutilizza la pressione del vento per imprimere il moto ad un galleggiante.Le vele si dividono in due specie: vele quadre e vele di taglio. Le primesono di forma trapezoidale e si inferiscono (si allacciano) a quelle travi

orizzontali incrociate sugli alberi dette pennoni; le seconde sono in generetriangolari e sono inferite a verghe oblique (antenne, picchi) o a cavi fissi(stragli e draglie) lungo il piano longitudinale della nave. Le vele di tagliosi suddividono in:  fiocchi, vele di straglio, vele latine e vele àuriche.Controbracciare le vele: manovra per dare alle vele, nel senso orizzontale,l'inclinazione opposta.  Imbrogliare le vele: raccogliere le vele a festoni(gli imbrogli) allo scopo di sottrarre le vele all'azione del vento.  Metterealla vela: spiegare le vele per lasciare l'ancoraggio. Far  portare le vele: sidice delle vele quando ricevono il vento dal lato favorevole per ottenere ilmoto in avanti. Serrare le vele:  piegare e arrotolare le vele lungo i pennoni e le antenne. 

Velatura - L'insieme delle vele di una nave.Virare - Far forza per tendere (alare) un cavo o una catena con una delle macchine

di bordo.Virare  (di bordo) - Manovrare per far voltare la nave in modo che cambi il lato

(bordo) dal quale prende il vento Si può virare in prora o virare in